Un superburst ha rilasciato più energia di quella del Sole per 10 miliardi di anni

Un superburst ha rilasciato più energia di quella del Sole per 10 miliardi di anni

L’esplosione ha sorpreso gli astronomi per la sua intensità e per la sua altrettanto rapida scomparsa. In origine potrebbe trattarsi di un buco nero.

Gli astronomi rimasero “impressionati”. Un articolo ha rivelato che la “super esplosione” osservata dai ricercatori alle Hawaii, in Cile e in Sud Africa, ha rilasciato fino a 100 volte più energia della supernova media. Spazio mediatico specializzato 8 settembre questo. Il lampo, chiamato AT2022aedm, è stato osservato mentre eruttava da una galassia rossa situata a circa 2 miliardi di anni luce dalla Terra. I ricercatori hanno rapidamente stabilito che si trattava di qualcosa che non era mai stato visto prima.

AT2022aedm è una delle esplosioni più luminose che abbiamo mai osservato e una delle più veloci a scomparire dopo il suo picco. Matt Nicholl, astrofisico della Queen’s University di Belfast, ha dichiarato:

In sole due settimane, AT2022aedm ha rilasciato tanta energia quanta ne ha rilasciata il Sole durante i suoi 10 miliardi di anni di esistenza. La brillantezza era così grande da meritare la creazione di una nuova categoria stessa: “Luminous Fast Cooler” o LFC (Luminous Fast Cooling). Questo nome è un riferimento del ricercatore Matt Nicol e dei suoi colleghi alla loro squadra di calcio preferita, il Liverpool Football Club, conosciuta anche con l’abbreviazione LFC.

Un buco nero circondato da stelle

Origine dell’esplosione? ” Penso che la spiegazione più plausibile per oggetti LFC come AT2022aedm sia la distruzione delle stelle da parte di un buco nero » dice Matt Nicol. Se un buco nero di piccola massa si trova in un ambiente denso con molte stelle e le stelle gli si avvicinano troppo, il buco nero stellare sarà comunque in grado di fare a pezzi quelle stelle e consumarle.

READ  Il rover cinese scopre tracce d'acqua su Marte
Rappresentazione artistica di un buco nero e del suo getto. // fonte : S. D’Agnello (NRAO/AUI/NSF)

Tuttavia, non possiamo parlare di una supernova. ” La galassia in cui è stata osservata l’esplosione contiene solo stelle antiche e di piccola massa; La sua massa non è più di otto volte quella del Sole, che è quella necessaria per formare una supernova “, ha spiegato l’astronomo. Quindi il buco nero sarebbe l’ovvio colpevole.


Vuoi sapere tutto sulla mobilità del futuro, dalle auto elettriche alle e-bike? Iscriviti ora all’ultima newsletter di Wat!

Guarda il mondo dallo spazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *