Pd sceglie il nuovo segretario – EURACTIV.com

Pd sceglie il nuovo segretario – EURACTIV.com

Il governatore dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e la sua ex deputata, deputata di sinistra ed ex eurodeputata Elly Schlein, sono in corsa per le primarie per eleggere il nuovo leader della principale forza di centrosinistra italiana.Partito Democratico, PD), il voto è previsto per questa domenica (26 FEBBRAIO).

Dopo le elezioni politiche del 26 settembre, il segretario del Partito Democratico Enrico Letta ha annunciato che non si sarebbe ricandidato alla guida del partito. Tuttavia, lo scarso risultato del suo partito e la schiacciante vittoria del partito di Fratelli d’Italia (Fratelli d’Italia) di Giorgia Meloni ha spinto Letta ad accelerare l’elezione del nuovo segretario del partito.

“Mi assumo la responsabilità del risultato e guiderò il partito fino al congresso, ma la mia leadership si ferma qui”disse allora Letta.

Le primarie del PD sono aperte sia agli iscritti che ai non iscritti. Questi ultimi devono esibire la propria carta d’identità nei seggi elettorali installati in diverse città del Paese.

I candidati alla segreteria sono Stefano Boncaccini, Elly Schlein, Paola De Micheli e Gianni Cuperlo. Boncaccini e Schlein sono i due principali contendenti per il posto e si affronteranno nel voto di domenica.

Secondo un sondaggio di Euromedia Research per lo spettacolo ” porta a porta” del Rai 1 , Bonaccini otterrebbe il 48,2% dei voti, contro il 13,5% della Schlein. Tuttavia, l’alta percentuale di indecisi ei bassi tassi di partecipazione potrebbero portare a un risultato diverso.

Entrambi offrono “ricostruire”completamente il partito, spesso accusato di aver perso il contatto con la realtà, come testimoniano i risultati elettorali sempre più deludenti.

Bonaccini ha iniziato nel Partito Democratico di Sinistra, nato dallo scioglimento del Partito Comunista Italiano, poi si è unito ai Democratici di Sinistra. È diventato governatore della regione Emilia-Romagna nel 2014 e poi nel 2020, battendo il candidato di La Lega, Lucia Borgonzoni, ampiamente sostenuta dal vicepremier Matteo Salvini. È il candidato in corsa che ha più esperienza politica.

READ  Italia: Per sua madre, Nico Mannion ha fatto bene a lasciare la NBA per la Virtus Bologna

La signora Schlein, da parte sua, è una femminista progressista vicina alla comunità LGBTQI+ ed è la voce delle nuove generazioni. Altri punti di discussione chiave includono la lotta alla disuguaglianza, la riforma del lavoro e l’emergenza climatica.

Vicepresidente della regione Emilia-Romagna, insieme a Bonaccini, è stata al Parlamento europeo dal 2014 al 2019, diventando referente del gruppo dei Socialisti e Democratici (S&D).

Durante la sua campagna elettorale in Emilia-Romagna nel 2020, un video della signora Schlein che interroga il signor Salvini, che era appena uscito da un ristorante, sulle sue attività parlamentari a Bruxelles è diventata virale.

“Perché a Bruxelles non sei mai venuto a nessuno dei 22 incontri negoziali sulla riforma migratoria più importante per l’Italia? » aveva chiesto.

Nel 2015 la Schlein scelse di lasciare il Pd perché non condivideva la linea politica assunta dall’ex segretario e presidente del Consiglio Matteo Renzi, che poi fondò il partitoItalia Viva(Gruppo Renew Europe al Parlamento Europeo). È tornata nel Pd nel 2022 per candidarsi alla guida del partito.

[Édité par Anne-Sophie Gayet]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *