Una missione segreta intorno alla Terra parte con una navetta che non tornerà presto

Una missione segreta intorno alla Terra parte con una navetta che non tornerà presto

Gli Stati Uniti dispiegheranno uno shuttle di prova attorno alla Terra a metà dicembre 2023. Si prevede che rimarrà in orbita per mesi o addirittura anni. Questo veicolo, chiamato X-37B, persegue obiettivi scientifici e militari.

Nei prossimi mesi e anni, le vicinanze della Terra saranno teatro di attività insolite. Uno shuttle sperimentale americano – l’X37-B – verrà messo in orbita a metà dicembre 2023, senza dubbio per un periodo molto lungo. Un razzo SpaceX Falcon Heavy fornisce il trasporto.

Questo volo, confermato dalle forze spaziali americane l’8 novembre, consiste nell’effettuare “ Una vasta gamma di scopi di test e sperimentazione “. Nel suo comunicato stampaL’esercito in particolare menziona “ Sfruttare i veicoli spaziali in nuovi sistemi orbitali ” E ” Studio degli effetti delle radiazioni sui materiali fornito dalla NASA “.

In questo caso i semi vengono forniti dall’Agenzia spaziale americana per studiare gli effetti delle radiazioni sulle piante durante un volo spaziale a lungo termine. Questo è il progetto Seeds-2. A lungo termine, le lezioni apprese da questo tipo di esperienza verranno utilizzate per preparare le missioni umane di domani, in particolare quelle destinate alla Luna e a Marte.

Un nuovo (molto) lungo viaggio è all’orizzonte

Per la Space Force, questo lungo viaggio – non sappiamo quale sarà la sua durata – è anche un’opportunità per accumulare conoscenze nel controllo dell’ambiente spaziale, in previsione delle future esigenze operative. Robustezza del veicolo in orbita, effetti sui materiali utilizzati, manovrabilità, propulsione, comunicazioni, riutilizzabilità, ecc.

Il volo X37-B potrebbe essere utilizzato anche per altri scopi, questa volta classificati. Il progetto rimane sotto la supervisione del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. È quindi possibile immaginare altri usi, nell’intelligence, nella sorveglianza o anche nelle armi, che potrebbero essere effettuati immediatamente dall’orbita terrestre.

READ  Individua l'intruso in questo puzzle visivo in tempo record!

La missione, denominata USSF-52, è la settima del suo genere a includere lo Space Shuttle X37-B, il cui aspetto generale ricorda lo storico Space Shuttle statunitense. Tuttavia è molto più piccolo, non ha cabina di pilotaggio e la sua pinna è doppia e diagonale (a differenza della pinna singola e verticale dello shuttle della NASA).

Ogni volo dell’X37-B era adatto per un volo orbitale leggermente più lungo. Il primo test nel 2010 è durato poco più di 224 giorni. Il secondo era di 468 giorni. Nel viaggio successivo il limite salì a 674 giorni, poi a 717 giorni, 779 e infine a 908 giorni. Quest’ultima missione è iniziata nel maggio 2020 e si è conclusa nel novembre 2022. Sono due anni e mezzo.

L’X37-B, costruito dalla Boeing, è al suo quarto volo. È implementato sia dalla Space Force che dall’Air Force Rapid Capabilities Office, che fa base sull’aeronautica degli Stati Uniti. Questa è la prima volta che viene inviato nello spazio da un razzo Falcon Heavy. Nelle sei missioni precedenti, cinque sono state effettuate con un lanciatore Atlas e una con un razzo Falcon 9.


partecipazione a Nomirama su Google News Così non ti perderai nessuna informazione!

Guarda il mondo dallo spazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *