Nicolò Armini, sulle orme di Nesta

A pochi giorni dal ritorno tra Lazio Roma e Bayern Monaco, è arrivato il momento di guardare al potenziale futuro difensore della Nazionale e del club Laziale, il giovane Nicolò Armini. Dall’alto dei suoi 19 anni (festeggerà i suoi 20 anni in 3 giorni), l’amante della Roma si vedrebbe fare tutta la sua carriera nella capitale. Poco è ancora apparso nella maglia biancoceleste, il prossimo anno potrebbe essere quello della sua esplosione.

Gli inizi di Armini

Nicolò Armini è nato a Marino, nel 2001, a soli 20 km da Roma. La sua casa natale, situata nella zona dei Castelli Romani (area vulcanica che costituisce un parco naturale a metà strada tra il paese e il mare), fa parte dell’area urbana romana. È stato quindi molto vicino alla capitale che Armini ha esordito come calciatore. È cresciuto nel club di Santa Maria delle Mole, club affiliato alla Lazio Roma. Oggi, questo club di Marino gioca in Serie D, la 4a divisione italiana di calcio.

Subito dopo l’esordio con l’ASD Santa Maria, la Lazio, che lo ha sempre tenuto d’occhio, viene a prenderlo. I suoi allenatori all’epoca sono unanimi, Nicolò ha sviluppato molto velocemente doti difensive molto interessanti. Tant’è che quest’ultimo lo usa come centro o terzino destro in difesa a quattro. Inizia la carriera di Armini.

Lazio nel cuore

Cammina per il prato per la prima volta con una maglia biancoceleste sul retro per il match tra Lazio Roma U17 e Udinese U17, alla 19 ° giornata del Campionato Nazionale Under 17. Armini ha giocato 31 minuti in una partita con 80, vincendo 3-0. Appare solo una seconda volta in questa stagione 2015/16, contro il Vicenza. Durante questa partita, gioca l’intera partita come difensore centrale, la sua posizione preferita. Allo stesso tempo, ha scoperto le gioie delle selezioni giovanili ed è entrato a far parte della squadra italiana U15 nel febbraio 2016. Ha giocato in tutto durante 6 partite amichevoli, contro Belgio, Russia e Croazia, prima di passare al livello successivo.

Nella stagione successiva, Armini si trasferisce nel tempo nella squadra italiana U16, partecipando alla maggior parte delle partite nel suo paese. Ha segnato il suo primo gol con la nazionale il 20 ottobre 2016, appena 4 giorni dopo il suo 7 ° inizio con la Lazio U17. La stagione 2016/17 è un vero trampolino di lancio per il nativo di Marino, che domina nettamente la competizione. Anche se riposizionato da Andrea Vitali come terzino sinistro, perde comunque il suo splendore. L’anno si è concluso con il 9 ° posto finale della Lazio nel campionato U17, non permettendo gli spareggi. E da lì, tutto accelererà. Ovunque vada all’interno delle categorie giovanili, Armini diventa un’ancora, una persona importante. Viene regolarmente promosso a capitano dai suoi allenatori, che lo vedono come un leader degli spogliatoi.

READ  Lettori di passeggeri. Italia, Argentina e cardamomo

Euro U17, rivelatore

L’anno 2017/18 è forse uno degli anni più importanti nella giovane carriera di Nicolò Armini. Ancora indiscutibile titolare con gli U17, ha finito per fare un ulteriore passo avanti, atterrando con gli U19. Con loro gioca 4 partite, contro Atalanta, Bologna, Verona e Sassuolo. Il nativo di Marino tiene addirittura, a volte a sinistra, a volte a destra, e una volta come difensore centrale in una difesa a tre, al fianco del portoghese Jorge Silva e del greco Nikolaos Baxevanos. Affronta anche un certo Dejan Kulusevski, ora esterno della Juve. Altra ricompensa per la sua prestazione, è in panchina per il match tra Lazio e Zulte-Waregem in Europa League, costituendo la sua prima convocazione con il gruppo professionistico di Simone Inzaghi.

Ma fu soprattutto la campagna internazionale con i giovani italiani della U17 a forgiarla quell’anno. Dopo 3 vittorie durante le qualificazioni per Euro U17, l’Italia parte come favorita nel suo girone, finendo seconda dietro l’Inghilterra. Durante il torneo, Armini è capitano della sua squadra nella semifinale vinta contro il Belgio, ma non può fare nulla contro l’Olanda in finale. Sorte crudele per l’Italia, che si inclina ai rigori. Il difensore sbaglia anche il suo tiro, il primo della sessione per gli italiani.

Prime grandi scoperte

Durante l’anno 2018/19 Armini si evolve con la Primavera, salendo un ulteriore gradino. Lì ha vissuto la sua prima collisione, collezionando un cartellino rosso contro il Livorno, nell’undicesima giornata. Tuttavia, la sua stagione è iniziata bene, ha persino ereditato la fascia da capitano due partite prima. Sarà punito per 4 partite, prima di rientrare nel girone Primavera. La Lazio è arrivata seconda alla fine del campionato, qualificandosi per i playoff vinti dopo aver battuto Verona, Lecce e poi SPAL. Primo trofeo per Armini e prima consacrazione per tutti i suoi sforzi.

Due giorni dopo la finale, ha preso parte alla sua prima partita di Serie A, contro il Bologna. Per 37 minuti, il giovane italiano scopre per la seconda volta il mondo professionale. Già nel 2018 Inzaghi lo aveva chiamato a giocare contro l’Apollon Limassol in Europa League, per 5 minuti. Gli esperti sono unanimi, Armini si adatterebbe perfettamente sulla fascia destra della difesa a tre vie di Inzaghi. È anche il giovane della Primavera con più esperienza nell’allenamento con la prima squadra. È abile su palle lunghe, invertendo facilmente l’azione. Ha una buona tecnica e un buon senso di anticipazione. È anche un giocatore flessibile, in grado di giocare diverse posizioni, con una buona velocità. È un fulcro delle squadre giovanili italiane ed è spesso un capitano.

READ  Campania, De Luca chiede il coprifuoco: "Da venerdì attività e mobilità si fermano alle 23". E ci sarà una sosta per viaggiare tra le province

L’effetto Mino Raiola

L’anno successivo passa la maggior parte del tempo con la Primavera, da capitano, e gioca solo due minuti in Serie A. Gli era nata l’idea di mandarlo alla Salernitana, società calcistica professionistica posseduta dal presidente della Lazio, ma Inzaghi si oppone. Desidera avere a disposizione il giovane Armini. Il suo tempo di gioco affamato può essere spiegato in particolare dal fatto che, per molto tempo, la Lazio è stata in corsa per vincere lo scudetto. Infine fallisce al 4 ° posto, a 5 punti dalla Juve.

Dobbiamo finalmente aspettare la scorsa stagione per vederlo regolarmente con il gruppo. La sua locazione viene prorogata fino al 2024 grazie al suo agente, un certo Mino Raiola. Approfitta degli infortuni ricorrenti di Luiz Felipe e Vavro per fare il buco. Se per il momento è solo seduto in panchina, ha potuto scoprire la Champions League, ed è convocato tutte le settimane in Serie A. Ha giocato solo tre partite con la Primavera, da quando ora si allena e gioca con il professionista gruppo. Il figlio di Marino non c’è più, ora è un calciatore stagionato.

Per quanto riguarda la sua carriera con l’Italia U19, Nicolò Armini continua a indicare la strada per il suo paese, essendone titolare o addirittura capitano il più delle volte. Presto entrerà a far parte della squadra U20, già composta da grandi nomi del calcio italiano come Vignato o Salcedo. Chi vede Nesta come un modello, dobbiamo sperare nella stessa carriera. Quest’ultimo era un tifoso incondizionato della Lazio, dalla quale non avrebbe mai voluto lasciare. Armini lo ha incontrato di recente, durante una partita contro il Frosinone, e ha potuto parlare con lui. Il suo numero, il 13, non dovrebbe esserti estraneo.

Non il più conosciuto delle future pepite italiane, in un club con un’aura più piccola di altri, Nicolò Armini si è già fatto strada nella sua squadra di lunga data, il suo club in fondo. È intoccabile con le varie squadre italiane con cui ha lavorato, e potrebbe benissimo, negli anni a venire, toccare con mano i suoi sogni: diventare titolare con la Lazio, entrare in Squadra Azzurra. Se nella vita il suo valore non supera il milione di euro, non c’è dubbio che il tempo farà il suo lavoro, rendendo più bella la costa del giovane italiano.

READ  L'Italia deve continuare il suo slancio

Il primo episodio della serie può essere trovato qui.

Crediti fotografici Uno: Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *