Nuovo “Made in France”, l’inizio dell’ex Jacob Delafon

di Aline Locklear

Inserito oggi alle 9:30, aggiornato alle 11:12.

Tenuti stretti tra le mani, si sono messi in fila davanti alla porta di legno contrassegnata dalla parola ‘direzione’, leggermente spaventati dalla gravità del momento. Questo giovedì 9 dicembre è storico: l’acquisizione del famoso produttore di sanitari in ceramica Jacob Delafon, installato dal 1889 a Damparis (Giura), da parte di una piccola e media azienda francese, Kramer Group, finora specializzata in rubinetteria, ha sigillato.

L’ultima operazione di riscatto dell’americana Kohler Group – che possiede l’azienda dal 1986, e che ha portato con sé il marchio – sarà firmata nel pomeriggio. Ma prima di ciò, il nuovo CEO, Manuel Rodriguez, ha ricevuto faccia a faccia ciascuno degli ex dipendenti che riassumerà. Sono cinquantaquattro, già o presto tornati in quella fabbrica che temevano di veder scomparire, dalla quale sono stati licenziati per motivi economici, sei mesi fa.

Leggi anche Lo storico sito sanitario della ceramica Jacob Delafon rilevato dall’azienda francese SME Kramer

“Si sente bene, dice Eric Donzo, 57 anni. Dal 3 settembre 2020 e dall’annuncio di Koehler della sua volontà di separarsi dal sito, abbiamo avuto alti e bassi. Pensavamo che avrebbe ricominciato da capo, e poi no… È stata dura…” Come lui, altri mostrano il loro sollievo. “Mi risparmia lo stress di cercare lavoro, agenzie interinali… ci ho provato, è una seccatura”, uno ha detto. “Ai nostri tempi non era facile lavorare altrove”, Un altro 59 anni ha detto.

READ  Société Générale: il vincitore e la differenza dalla Grecia dal fondo di recupero ...
Didier Seguin dipinge il lavabo di un sanitario smaltato presso la fabbrica giurassica di ceramiche francesi a Dambaris (Giura), giovedì 9 dicembre.

“Ci fidiamo”

Chi ha già ripreso è emozionato. Come Frederic Curie, 52 anni, è tornato a novembre, quando aveva appena trovato un altro lavoro. “Nelle PMI, le decisioni vengono prese più velocemente. E qui! Non negli Stati Uniti! L’atmosfera è davvero diversa. Abbiamo fiducia”.

“Qui possiamo produrre francese da zero. Abbiamo subito intuito che questo interessava i grandi marchi”, Manuel Rodriguez, CEO di Kramer

Jean-Claude Sitter, 42 anni, è tornato nel suo laboratorio dieci giorni fa. “È come se non me ne fossi mai andato!, Disse un po’ raggiante. Non riuscivo a vedermi fare nient’altro! “ Il suo lavoro è centrale: è uno stampista, e fa stampi. “Sono stato in ottimi contatti con il signor Rodriguez, perché in Francia non ci sono più produttori che muoiono! Quindi, senza di noi, ha dovuto esternalizzare in Italia”. Non era questo, però, il progetto che emerge dal nuovo nome dell’azienda, ribattezzata ufficialmente, giovedì, in “Jurassienne della ceramica francese”.

Questa strategia è prodotta al 100% in Francia. “Qui possiamo produrre il francese da zero. Abbiamo subito intuito che questo interessava i grandi marchi. Al momento è molto costoso portare lavandini e wc dall’altra parte del mondo! E questo è buon per il nostro progetto!”, Mr. Rodriguez spiegherà in dettaglio, durante la cerimonia di apertura, insistere sul suo “amore selvaggio” Per la Francia.

Hai il 54,75% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *