Un nuovo dispositivo di neurostimolazione è stato testato per curare la depressione negli esseri umani

Un nuovo dispositivo di neurostimolazione è stato testato per curare la depressione negli esseri umani

Un minuscolo impianto è stato testato per la prima volta per stimolare il cervello negli esseri umani. Sono necessarie ulteriori ricerche, ma se funzionasse come sperato, potrebbe essere un modo più conveniente e meno rischioso di utilizzare la neurostimolazione per trattare le persone con depressione e altri disturbi neuropsichiatrici.

la sfida: SU 280 milioni di persone Si stima che in tutto il mondo si conviva con la depressione 30% Soffrono di depressione resistente al trattamento (TRD), il che significa che non avvertono alcun sollievo dai sintomi anche dopo aver provato due o più antidepressivi.

È stato dimostrato che la neurostimolazione – utilizzando impianti elettrici o macchine esterne per stimolare leggermente il cervello – allevia i sintomi della depressione in alcune persone con TRD.

“Abbiamo sviluppato quello che crediamo sia il più piccolo dispositivo di stimolazione cerebrale impiantabile mai dimostrato in un essere umano”.

Giacobbe Robinson

Tuttavia, eseguire un trapianto di cervello è una procedura seria: in genere, i medici aprono il cranio di un paziente per inserire il dispositivo, quindi passano i fili sotto la pelle fino a una batteria nel petto.

Perché esterno I dispositivi di neurostimolazione devono essere sufficientemente potenti da funzionare dall’esterno del cranio, sono approvati per l’uso solo in cliniche e una persona potrebbe dover mantenere gli appuntamenti in clinica cinque giorni alla settimana per un massimo di sei settimane.

Cosa c’è di nuovo? La startup Motif Neurotech con sede a Houston sta sviluppando un impianto cerebrale delle dimensioni di un pisello che richiede solo 20 minuti per essere inserito durante una procedura ambulatoriale. Può facilmente fornire neurostimolazione a casa di una persona, eliminando la necessità di visite regolari in ufficio.

READ  È stato lanciato YouTube Create, un nuovo strumento di editing video basato sull'intelligenza artificiale

La startup ha recentemente condiviso a carta I dettagli delle prime due dimostrazioni del dispositivo, nonché i dati dei test sui suini durati fino a 35 giorni, si trovano sul server di prestampa medRXiv.

“Abbiamo sviluppato quello che crediamo sia il più piccolo dispositivo di stimolazione cerebrale impiantabile mai dimostrato in un essere umano”. Egli ha detto Jacob Robinson, CEO e fondatore di Motif. “Il nostro dispositivo wireless e senza batteria fornirà una soluzione di neurostimolazione minimamente invasiva per il trattamento di malattie neuropsichiatriche come la TRD”.

Fornire uno stimolante neurologico incentivante. Credito: motivazione neurotecnologica

Come funziona: Per impiantare il dispositivo, i chirurghi tirano la pelle su una parte del cranio di una persona e praticano un piccolo foro nell’osso senza attraversarlo completamente o esporre il cervello. Quindi posizionano l’impianto nel cranio stesso, aggiungono un cappuccio e riattaccano la pelle.

Per trattare la TDS, una persona deve indossare un auricolare che può emettere un campo magnetico. Ciò fa vibrare il materiale elettromagnetico nell’impianto cerebrale e un’altra parte dell’impianto converte tali vibrazioni in elettricità.

Primi passi: Durante i test sull’uomo – che includevano due pazienti che avevano già subito un intervento chirurgico per rimuovere un tumore al cervello – l’impianto è stato posizionato sulla parte del cervello che controlla il movimento per pochi minuti.

È stata quindi utilizzata una bacchetta per fornire il campo magnetico necessario per stimolare il trapianto di cervello. Ciò ha causato tremori muscolari nelle mani dei pazienti.

Quando l’impianto è stato testato sui maiali, i ricercatori hanno preso di mira anche la parte del cervello che controlla il movimento, anche se in questi studi il dispositivo è stato lasciato nel cranio degli animali fino a 35 giorni.

READ  HarmonyOS di Huawei ha decollato i dispositivi domestici intelligenti

In entrambi i casi, i test mostrano che il dispositivo è capace di neurostimolazione, ma non ci dicono se può trattare la TRD con la stessa efficacia di altri metodi o se non può trattarla affatto.

“Vediamo un percorso per il trattamento dei disturbi psichiatrici e neurologici attraverso brevi procedure ambulatoriali”.

Woods et al. (2023)

Non vedo l’ora: Motif sta ancora sviluppando le cuffie necessarie per consentire la neurostimolazione a casa, ma spera di avere il suo sistema pronto per gli studi di fattibilità. Nel 2025.

Se funziona come sperato con TRD, potrebbe essere potenzialmente usato per trattare altri disturbi noti per rispondere anche alla stimolazione cerebrale, come il morbo di Parkinson, la malattia di Tourette e il disturbo ossessivo-compulsivo.

“Con questi piccoli dispositivi di neuromodulazione senza batteria, vediamo un percorso per trattare i disturbi psichiatrici e neurologici con brevi procedure ambulatoriali che portano a trattamenti semplici a lungo termine con pochissimi effetti collaterali rispetto ai farmaci”. Ricercatori.

Ci piace sentire la tua opinione! Se hai un commento su questo articolo o se hai un suggerimento per una futura storia di Freethink, inviaci un’e-mail a [email protected].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *