SpongeBoy può ispirare gli assorbenti di domani

SpongeBoy può ispirare gli assorbenti di domani

La stranezza del mondo animale è illimitata. D’altra parte, la nostra comprensione, noi bipedi, è sempre dipesa dalla nostra curiosità, dalla nostra ostinazione e dalla nostra capacità di indagine.

A più di un secolo dalla sua prima descrizione, due scienziati americani hanno appena fornito una spiegazione dettagliata di una curiosità ornitologica: la tendenza del piovanello namako a succhiare acqua nelle sue piume, per poi trasmetterla per dissetare i suoi piccoli. nel diario Giornale dell’interfaccia della Royal Society 11 apriledue specialisti in scienze dei materiali descrivono, attraverso immagini microscopiche, la trasformazione di una piuma di uccello in una vera zucca e vi invitano a trarne ispirazione per progettare nuovi sistemi di stoccaggio dei fluidi.

Nel 1896, l’ornitologo britannico Edmund Mead-Waldo (1855-1934) descrisse per primo “strana abitudine” È preso dai maschi di questo uccello dell’Africa meridionale con l’aria falsa di una pernice, una delle quattordici specie del genere piovanello. Un allevatore di uccelli esotici nella sua vasta proprietà, meravigliato delle difficoltà del namaqua sandgrouse, immerge il ventre in uno stagno e si dimena lì per inzuppare le sue piume nel liquido prima di volare via verso il nido e la sua prole. “Ma sembrava così contraddittorio che ci sono voluti settant’anni prima che la comunità scientifica lo accettasse”.afferma Jochen Müller, professore associato di ingegneria civile presso la Johns Hopkins University (Md.), specializzato in “materiali intelligenti”, ed è il primo firmatario dell’articolo.

Affronta la siccità della savana

Due ornitologi della Cornell University (Stato di New York), Tom Kidd e Gordon McClain, pubblicato nel 1967, nel diario condorE Descrizione dettagliata del fenomeno. Innanzitutto notano che la specie nidifica sempre a grande distanza dai punti d’acqua, fino a trenta chilometri. Un modo efficace per tenersi alla larga da molti predatori.

READ  Un "enorme terremoto" è stato registrato su Marte e puoi ascoltarlo

Pertanto, lo strano comportamento gli consente di incontrare la siccità nell’Africa meridionale o nella savana namibiana dopo la schiusa delle uova. Immergendo il petto, il maschio assorbe una quantità d’acqua pari al 15% del suo peso (da 170 a 190 grammi secchi). Anche se le perdite e l’evaporazione fanno perdere loro circa la metà durante il viaggio di ritorno, i tre pulcini della nidiata trovano lì qualcosa in cui intingere il becco e dissetarsi.

Ma come funziona un tale sistema su scala microscopica? Incuriositi dalle piume, Mueller e un collega del Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno deciso di studiarle sui piovanelli. Osservando le strutture arboree delle tre piume, utilizzando nuove tecniche di imaging – rachide, barbe e barbule – sono stati in grado di dettagliare la struttura delle ultime due. “La forma elicoidale e il diametro dei bilancieri sono coerenti con la struttura ideale prevista dalla teoria”La meraviglia di Jochen Mueller. Soprattutto hanno misurato come la deformazione di barbe e barbigli sotto l’azione dell’acqua permettesse di mantenere intatte le goccioline nonostante gli scossoni del trasporto. “È come una spugna bagnataIl ricercatore continua. Solo l’esterno permette all’acqua di defluire. Ma le piume del piovanello funzionano molto meglio, poiché rilascia l’acqua con la stessa facilità con cui la assorbe e la immagazzina, senza doverla strizzare. Una volta completato il processo, le piume si asciugheranno, mentre la spugna rimarrà umida. »

Ti resta l’11,96% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *