Perché il progetto della linea Lione – Torino è stato ritardato?

Lavori nel tunnel di Saint-Martin-de-la-Porte in Savoia. Questa parte è scavata in un materiale sfuso che non consente l’utilizzo della macchina per tunnel. Inoltre, la perforazione viene eseguita in modo tradizionale utilizzando esplosivi © PHOTOPQR / Maxime JEGAT –

Sia nel municipio che nel Metropole de Leon, la maggioranza verde si oppone al futuro progetto di linea merci e passeggeri che, secondo le previsioni, collegherà Leon a Torino nel 2030. Se il programma è stato lanciato nel 1991, i lavori – hanno – iniziato solo nel 2015. Leon Capitale Risolvere le ragioni di questo ritardo.

Vogliamo mettere subito i camion sui treni“, ha martellato Fabienne Grébert all’inizio di giugno. Tuttavia, la candidata ambientalista alle elezioni regionali sta conducendo una campagna per l’abbandono completo del sito della futura linea Lione-Tourine. Questa grande azienda europea – 270 chilometri – aveva qualcosa da sognare nel 1991 quando è stata istituita la Commissione Transalpina: Parigi-Milano in 4 ore, Lione-Torino in 2 ore, 40 milioni di tonnellate di merci e 5 milioni di passeggeri all’anno.Questo aumenterà le possibilità di scambio tra Italia e Francia e ridurrà l’impronta di carbonio di traffico di mezzi pesanti nelle Alpi. Oggi il progetto era in ritardo, il che è poco da dire.Inizialmente, il completamento dei lavori era previsto nel 2015, anno che ha visto… il suo inizio.

Aggiornamento di stato:

Dove siamo oggi?Abbiamo già completato il 20% del progetto: sono stati scavati 30 chilometri di gallerie su 162 chilometri di strutture sotterranee e sono stati scavati 11 chilometri di tunnel transfrontaliero a una distanza di 57 chilometri che lo compongono.“, spiega Stephane Gugino, delegato generale della Commissione Transalpi Lione-Tourine. L’obiettivo: far passare i primi treni nel 2030, la nuova scadenza fissata da Francia, Italia e Unione Europea.

READ  Nuova strategia italiana contro la politica pandemica DW

Leggi anche: Linea Lione – Torino: aggiudicati contratti per 3 miliardi di euro

Quest’ultimo ha anche accettato di finanziare il 40% del tunnel transfrontaliero e quest’estate dovrebbe annunciare un altro aumento della sua partecipazione al 55% del costo totale. Basta dare aria agli stati d’ambo i versanti delle Alpi, che si dividono il resto delle spese. Con un valore di 8,6 miliardi di euro nel 2012, la struttura è attualmente finanziata dal 28% dell’Italia e dal 21% della Francia.

Collegamento Lione-Torino

Si ricorda che già 1,5 miliardi di euro sono stati spesi per studi e start up. Dunque, nonostante le dichiarazioni politiche degli ecologisti nel consiglio comunale di Lione oi tanti candidati alle elezioni regionali, la polemica sulla fattibilità del progetto sembra una volta per tutte sepolta (vedi box). Resta da capire il ritardo di questo progetto faraonico, Capitale del leone Te lo spiego in 8 punti.

1. Posizione ferroviaria eccezionale

È un dato di fatto che i progetti ferroviari sono sempre lunghi poiché coinvolgono più attori e richiedono grandi investimenti finanziari.“, decifrato da Alain Bonafos, Professore Emerito di Economia all’Università di Lione e ricercatore presso il Laboratorio di Economia dei Trasporti (LET). La durata dei lavori ferroviari è spiegata anche dalla lunghezza delle acquisizioni di terreni che consentono l’avanzamento del ferrovie.Inoltre, la sfida tecnica non è da sottovalutare.Perché è né più né meno il tunnel ferroviario più lungo del mondo con una lunghezza di 57 km viene scavato tra Francia e Italia.

2. Un progetto che coinvolga la cooperazione dei due paesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *