Salvare la Terra espellendo la polvere lunare? cattiva idea

Salvare la Terra espellendo la polvere lunare?  cattiva idea

In questo nuovo studio, gli scienziati immaginano modi per bloccare il sole per consentire al nostro pianeta di raffreddarsi. Per fare questo, suggeriscono di sparare alla polvere lunare. Ma questa idea deve affrontare molti problemi, compresi quelli etici.

Con le conseguenze del cambiamento climatico che diventano ogni anno più evidenti, lo sono anche gli appelli per combatterlo. Ad esempio, trovare soluzioni per ridurre le emissioni di gas serra, ridurre il consumo di carne o eliminare i combustibili fossili. Ma alcuni cercano idee… nello spazio.

È, tuttavia, ciò che è nel cuore Da uno studio pubblicato sulla rivista PLOS Climate. Gli autori descrivono come la polvere in orbita, tra la Terra e il sole, possa proteggerci dalle radiazioni e ridurre così il calore sul nostro pianeta. ” Lo scopo del nostro concetto è quello di ridurre la luminosità che riceviamo dal sole “Dettagli sull’autore principale di Numerama, Benjamin Bromley, astronomo dell’Università dello Utah.” Speriamo di poter ridurre la luminosità dell’1 o del 2% con una nuvola di polvere nello spazio. »

10 milioni di tonnellate di polvere all’anno

Un’idea che sembra uscita da un film di fantascienza, ma è descritta in modo molto artistico in questa monografia. Secondo i calcoli degli autori, la cosa migliore è togliere la polvere dalla luna: è in una traiettoria così buona che i granelli vengono messi in orbita nel punto lagrangiano L1. Il problema è che questa orbita è instabile, quindi la polvere finirà per depositarsi dopo pochi giorni, il che significa dover ricominciare da capo una volta che non ce n’è abbastanza. Alla fine, ci vorrebbero circa 10 milioni di tonnellate di polvere ogni anno per ottenere un risultato permanente. Lo studio mostra che i modelli climatici prevedono i limiti del riscaldamento globale a breve termine se la luminosità del sole scende al di sotto di questo livello.

READ  Cento nuove potenziali specie scoperte sott'acqua al largo delle coste del Cile - rts.ch
Concetto di bolla spaziale. Fonte – Massachusetts Institute of Technology

Per quanto sorprendente possa sembrare, questo studio è ben lungi dall’essere l’unico a immaginare una soluzione simile: è il campo della geoingegneria. Un team sostenuto dal MIT, da parte sua, lavora da anni su un concetto bolle spaziali Che formerà uno schermo tra la terra e il sole. Una struttura molto delicata che limiterebbe la radiazione solare e ci regalerebbe un clima più mite. La loro argomentazione per lo sviluppo di un progetto così gigantesco: “ Se il cambiamento climatico è già così grande, quale potrebbe essere la nostra soluzione di emergenza? »

Benjamin Bromley adotta lo stesso approccio: È una scelta per gli umani avere più tempo per risolvere i loro problemi sulla terra. In altre parole, questa tesi considera che gli sforzi per ridurre l’inquinamento e l’esaurimento delle risorse sono troppo lenti e che queste tecnologie possono fornire tempi di consegna.

“C’è un problema etico”

Ma il progetto è tutt’altro che unanime tra gli studiosi. In generale, la geoingegneria deve affrontare pesanti critiche: una lettera aperta, all’inizio del 2022, ha avvertito dei rischi morali e politici di questo tipo di approccio: questo rimedio potrebbe essere peggiore della posta elettronica, secondo questi scienziati.

Sono soluzioni tecniche Secondo Olivier Bernet, astrofisico dell’Istituto di ricerca in astrofisica e planetologia di Tolosa. ” Ad alcuni piace contarci per risolvere la crisi climatica, ma soprattutto è un modo per trasformare il problema. »

Infatti, anche supponendo che queste barriere di polvere o plastica sarebbero sufficienti per ridurre il riscaldamento globale – cosa non dimostrata – non modificano l’uso delle risorse, anzi. ” L’idea è di sfruttare eccessivamente un’altra regione, la Luna Olivier Bernet riassume. ” Questo studio è una patch sul continuare a consumare in modo sconsiderato e non credo sia un buon modo per affrontare il problema del clima. »

READ  L'esplorazione del cervello umano ha rivelato misteriose coppie di neuroni: il quadro più dettagliato delle connessioni del cervello umano fino ad oggi

Peggio ancora, immaginare la possibilità di limitare la luminosità del sole potrebbe incoraggiarci a mettere da parte gli sforzi necessari sulla Terra, visto che sembra esserci una soluzione meno restrittiva. Ma per Benjamin Bromley, l’effetto sarebbe l’opposto: Dato quanto sia complesso il nostro concetto da impostare e richieda molto impegno, le persone si renderanno conto che è più facile agire sul campo, e questo li incoraggerà ad agire prima. »

“Quando produci uno studio scientifico, devi chiederti come viene gestita la questione ambientale”.

Un annuncio lascia scettico Olivier Bernet: ” C’è un problema etico: quando si prepara uno studio scientifico, bisogna chiedersi come viene gestita la questione ambientale, ma anche qual è l’impatto di questo studio sulle future politiche sociali e ambientali. »

Rappresentazione artistica della nuvola di polvere davanti a Betelgeuse.  // Fonte: ESO, ESA/Hubble, M. Kornmesser
Rappresentazione artistica della nuvola di polvere davanti a Betelgeuse. // Fonte: ESO, ESA/Hubble, M. Kornmesser

Per il ricercatore attivo all’interno del gruppo Laboratori 1 punto 5 Coloro che sono interessati all’impatto della ricerca scientifica sul clima dovrebbero considerare la questione ambientale per ogni ricerca, così come i temi legati alla bioetica o al maltrattamento degli animali.

Questo significa che dobbiamo impedire la pubblicazione di tali studi che sono in grado di ottenere più benefici che danni alla scienza e alle decisioni che verranno prese in seguito? Per Olivier Bernet, non necessariamente: ” Non sai mai cosa può produrre uno studio scientifico se ben fatto. E così è con questo, che è tecnicamente valido nonostante le questioni etiche sollevate. »

Un muro di polvere tra noi e il sole non sarà la soluzione definitiva alla crisi climatica. Ciò ignorerebbe gli effetti dell’inquinamento e della scarsità di risorse. Ma studiare questo percorso potrebbe portare ad altre scoperte più utili, e l’importante è che i ricercatori a monte pensino a cosa porterà il loro lavoro all’umanità.

READ  Ecco, il test della personalità virale | Sei una persona ragionevole? Quello che vedi per primo nella foto ti insegnerà | Test virale psicologico | test visivo | Sfida virale | Messico

partecipazione a Numerama su Google News Quindi non perdere nessuna informazione!

Guarda il mondo dallo spazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *