Quebec, città gourmet: scopri questo ristorante italiano dove la pasta è squisita

Quebec, città gourmet: scopri questo ristorante italiano dove la pasta è squisita

Nel cuore di una zona residenziale di Sillery si nasconde un piccolo ristorante, il Toninoche si sta ritagliando un posto nei grandi campionati con la sua cucina italiana autentica e moderna allo stesso tempo.

Il negozio prende il nome dallo chef e comproprietario Anthony Travaglini, cresciuto in una famiglia italiana dove il cibo era l’obiettivo principale.

“Mentre mangiavamo a tavola parlavamo di cosa avremmo voluto mangiare il giorno dopo”, mi racconta scoppiando a ridere.

Seduto nel suo ristorante arredato in stile classico, nei locali dell’ex Perla, condivide il suo forte sentimento di appartenenza alla sua terra natale. È nato nel piccolo villaggio di Vasto, in Abruzzo, ed è arrivato in Quebec all’età di 7 anni.

“Mio padre è un importatore di prodotti pregiati. Sono sempre stato lì dentro. La mia famiglia in Italia ha terreni agricoli. Non sono andato al campeggio estivo, sono andato a trovare la mia famiglia in Italia. Ero con mio zio sul trattore, andavamo a raccogliere i pomodori e facevamo il nostro olio d’oliva. È stata davvero una bellissima infanzia. »



Anthony Travaglini, chef e comproprietario del ristorante Tonino, nel quartiere Sillery, in Quebec.

Foto Marianne Bianca

Non sorprende quindi che abbia studiato cucina all’Institut de Tourisme et d’hôtellerie du Québec (ITHQ), prima di andare a lavorare in Europa, in particolare in Italia, Nizza e Israele.

Dopo aver diretto per qualche tempo le cucine del Teatro, ha voluto distinguersi. “Volevo realizzare la mia piccola casa di qualità con quello che so”, spiega.

Il regno della pasta

Inaugurato nel 2020 poco prima della pandemia, Tonino si è rapidamente costruito una grande reputazione grazie al passaparola.

READ  A Saint-Germain-des-Prés, Montana diventa un ristorante italiano con tettoia

E la pasta fatta in casa c’entra. Recentemente ne ho assaggiati alcuni divini paccheri con aragosta, in delicata salsa bisque. Qui non lesiniamo sulla quantità di aragoste sgusciate, ce n’è in abbondanza!



Tonino

Paccheri all’astice.

foto Marianne Bianca

Se durante la vostra visita vi viene offerta la pasta flambé nella ruota di parmigiano, lasciatevi tentare dall’esperienza.

Perché va detto che il menù varia molto spesso, a seconda delle stagioni e degli arrivi. Alcuni piatti sono regolarmente disponibili, come ad esempio rifleni con funghi, nocciole e burrata, una piccola delizia con la sua salsa cremosa e il perfetto accostamento degli ingredienti.



Tonino

Fusilloni con funghi, nocciole e burrata.

Foto Facebook di Tonino

Mi piace che tutte le paste siano offerte nel formato antipasto o principale. Questo ci permette di condividere, secondo i nostri desideri e il nostro appetito. Ma attenzione, la porzione intera è pesante.

“Dobbiamo pensare ai grandi mangiatori! Voglio che siano felici”, esclama il giovane chef massaggiandosi la pancia.



Tonino

Da Tonino primeggia la pasta fatta in casa.

foto Marianne Bianca

Facilita di utilizzo

Non mancano poi le specialità di pesce, frutti di mare e di carne nel raffinato menù (6 o 7 primi e altrettanti piatti). Ma gli ingredienti sono di alta qualità, scelti con cura e cucinati alla perfezione.

Sono un grande fan del carpaccio di manzo, un antipasto esclusivo. Viene servito con gelato al vino rosso, l’idea è venuta allo chef in modo piuttosto originale.

“Quando ho rilevato il ristorante c’era una cantina piena di vino che non mi piaceva. Abbiamo deciso di farci il gelato”, dice Anthony.

E ha molto successo. Il gelato aggiunge un tocco dolce che si sposa bene con la carne, le cipolle fritte, le erbe e le duxelles ai funghi.

Le lasagne fritte, molto apprezzate a Napoli, sono un altro ottimo antipasto da condividere. Se sei goloso, non perderti il ​​tiramisù e il french toast, sono fantastici.



Tonino

Il french toast di Tonino.

Foto Marianne Bianca

Ho apprezzato la calda atmosfera del ristorante con le sue tovaglie bianche, candele, oggetti in legno e luci soffuse. Per arricchire l’esperienza, Benito, l’ex proprietario del Café de la Paix, viene spesso ad aiutare con il servizio canticchiando in italiano. Qua, la vita è bella !

Il titolare Anthony Travaglini mi ha detto che sta progettando un progetto di boutique che offrirà prodotti e pizze d’importazione, sempre in zona Sillery. Continua !

Tonino
1274, avenue du Chanoine-Morel, Québec
Aperto la sera dal martedì al sabato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *