Una grande operazione di salvataggio di uno storico tempio greco in Italia

file immagine

Una battaglia contro il tempo, l’erosione e le intemperie per salvare il cimitero storico e il cimitero greco di Livorno, in Italia, è stata lanciata nei giorni scorsi da un team di architetti e urbanisti dell’Università Aristotele di Salonicco e dal Comitato di vigilanza greco. L’Istituto Veneziano nominato dal Dipartimento di Stato.

Entro i prossimi due mesi e prima che si ripetano eventi meteorologici estremi, come quello che ha colpito il paese limitrofo la scorsa settimana, si cercherà, in collaborazione con i servizi italiani, di costruire un ricovero speciale che protegga l’intera Chiesa della Vergine nell’antico cimitero greco di Livorno, l’intero anfiteatro che ora rischia il crollo.

Come già riscontrato da un team scientifico dell’AUTh che ha visitato l’antico cimitero di Livorno all’inizio del mese scorso, parte del tetto della chiesa era crollato a causa dell’acqua piovana e minacciava gravemente l’interno.

“L’abbandono cronico della chiesa e dei cimiteri familiari dove il resto delle grandi figure della Rivoluzione greca è stato portato nelle devastazioni del tempo per decenni e le misure urgenti di salvataggio devono essere attuate rapidamente”, hanno affermato i membri del team scientifico di AUTh che ha parlato con . Scimmia-MPE.

Questi sono Professore Associato di Architettura – Direttore del Corso di Laurea Interdipartimentale “Protezione – Conservazione e Restauro dei Monumenti Culturali” Maria Arakadaki, Professore Emerito di Architettura e Archeologia Georgios Karadius e Professore Associato Lefke.

Questi ultimi due, con il Professore Emerito di Ingegneria Civile Christos Ignatakis, si sono recati in Italia ed hanno eseguito un’autopsia nell’antico cimitero di Livorno, in risposta a un invito senza scopo di lucro del presidente del comitato di vigilanza appena costituito.

READ  Un uomo di 69 anni, scomparso da sei mesi, è stato ritrovato in fondo al porto

Mr. Arambatzis ha detto ad APE-MPE dopo che la nuova legge è stata approvata la scorsa estate e inclusa nei principali obiettivi fissati sia dall’ex vice ministro degli Esteri Giannis Amanatidis che dall’attuale Marcos Polaris.

I tre professori dell’Università Aristotele di Salonicco hanno consegnato lo studio di recupero che è urgente per la chiesa cimiteriale e riguarda la costruzione di un grande santuario e il conseguente fermo lavoro. “Il problema all’interno della chiesa è il più grande, con l’acqua piovana e danni ai murales e ai pannelli del soffitto”, ha affermato il professore associato Stiliani Levaki. Ha aggiunto che queste misure di salvataggio ci daranno tempo e opportunità per condurre l’indagine – studi di restauro e passaggio, che dovrebbero essere completati nel 2019 e saranno relativi all’intero cimitero greco.

Il cimitero di Livorno, dove si trovano le tombe dei Mavrokorda, dei Rodokanaki e di altri illustri greci della diaspora, appartiene alla giurisdizione dell’Istituto Ellenico di Venezia ed è soggetto alle norme relative all’Accordo Greco-Italiano del 1951. Il presente accordo è la proprietà dell’Istituto Ellenico di Studi Bizantini e Postbizantini, che comprendeva la proprietà della comunità greco-ortodossa Venezia storica opera sotto forma di NPDD, l’unico al di fuori dei confini dello stato greco.

I servizi italiani, come ricordano i rappresentanti dell’istituto, segnalano da tempo la necessità di accelerare le procedure per il salvataggio del monumento protetto e conservato di Livorno, in particolare il cimitero e decine di altri cimiteri situati ad Aperta. La maggior parte sono in marmo con iscrizioni e nomi scolpiti o incisi, molti sono a forma di tempio, con un numero di statue di intagli eccezionali con motivi che ricordano gli artisti delle isole greche.

READ  Ha ragione Emmanuel Macron quando dice che i francesi lavorano meno dei loro vicini?

“Questo cimitero privato”, secondo i dati trasmessi dal signor Karadios in APE-MPE, “fu costruito nel 1840 e vi furono trasferite tombe e ossa da un altro cimitero che operava prima della rivoluzione del 1821. Il primo nucleo dei Greci nella città di Livorno è documentato dal 1562. Dalla chiesa L’antica greca della Santissima Trinità (1757) nell’arcidiocesi greca di Livorno, alcune importanti icone che oggi sono conservate dalle autorità italiane e possono essere nuovamente esposte una volta il cimitero è restaurato e messo in sicurezza per la custodia”.

La comunità greca a Livorno, oggi fiorente, esisteva prima del 1821 dal fiorire dell’ellenismo con un grande contributo alla lotta di liberazione. I mercanti ricchi e istruiti hanno sostenuto la lotta con materiali viventi, denaro e forniture. Le loro navi trasportavano volontari e Fellini, come Lord Byron, per combattere dalla parte dei ribelli. Ha assegnato borse di studio a bambini greci per studiare medicina e belle arti. Ha sponsorizzato la pubblicazione del lavoro di Koray. La città era la roccaforte di Tositsas e Mavrokordatos, la seconda casa del poeta greco-italiano Andreas Calvus.

Fonte: ΑΠΕ-ΜΠΕ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *