Tennis. St Brieuc Open: “La prima volta” di Lukas Pollin

Tennis.  St Brieuc Open: “La prima volta” di Lukas Pollin


Sblocca il pool di armature Saint-Brieuc (ATP 75)

“Era la prima volta che partecipavo al tabellone principale del Challenger”. Lucas Poulin (558° posto), dopo i suoi due successi nelle qualificazioni, ha aggiunto il terzo gol lunedì allo Stade Saint-Brieuc (6-1, 7-6) contro il mancino italiano Giovanni Uradini (395° posto).

“Ero già molto contento di qualificarmi. Vincere il primo turno è ancora meglio”, assapora l’attaccante da fondo campo, vigile e sciolto.

anno senza giocare

Fino al 6-1 5-2, Pornicais ha fornito la partita perfetta. “In quel momento mi sono sentito un po’ nervoso. Ha anche giocato meglio. Improvvisamente ha commesso meno errori. Ma sono contento di essere riuscito a recuperare. Procedendo al tie-break sempre rischioso, il membro dello SNUC Nantes si è tolto di mezzo ( 7-2), soprattutto quando si è allontanato dalla sua mazza con un formidabile dritto, portandosi in vantaggio per 5-2.

Il ragazzo non è in tribunale a causa della fama o dei soldi. Avrebbe potuto abbandonare tutto quando l’operazione al menisco lo ha rimandato per quasi un anno. “Ma mi piace molto! Ride. Vincitore di cinque tornei ‘minori’, tra cui l’ultimo a Faro in Portogallo alla fine di febbraio, Lucas Polín si è lasciato alle spalle la frustrazione scendendo dal 426° al 1448° posto nel mondo. “Stavo giocando molto bene. Prima che potessi farmi male, mi ha tagliato le tracce”.

Laurea triennale e magistrale in Management

Il suo ginocchio destro è guarito e Lukas Pollin ha ripreso il filo della sua vita. Non rifuggire dall’ombra, ma lasciati trasportare dai piaceri del giorno successivo. “Ora guardo il rating, sta scivolando. È bello salire a poco a poco. Lo ‘colpisce’ al 426esimo piano dell’ATP. Spera di superarlo velocemente. Era lui che era interessato a laurearsi in economia e management a Nantes prima di conseguire il master in gestione dello sport presso la Florida State University, USA.

READ  Keylor Navas, la priorità del Cador italiano - Sport.fr

“Ho iniziato a fare il professionista un po’ più tardi. Il mio obiettivo è andare ai confini del mio paese. Non mi interessa”. In questi tornei Challenger, “Non è complicato, dice, ci sono solo buoni giocatori. So che la competizione è molto dura. Ma ho anche la mia possibilità di giocare e ci credo totalmente”. Dal suo bancone di 75, si presume che il ragazzo sia atipico. “Potrei essere meno forte di altri, cerco di compensare con anticipazione e relax. Corro anche molto. È così che ho sempre giocato”. E ha finito per vivere la sua “prima volta” a questo livello. A Saint-Brieuc, non lontano da casa sua.

Lucas Poullain in particolare si affida a un ottimo rovescio, colpendo con una o due mani. (Foto di Laurent Riviere)

Tutte le notizie sul tennis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *