Perché i ricercatori illuminano il cielo dell’Alaska?

Perché i ricercatori illuminano il cielo dell’Alaska?

Secondo un comunicato stampa che ho monitorato Geometria interessanteRicercatori americani di Programma aurora attiva ad alta frequenza HAARP in Alaska ha dato inizio ad un’esperienza diversa dalle altre. Da sabato 4 novembre hanno cominciato ad illuminare artificialmente il cielo di questa regione artica per studiare le proprietà di un certo strato dell’atmosfera.

Contrariamente a quanto suggerisce il nome di questo istituto di ricerca, non sono le aurore artificiali che gli scienziati cercano di generare. In questo esperimento, si sono concentrati su un altro fenomeno chiamato bagliore del cielo notturno, o semplicemente bagliore Bagliore d’aria (Bagliore d’aria In inglese).

Cos’è il bagliore d’aria?

Questa è un’emissione permanente di luce dall’atmosfera del nostro pianeta. A differenza dell’aurora, che è altamente strutturata e dai colori vivaci, l’aria luminosa è più diffusa, meno drammatica e più difficile da fotografare. Ognuno di noi però se ne accorge ogni notte senza nemmeno rendersene conto; È per questo motivo Bagliore d’aria Che il cielo notturno non è così Mai completamente neroAnche quando rimuoviamo la luce solare diffusa dall’altra parte della Terra.

Bagliore d’aria visto dalla Stazione Spaziale Internazionale. ©NASA

Al di là della loro apparenza, i due fenomeni coinvolgono anche meccanismi fisici diversi. Entrambi sono causati da esso Particelle cariche provenienti dal sole Ciò eccita le molecole nell’alta atmosfera, provocando l’emissione di luce. La differenza è la fonte di questa eccitazione.

Nel caso dell’aurora è legato al magnetismo. Le particelle si caricano di energia attraverso le interazioni di queste particelle cariche con il campo magnetico terrestre. Il bagliore dell’aria, d’altra parte, lo è Completamente indipendente. Gli esperti sanno che questo è il risultato di un gran numero di fattori diversi, ma non tutti sono ancora pienamente compresi.

READ  Ambiente Cambiamento climatico I ghiacciai in Perù stanno scomparendo | Tecnica

Bombardamento di onde radio per studiare la ionosfera

Questo è proprio l’obiettivo di questo esperimento, ovvero riprodurre artificialmente questo bagliore. Grazie ad uno schieramento di 180 antenne radio ad alta frequenza distribuite su un’area di circa 130.000 metri quadrati, genera radiazioni con una potenza di circa 3,6 megawatt in grado di eccitare gli elettroni negli strati superiori dell’atmosfera, più precisamente quello che noi chiamataIonosfera.

Antenne radio dell’Istituto di ricerca ionosferica. ©JR Ancheta

Ha la particolarità di essere in parte composto plasmaCioè, molecole che sono state private dei loro elettroni dalla radiazione solare e cosmica. Di conseguenza, la ionosfera contiene grandi quantità di particelle cariche – ioni ed elettroni liberi – che le conferiscono diverse importanti proprietà.

In particolare, svolge un ruolo cruciale nella comunicazione; Ha la capacità di diffondere le onde radio, che è importante per le comunicazioni a lungo raggio. Comprendi così il comportamento della ionosfera Essenziale per le operazioni aeronautiche e satellitari…

È anche un testimone dell’attività solare. Tutte le particelle cariche che ospitano sono direttamente influenzate da molti fenomeni originati dalla nostra stella, come i brillamenti solari o le espulsioni di massa coronale. La ionosfera è anche direttamente influenzata dal campo magnetico terrestre. Oltre alla sua utilità pratica, è anche a Una risorsa molto interessante su molti rami della scienza di base.

Potenziale interesse per i satelliti

Amplificando il bagliore d’aria in questo modo, i ricercatori intendono innanzitutto studiare i meccanismi che lo producono in modo più dettagliato. Finora sono stati identificati tre fenomeni principali: la ricombinazione degli atomi ionizzati da parte dei fotoni del Sole, l’effetto della radiazione cosmica e le reazioni che coinvolgono i radicali liberi – molecole che hanno guadagnato o perso un elettrone. E così potranno Determina quale di questi fattori ha più peso nell’equazione e magari identifica altri fattori.

READ  Pegasus-III: piattaforma di fusione pronta per l'uso (USA)

Oltre a questo lavoro approfondito, i ricercatori affronteranno anche un problema più realistico. Le onde attraversano il plasma della ionosfera; Stiamo parlando diOnde di plasma. Alcuni studi hanno suggerito che possano amplificare altre onde a frequenza molto bassa; Se così fosse, i satelliti potrebbero potenzialmente sfruttarlo Prevedere ed evitare le collisioni. Pertanto, i ricercatori di HAARP cercheranno di verificare questa ipotesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *