Perché dirigere i viaggi britannici è un duro colpo per la Grecia

Scritto da Andrea Felsted

Ti stai preparando per una vacanza in Portogallo?

La domanda di viaggi verso le spiagge portoghesi dell’Algarve è aumentata dopo che venerdì il Regno Unito ha svelato agli inglesi una cosiddetta “lista verde” di destinazioni di viaggio “inaugurali” – sul lato londinese -.

Portogallo, Gibilterra, Israele e Islanda sono riusciti a rimanere lì, il che significa che i viaggiatori inglesi possono prenotare una vacanza senza preoccuparsi della possibilità di tornare in quarantena.

Un duro colpo al turismo mediterraneo

Includere relativamente pochi paesi nell’elenco approvato può sembrare logico perché l’Europa è in ritardo rispetto al Regno Unito nelle vaccinazioni.

Parlamentari e Lord vogliono anche evitare il ripetersi della seconda ondata di infezioni da Covid-19 lo scorso autunno, che ha seguito un’estate di “fuga”.

Tuttavia, la logica di cui sopra è un duro colpo per le economie turistiche di Francia, Spagna, Italia e Grecia, che perderanno – almeno a breve termine – gli inglesi che, in condizioni normali, vorrebbero allagare le loro coste. Questi paesi hanno assunto il colore “arancione” nel sistema che regola i viaggi all’estero, consentito dal 17 maggio.

I paesi che di solito ricevono il maggior numero di turisti britannici sono nella lista “arancione”.

Gran Bretagna e Germania sono le due maggiori fonti di “cercatori di sole” in estate. Poiché il viaggio britannico verso le loro destinazioni preferite è diventato costoso e difficile a causa dei cartelli “arancioni”, richiede ai viaggiatori di mettersi agli arresti domiciliari dopo un viaggio lì e pagare per più test del coronavirus fino a quando non sono certi di essere negativi, come molti hotspot nel Mediterraneo Un altro spreco estivo.

Equazione difficile per la Grecia e le sue isole

L’elenco del Regno Unito è particolarmente deludente per i paesi con isole particolarmente popolari, come Spagna, Italia e Grecia. Inserendo Maiorca e Mykonos almeno nella lista verde, Londra consentirà agli inglesi di recarsi lì senza dover essere messi in quarantena al ritorno.

READ  Come l'Italia gestirà miliardi di soldi europei

La Grecia si prepara ad aprire il turismo a coloro che sono stati completamente vaccinati o che hanno recentemente superato un test negativo questa settimana. I vacanzieri tedeschi potrebbero tornare presto e TUI inizierà i suoi tour nel paese venerdì. Tuttavia, le restrizioni britanniche potrebbero mettere a repentaglio le speranze della Grecia per una ripresa più ampia.

ψγγδφγ
Numero di pernottamenti di turisti britannici per destinazione nel 2019, l’ultimo anno di “vita normale” prima del coronavirus

Le compagnie aeree avrebbero anche difficoltà ad avere troppi paesi nelle liste arancione e rossa, quest’ultima imponendo restrizioni più radicali, incluso il pagamento di un hotel di quarantena al ritorno. Virgin Atlantic e British Airways saranno particolarmente colpite dal fatto che anche gli Stati Uniti si trovano in una posizione “arancione”.

In viaggio comunque?

Tuttavia, c’è chiaramente un aumento significativo della domanda di viaggi all’estero. Sebbene le direttive del governo del Regno Unito stabiliscano che i cittadini inglesi e i residenti permanenti non debbano recarsi nei Paesi dell’Orange per svago, alcuni potrebbero decidere di viaggiare comunque (σ.μ. I cittadini e i residenti permanenti di Scozia, Galles e Irlanda del Nord devono ancora essere identificati dai governi locali responsabili della gestione sanitaria della crisi del coronavirus.).

TUI sta cercando di facilitarla. La scorsa settimana ha annunciato di essersi impegnato a sostenere i test Covid: offre tutti i test necessari per viaggiare nei paesi “arancioni” per 50 50 ($ 70) a persona, che è molto più economico dell’attuale costo a persona, che può arrivare a centinaia di libbre. Dal momento che lavorare da casa è ancora una realtà per molti, alcuni viaggiatori potrebbero decidere che un viaggio in Spagna o in Grecia vale il costo e il tempo dell’isolamento sulla via del ritorno.

La grande speranza è che più paesi ottengano lo stato verde prima del picco della stagione turistica estiva, a luglio e agosto. Diversi pacchetti vacanza sono stati chiusi a febbraio, in una fretta di euforia dopo che il primo ministro Boris Johnson ha svelato una tabella di marcia per uscire dal blocco, da luglio in poi. L’elenco del Regno Unito verrà rivisto ogni tre settimane.

READ  Turismo sociale: vacanze gratuite per agricoltori su 24 isole - che ne trarranno vantaggio

Se le destinazioni più gettonate non diventano “verdi” prima dell’estate o se il loro status cambia troppo tardi in estate, più britannici potrebbero scegliere di trascorrere le vacanze in campagna. Ciò costituirebbe una spinta per l’economia locale, il che potrebbe essere un altro motivo della riluttanza del governo britannico a riprendere i viaggi internazionali. Tuttavia, potrebbero non esserci abbastanza alloggi per vivere in Gran Bretagna.

La società di ospitalità Whitbread ha recentemente riferito che le prenotazioni negli hotel Premier Inn sembrano essere aumentate a gonfie vele nelle città costiere e storiche del Regno Unito, così come nelle destinazioni vicino a montagne e laghi.

Se la lista verde non viene ampliata in tempo, potremmo vedere più britannici scambiare le loro vacanze estive in Spagna per viaggi a Skegness.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *