Neil Druckmann afferma che il prossimo progetto di Naughty Dog “potrebbe ridefinire la percezione tradizionale dei giochi”.

Neil Druckmann afferma che il prossimo progetto di Naughty Dog “potrebbe ridefinire la percezione tradizionale dei giochi”.

Neil Druckman, direttore creativo di The Last of Us e Uncharted 4, ha affermato che il prossimo gioco di Naughty Dog potrebbe “ridefinire la percezione del gioco”.

In colloquio È stato condiviso oggi in concomitanza con l'incontro strategico di Sony, in cui al capo dello studio è stato chiesto quale progetto da sogno gli sarebbe piaciuto vedere realizzato. In risposta, Druckmann ha detto di essere stato “fortunato a lavorare già su diversi progetti da sogno”, prima di aggiungere che è “attualmente entusiasta di un nuovo progetto”.

Druckmann ha detto che questo progetto non divulgato potrebbe essere “il più emozionante finora” di Naughty Dog.

Spiegazione della modalità Roguelike No Return in The Last of Us Part 2 Remastered.Guarda su YouTube

“C'è un crescente apprezzamento per i giochi che trascende tutte le fasce d'età, a differenza di quando ero piccolo”, ha spiegato. “Questo cambiamento è stato evidenziato dalla nostra avventura in televisione con The Last of Us, che speravo avrebbe colmato il divario tra giocatori e non giocatori. Il successo dello show ha puntato i riflettori sui giochi, dimostrando le esperienze ricche e coinvolgenti che offre .

“Questa visione mi entusiasma non solo per il nostro progetto attuale ma anche per il potenziale più ampio di giochi che si rivolgeranno a un pubblico globale. Sono entusiasta di vedere questo nuovo gioco avere risonanza, soprattutto dopo il successo di The Last of Us, perché potrebbe ridefinire la percezione tradizionale del gioco.”

Sebbene le parole di Druckmann siano vaghe, non sembra probabile che il prossimo progetto sarà The Last of Us Part 3. “Bisogna correre dei rischi per trovare nuove idee che entrino in contatto con il pubblico, e anche se Uncharted è stato un enorme successo, lo è stato.” “È importante per il nostro studio innovare nuovamente con un nuovo franchise come The Last of Us”, ha affermato Druckmann durante l'intervista. “Tuttavia, molte aziende potrebbero insistere nel restare con franchising redditizi [Sony’s] La cultura e la filosofia ci consentono di perseguire nuove idee.

“L'arte richiede di assumersi dei rischi; non è possibile ingegnerizzarla perfettamente e prevedere quanto bene funzionerà, ne sono molto grato.” [Sony] Ha fiducia che sfrutteremo i nostri successi passati per esplorare strade creative completamente nuove”.

Circolano da tempo voci secondo cui un giorno The Last of Us Parte 3 arriverà, e Druckmann ha precedentemente affermato che lo studio ha uno schema dettagliato per la Parte 3 che spera “un giorno vedrà la luce”. Tuttavia, nulla è stato confermato nello sviluppo.

Druckmann ha inoltre dichiarato l'anno scorso che Naughty Dog è disponibile allo sviluppo della Parte 3, ma solo se “[the team] “Può inventare una storia avvincente che contenga questo messaggio universale e una dichiarazione sull'amore”, come è stato fatto nelle parti 1 e 2.

“Con The Last of Us, sta a noi decidere se vogliamo continuare oppure no… Se non riusciamo a trovare qualcosa, abbiamo un finale molto forte per la Parte 2 e quella sarà la fine,” Druckmann disse all'epoca.

Per quanto riguarda ciò su cui Naughty Dog potrebbe lavorare in seguito, in precedenza si è ipotizzato che lo studio avesse gli occhi puntati su un'uscita a tema fantasy.


Credito immagine: Luca Fontana

Altrove durante la conferenza di oggi, ha detto il capo della produzione PlayStation e il capo del prodotto dei PlayStation Studios Leone Qizilbash Ha affermato di ritenere che i giochi sposteranno la loro attenzione verso narrazioni più coinvolgenti ed esperienze personali per i giocatori nel prossimo decennio.

“I progressi tecnologici miglioreranno la profondità emotiva nei giochi consentendo ai personaggi di essere più emotivi ed espressivi, promuovendo una narrazione più evocativa”, ha affermato il dirigente di PlayStation. “Ciò aiuterà un'intera generazione di creatori a creare più emozioni nelle storie. L'attenzione si sposterà dalla grafica o dalle immagini alle narrazioni coinvolgenti che risuoneranno molto tempo dopo aver installato la console.”

“In termini di ruolo di PlayStation in questa evoluzione, la vedo come una destinazione definita dalla comunità con un impegno per la qualità e per esperienze inaspettate e memorabili.”

Quando gli è stato chiesto quali sviluppi significativi si aspetta avranno un impatto sulla narrazione attraverso le diverse forme di media nel prossimo decennio, Qizilbash ha affermato che la tecnologia la “democratizzerà” e di conseguenza la renderà più accessibile ai creatori.

“Con l'attuale livello di fedeltà dei videogiochi, c'è l'opportunità di riutilizzare le risorse dei giochi per l'animazione e i film live-action, sfruttando le capacità di produzione volumetrica e virtuale di Sony”, ha affermato. “I motori di gioco come Unreal si stanno espandendo oltre i giochi e vengono utilizzati per la produzione virtuale, consentendo ai creatori di concentrarsi sulla narrazione piuttosto che sui vincoli logistici. Questa libertà migliora la creatività e consente ai creatori di concentrarsi sulla realizzazione di storie avvincenti.

“I progressi nell'intelligenza artificiale creeranno esperienze più personalizzate e storie significative per i consumatori. Ad esempio, i personaggi non giocabili (NPC) nei giochi possono interagire con i giocatori in base alle loro azioni, facendoli sentire più personali.”

Questo è qualcosa che Qizilbash ritiene importante per il pubblico più giovane che “rappresenta le prime generazioni cresciute digitalmente e cerca la personalizzazione in ogni cosa, oltre a cercare esperienze che abbiano un significato maggiore”.


Leone Qizilbash
Credito immagine: Sony

Per di più, oggi Sony ha condiviso un video che descrive in dettaglio i piani futuri dell'azienda per il prossimo decennio, incluso uno sguardo a un possibile concetto per una futura console PlayStation.

READ  Spotify Wrapped 2020: come trovare la tua recensione annuale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *