Rifugiati e migranti dalla Turchia all’Italia


Non solo gli arrivi in ​​Italia si fermano durante le vacanze, ma i contrabbandieri utilizzano sempre di più nuove rotte da Bodrum o Cesme.

Dalla vigilia di Natale al 27 del mese, 1.100 migranti e rifugiati dalla Turchia sono arrivati ​​nella regione Puglia e Calabria del basso Italia. Li trasportavano undici pescherecci, barche a vela e altri tipi di barche. Le operazioni di soccorso sono state effettuate principalmente a Santa Maria de Luca della Puglia e Isola Capo Rizzuto della Calabria. In questa zona sono stati infatti catturati due contrabbandieri turchi.

Cresce la preoccupazione in Italia. Oltre ai continui flussi dalla Libia, la guardia di finanza e il porto del Paese ora devono fare i conti con questi nuovi arrivi. Molti commentatori sottolineano che “l’evidenza che l’accordo dell’Ue con Ankara sulla limitazione dei flussi migratori presenta problemi reali”.

Su alcune imbarcazioni, infatti, gli uomini e le donne del porto italiano trovano solo minori non accompagnati. I mercanti di schiavi partono prima che la barca raggiunga le coste italiane. Bambini e ragazzi sono abbandonati al loro destino senza un leader e spesso senza carburante.

Pronti per il nuovo anno

In totale, nell’anno in cui siamo partiti, più di 11.000 persone si sono imbarcate sulla costa turca e hanno raggiunto la Bassa Italia. Il 20% di tutti gli arrivi sono immigrati e rifugiati. La loro origine è principalmente dall’Afghanistan, ma anche da Siria, Pakistan e Somalia. Anche dall’Armenia e dalla stessa Turchia.

I mercanti di schiavi di solito partono da Bodrum o Cesme nella Turchia occidentale e tentano di discendere dai “Mari Disperati” in alcune parti delle piccole baie della Puglia.

Ovviamente, come scrive il quotidiano cattolico italiano Avenir, esiste anche una rete di supporto ben organizzata per i commercianti di schiavi in ​​Italia. Il porto italiano sarà in allerta a Capodanno per nuove operazioni di soccorso.

READ  Il ritorno dell'austerità di bilancio mette Parigi e Berlino l'una contro l'altra - EURACTIV.com

Theodoros Andreas Sigilakis, Roma


fonte: onda tedesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *