Perché l’Italia non spende i soldi dell’UE

Perché l’Italia non spende i soldi dell’UE

IL risorse lì, e in abbondanza, ma non utilizzato. L’Italia non sa come spendere i soldi europei che ha. Solo fino ad ora 12% delle risorse disponibili È stato speso e negli ultimi due anni è stata spesa meno della metà della dotazione inizialmente prevista (con un totale di 20 miliardi di euro sbloccati).

Nel 2021 l’Unione Europea ha accettato di concedere all’Italia 191,5 miliardi di euro, ai quali si sono aggiunti 30,6 miliardi di euro attraverso un piano integrativo, finanziato direttamente dallo Stato, per Totale 222,1 miliardi di euro. Questa busta è destinata al finanziamento Il piano nazionale di ricostruzione e resilienza (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, o PNRR). Gli importi devono essere assegnati entro cinque anni a vari progetti in sei aree di investimento (innovazione, trasformazione verde, infrastrutture, istruzione, integrazione e salute).

A fronte delle varie tranche versate nel tempo, l’Italia deve onorare una tabella di marcia con un totale di 27 gol. Tuttavia, 12 dovrebbero essere raggiunti entro la fine di marzo, e altri 15 dovrebbero essere raggiunti entro il 30 giugno 2023. Di fronte a questa situazione, Bruxelles ha già Blocca il pagamento della prossima rata 19 miliardi di euro previsti in questa data.

problema politico

Perché ? Diverse ragioni spiegano il faticoso dispiegamento del Recovery Plan italiano. Dall’agosto 2022 sono emersi ritardi nella selezione e presentazione dei progetti, quando la Corte dei conti, l’equivalente della nostra Corte dei Conti, è stata Suona l’allarmecon particolare riferimento ai comuni (in particolare nelle regioni Molise, Basilicata e Calabria, che presentano i servizi più poveri).

il primo Comma del decreto-legge L’attuazione del PNR specifica che gli enti locali sono responsabili di una parte degli interventi. Tuttavia, la penisola non ha le competenze per realizzare i progetti necessari, avviare l’apparato amministrativo e rispettare le scadenze in tutte le regioni.

READ  Forte terremoto in centro Italia! Gli incubi si "svegliano"
[Près de 80 000 lecteurs font confiance à la newsletter de The Conversation pour mieux comprendre les grands enjeux du monde. Abonnez-vous aujourd’hui]

funzionari italiani In media 50,7 anni – molto più che in UK e Francia, per esempio – e 4 su 10 hanno una laurea in giurisprudenza o economia: 2 lauree poco utili per immaginare un progetto volto a favorire la digitalizzazione nelle scuole di un determinato territorio, per risolvere il problema del dissesto idrogeologico In una determinata provincia, per migliorare la raccolta differenziata dei rifiuti nelle periferie di una grande città. Pertanto, le figure professionali richieste sono soprattutto tecnici, cioè ingegneri o architetti offerti ai quali i bassi salari e l’instabilità delle posizioni offerte rendono i lavori poco attraenti.

C’è anche un problema politico. Le strutture amministrative e burocratiche sono fondamentali per la creazione e la realizzazione dei progetti, ma hanno bisogno del sostegno e della visione della classe politica locale che, purtroppo, spesso preferisce sostenere piccoli progetti che gli garantiscano molti voti. Questo è un problema enorme, soprattutto nel sud Italia, dove la maggior parte del denaro è diretto a Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia – e Dove spesso la politica opera con la logica del clientelismo.

contesto difficile

A peggiorare le cose, il contesto appare sfavorevole alla ripresa. In primo luogo, a causa dell’inflazione (8,7% nel 2022), l’aumento dei costi di produzione priva molte imprese dell’accesso alle gare d’appalto. Anche il contesto politico ha pesato. Infatti, uno dei primi provvedimenti adottati dal governo di Giorgia Meloni, Presidente del Consiglio dall’ottobre 2022, è stato quello di riformare la piena governance del governo della Repubblica Popolare Cinese nel febbraio 2023. Questo periodo di cambiamento ha indubbiamente visto Allunga il calendario Mesi preziosi sono sprecati nell’attuazione del piano.

READ  Comment développer une économie verte ou comment l'hydrogène vert pourrait être l'élixir des maux de la Tunisie ? Il problema dell'energia
Giorgia Meloni, Presidente del Consiglio dall’ottobre 2022.
Governo Italiano / WikimediaE CC DA

Inoltre, il leader del partito italiano di estrema destra, Fratelli d’Italia, deve fare i conti con una situazione molto complicata. A causa dei suoi impegni di campagna con piccoli commercianti e artigiani, il suo margine è molto ristretto.

Fine marzo anche il governo italiano La revisione del piano è stata ufficialmente aperta E ridiscutere gli obiettivi con Bruxelles. In particolare, l’obiettivo è quello di eliminare interventi ritenuti irrealizzabili a causa di costi proibitivi o previsti ritardi nei tempi di realizzazione.

Qualche mese fa, la Corte dei Conti lo stimava Il picco di spesa per l’Italia sarà raggiunto tra il 2024 e il 2025, quando ci sono 45 miliardi da utilizzare! Un lasso di tempo apparentemente breve visto che persistono i problemi strutturali di fondo dell’Italia: l’economia del boot non vede aumenti di produttività da 20 anni e la sua classe politica rimane orientata alla rendita piuttosto che al profitto, agli investimenti e al rischio.

Per questi motivi, l’Italia tiene duro poco invidiabile Il penultimo posto in Europa In termini di capacità di assorbire fondi dal budget 2014-2020, con il ricorso a circa il 38% delle risorse che l’UE ha già erogato in questo periodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *