Steve Scalise si ritira dalla corsa alla presidenza degli Stati Uniti

Steve Scalise si ritira dalla corsa alla presidenza degli Stati Uniti
  • Scritto da Bernd Debusmann Jr
  • Notizie della BBC, Washington

Spiegazione video,

Guarda: Scalise si ritira dalla corsa al presidente della Camera a causa di “defezioni”

Il deputato repubblicano Steve Scalise ha abbandonato la corsa per diventare presidente della Camera solo un giorno dopo che il suo partito lo aveva nominato.

Scalise, 58 anni, aveva lottato per ottenere abbastanza voti per assicurarsi la maggioranza assoluta alla Camera.

L’annuncio è arrivato dopo una riunione dell’ultimo minuto dei repubblicani alla Camera giovedì.

Non è chiaro chi il partito nominerà ora per questa posizione.

Parlando ai giornalisti dopo l’incontro, Scalise ha detto: “Dobbiamo convincere tutti a mettere da parte le proprie agende e concentrarsi su ciò di cui questo Paese ha bisogno”.

“Questa Camera dei Rappresentanti ha bisogno di un oratore e dobbiamo riaprire la Camera. Ma chiaramente non c’erano tutti. Ci sono ancora divisioni che devono essere risolte”, ha detto.

Nonostante abbia sconfitto lo sfidante di destra Jim Jordan in uno scrutinio segreto mercoledì, Scalise ha dovuto affrontare una crescente opposizione da parte dei repubblicani di base.

Gli sforzi per influenzarli abbastanza da ottenere i 217 voti di cui aveva bisogno per assicurarsi la vittoria come presidente giovedì non hanno avuto successo.

Nelle sue osservazioni giovedì sera, Scalise ha riconosciuto che “non accadrà”.

Ha detto: “C’erano persone che mi hanno detto che stavano bene con me tre giorni fa, e stavano cambiando il palo della porta e inventando ragioni… Questo non c’entra niente”. “Guarda, c’erano dei giochi in corso e ho detto che non ne avrei preso parte.”

Ma ha promesso di rimanere il leader della maggioranza del suo partito, dicendo ai giornalisti che ha un “lavoro che amo”.

Rispetto a Jordan, Scalise era considerato un candidato più tradizionale in corsa. Si è fatto strada attraverso la leadership del GOP, costruendosi una reputazione come legislatore efficace e raccoglitore di fondi lungo il percorso.

Fino a quando non verrà scelto un relatore, la Camera dei Rappresentanti non potrà approvare alcun disegno di legge o approvare le richieste di aiuti di emergenza della Casa Bianca, anche a Israele.

Inoltre, ciò significa che il Congresso non è in grado di approvare alcun disegno di legge di spesa che consentirebbe al governo di evitare un potenziale blocco a metà novembre.

Prima che Scalise abbandonasse la corsa, i repubblicani alla Camera presentarono una serie di proposte per porre fine ai disordini a Capitol Hill.

Un’opzione è quella di conferire al presidente ad interim della Camera, Patrick McHenry, ulteriori poteri per un periodo temporaneo che consentirebbe alla Camera di funzionare e, cosa più importante, evitare una chiusura del governo.

Tuttavia, ciò richiederebbe la cooperazione dei democratici dell’opposizione. Giovedì i legislatori erano divisi sulla questione se la mossa sarebbe stata una soluzione praticabile.

La seconda opzione è che i democratici si incontrino con i repubblicani per eleggere con successo un candidato consensuale.

Alcuni democratici hanno anche suggerito che alcuni repubblicani potrebbero attraversare la navata per votare per il leader della minoranza Hakeem Jeffries come presidente, anche se questa opzione è considerata inverosimile da molti a Capitol Hill.

La posizione di presidente della Camera è vacante da 10 giorni da quando Kevin McCarthy è stato estromesso dai sostenitori della linea dura all’interno del GOP, che hanno votato contro di lui dopo aver raggiunto un accordo con i democratici del Senato per finanziare le agenzie governative.

Molti di quegli stessi legislatori hanno rifiutato di votare contro Scalise mercoledì e giovedì.

Dopo l’annuncio, alcuni parlamentari hanno espresso la speranza che Jordan – che ha sostenuto Scalise dopo il ballottaggio di mercoledì – sarebbe ora il candidato.

Alla domanda se avrebbe sostenuto il signor Jordan dopo aver abbandonato la gara, il signor Scalise ha risposto: “Dovrebbero essere le persone che non lo fanno per se stesse e per il proprio vantaggio”.

Da parte sua, McCarthy ha affermato che i repubblicani alla Camera dei Rappresentanti devono “conoscere i propri problemi, risolverli e scegliere un leader”.

READ  உப்பைக் குறைப்பது நோய் எதிர்ப்பு சக்தியை அதிகரிக்குமாம்!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *