Nuove misure di rafforzamento del coronavirus nelle politiche DW in Italia

L’Italia sta adottando misure più rigorose per combattere il Coronavirus. Con apposito decreto governativo, che non dovrebbe essere approvato dal Parlamento, il governo di Giuseppe Conte ha deciso che il Paese sta cambiando nuovamente rotta seguendo la via delle restrizioni.

Pertanto, per i prossimi 30 giorni, sono vietate feste e celebrazioni sia in luoghi aperti che chiusi. Allo stesso tempo, il governo di Roma consiglia vivamente ai cittadini di non invitare più di sei persone nelle loro case per cena o per un drink.

Procedure rigorose per bar e ristoranti

Ciò che vale per caffè e ristoranti in Italia sta cambiando di nuovo

Secondo le nuove aspettative i bar e ristoranti italiani saranno chiusi a mezzanotte e dopo le nove di sera, e sarà vietato servire i clienti che non consumano l’ordine a tavola. Naturalmente, i negozi di consegna fast food continuano ad essere consentiti.

Il governo italiano ha deciso anche di vietare le partite di calcio e basket tra amici, perché non è possibile rispettare la distanza minima di sicurezza necessaria per proteggersi dalla diffusione del Coronavirus.

Uso obbligatorio della maschera ovunque

Raccomandazioni e appelli rigorosi e l'uso di una maschera ovunque, in luoghi pubblici e privati

Raccomandazioni e appelli rigorosi e l’uso di una maschera ovunque, in luoghi pubblici e privati

Nonostante le reazioni di parte della fazione conservatrice, l’uso obbligatorio della maschera continua in luoghi pubblici e privati ​​ad eccezione della sola casa. Ma anche in questo caso Conte ha assicurato che quando si accoglie amici e parenti, con i quali non condivide l’appartamento, è bene indossare una maschera protettiva.

I locali e le discoteche saranno chiusi, mentre sono consentite mostre e convegni. Ma la “raccomandazione” del ministro della Salute italiano, Roberto Speranza, ha fatto scalpore durante la sua intervista televisiva: ha chiesto ai cittadini di mostrare uno spirito di collaborazione (a vantaggio della società) anche se alcuni vicini non hanno rispettato le nuove regole.

READ  Abbandonare il calcio professionistico per studiare ad Harvard: il sogno dell'americano Alessandro Arlotti

Secondo le fughe di notizie, se i casi non vengono ridotti, una delle seguenti potenziali azioni potrebbe essere la chiusura temporanea di tutte le scuole secondarie del Paese e la prosecuzione degli studi attraverso la formazione a distanza.

Theodorus Andridis Segilakis, Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *