“Non mi manca niente, solo una persona con cui bere per Natale”

Malavolti Fiorenzo ha ricevuto la visita di due fucilieri a casa sua. (Foto Facebook)

Un uomo di 94 anni che vive in Italia ha chiamato la polizia venerdì. Non era in pericolo ma si sentiva solo e voleva sapere se i fucilieri potevano venire a trovarlo brevemente … per festeggiare il Natale con lui e brindare.

È una bella storia che si è svolta ad Alto Reno Terme, un piccolo comune di circa 7.000 abitanti situato nella città metropolitana di Bologna, in Italia. I Carabinieri, una forza militare incaricata di svolgere missioni di polizia, il giorno di Natale ha ricevuto una chiamata da un uomo di 94 anni.

“Ciao, ho 94 anni e sono solo in casa, non mi manca niente, solo qualcuno con cui scambiare un drink per Natale …”, cominciò a spiegare Malavolti Fiorenzo. “Se ci fosse un soldato disponibile, 10 minuti per venire a trovarmi perché sono solo”. Una richiesta accolta: due soldati si sono presentati a casa sua poco dopo. È iniziato quindi un momento piacevole e di scambi, come si evince da questa bella foto pubblicata dai Carabinieri su Facebook.

“È stata l’occasione per chiacchierare e raccontare aneddoti divertenti”

Malavolti Fiorenzo si commosse e offrì loro da bere, come aveva programmato. “Dopo l’emozione iniziale e un caldo aperitivo natalizio, è stata l’occasione per fare due chiacchiere e raccontare aneddoti divertenti, oltre ad alcune videochiamate ai parenti dell’anziano”, spiega i militari su Facebook.

Il novantenne ha colto l’occasione per dire ai due soldati che il suo patrigno, il maresciallo Francesco Sferrazza, era ai tempi della seconda guerra mondiale quello che comandava la caserma dei fucilieri di Porretta Terme, comune limitrofo. Una caserma distrutta durante i bombardamenti.

READ  Virologo: il 95% di tutte le persone contagiate in Italia non presenta sintomi

Non c’è dubbio che la visita dei soldati sia stata un momento molto positivo per Malavolti Fiorenzo. “Orgoglioso di aver fatto questo meraviglioso regalo di Natale! “, conclude il messaggio dei fucilieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *