Piantare alberi non salverà il pianeta, spiegano questi ricercatori

Piantare alberi non salverà il pianeta, spiegano questi ricercatori
Fotografia di Nizar Abbas/Getty Images Martedì 3 ottobre un gruppo di scienziati ha avvertito che la piantumazione di alberi su larga scala potrebbe causare più danni che benefici, soprattutto nelle regioni tropicali.

Fotografia di Nizar Abbas/Getty Images

Martedì 3 ottobre un gruppo di scienziati ha avvertito che la piantumazione di alberi su larga scala potrebbe causare più danni che benefici, soprattutto nelle regioni tropicali. (Immagine illustrativa)

Ambiente – In tutto il mondo, le piantagioni di alberi sono diventate il modo preferito da aziende e privati ​​per compensare le emissioni di gas serra. Anche i repubblicani negli Stati Uniti, noti per il loro scetticismo riguardo al cambiamento climatico, hanno presentato un disegno di legge per sostenere la piantumazione di un trilione di alberi in tutto il mondo.

Ma un gruppo di scienziati ha avvertito martedì (3 ottobre) che la piantumazione di alberi su larga scala potrebbe causare più danni che benefici, soprattutto nelle regioni tropicali, dove le monocolture potrebbero portare alla scomparsa di ecosistemi complessi.

Foreste che diventano “blocchi monolitici”

“La società ha ridotto il valore di questi ecosistemi a un fattore: il carbonio”., scrivono scienziati delle università britanniche e sudafricane. La cattura del carbonio lo è “Una piccola parte delle funzioni ecologiche essenziali svolte dagli ecosistemi delle foreste tropicali e delle praterie”Lo spiegano in un articolo pubblicato sulla rivista Tendenze in ecologia ed evoluzione.

Uno di questi scienziati, Jesús Aguirre Gutiérrez, cita esempi nel Messico meridionale e in Ghana, dove un tempo si trovavano diverse foreste. “si trasforma in masse omogenee”. Questo li rende “Altamente vulnerabile alle malattie e ha un impatto negativo sulla biodiversità locale” Lo spiega all’AFP il ricercatore dell’Environmental Change Institute dell’Università di Oxford.

READ  Nelle foto, nelle foto. Le incredibili tempeste che hanno colpito il sud-ovest e il nord del Paese

Queste piantagioni sono dominate da cinque specie di alberi selezionati principalmente per il loro valore nella produzione di pasta di legno e carta o per la loro rapida crescita. Gli alberi alla fine verranno abbattuti, rilasciando carbonio. Tra queste specie c’è il teak, che può avere la precedenza sulle specie autoctone. “Pone ulteriori rischi per le piante autoctone e l’ecosistema”.Aggiunge Jesus Aguirre Gutierrez.

Proteggere innanzitutto le foreste esistenti

Altre critiche riguardano la mancanza globale di spazio per molti progetti agricoli su larga scala, la piantumazione di piantine inadatte o l’uso inappropriato di prati e zone umide nelle aree forestali.

Non ha valore piantare alberi? Non così in fretta, dice Judd Daly, il cui American Forest Service afferma di aver piantato 65 milioni di alberi. “ Nessuno dice che le foreste da sole possano salvare il nostro ambiente.Lo ha detto all’AFP.

Ma critica i critici “Riepilogo/i” Che ignora progetti attentamente calibrati che includano specie autoctone nelle aree da rimboschire. “ Gran parte della riforestazione è dovuta alla perdita di foreste che non si rigenerano senza aiuto.Lui conferma, “Non piantiamo alberi ovunque vogliamo sequestrare il carbonio”..

Alcuni cercano di conciliare pro e contro, come i Royal Botanic Gardens di Kew (Regno Unito) e BGCI (Botanic Gardens Conservation International), che suggeriscono dieci “Regole d’oro per il ripristino delle foreste”. In particolare, consiglia di evitare prati o zone umide, privilegiando la rigenerazione naturale e scegliendo alberi resistenti e ricchi di biodiversità.

Sulla prima di queste regole d’oro tutti sono d’accordo: proteggere prima le foreste esistenti. “Queste foreste possono impiegare più di 100 anni per rigenerarsi, quindi è essenziale proteggere ciò che già abbiamo prima di piantarne altre”..

Vedi anche su HuffPost :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *