MotoGP, l’ultimo addio di Valentino Rossi alla Yamaha: “Like a movie”

Finisce con a dodicesimo posto Al Gran Premio del Portogallo la lunga avventura di Valentino rossi con il team ufficiale Yamaha in MotoGP. E il “ dottore ” alla fine del test del campionato del mondo Portimao voleva fare un bilancio del suo quindici sulla moto di Iwata (intervallato dal biennio in Ducati).

“La Yamaha era lì parte più importante della mia carriera e una parte molto importante nella mia vita – ha osservato il fuoriclasse di Tavullia -. ho vissuto come in un film. E ora con il Squadra Petronas, inizierà il secondo tempo della mia carriera “.

Valentino Rossi può solo sputare su dopo aver tagliato il traguardo al 12 ° posto. “ho fatto del mio meglio, perché ne avevamo bisogno degna razza per salutare questa squadra – ha ammesso -. volevo nella migliore delle ipotesi sano tutti i miei amici qui nel box, ma per noi è stato un weekend duro sin dall’inizio ”.

Quindi l’ultima analisi post-gara di Pilota ufficiale Yamaha: “Purtroppo me ne stavo andando, e anche io sono partito male. Non ho mai avuto la strada libera, ed è stato un peccato perché la mia il ritmo non era male. Avevamo messo a punto la moto e anche le gomme hanno risposto bene. Ma superare era molto difficile“.

E Valentino Rossi ha concluso con un ‘ultima dichiarazione d’amore alla Yamaha: “Ho corso per diverse squadre, è stato comunque quello della mia vita. Sono davvero molto felice, salutare tutti e poterli baciare è stato meraviglioso. Insieme abbiamo vinto tanto ed è stato bellissimo trascorrere insieme tanti bei momenti ”.

READ  Diretto Lazio-Zenit 3-1 diretto: immobile freddo del dischetto

Si conclude così un lunghissimo capitolo della storia personale e sportiva di Valentino Rossi. Chi, invece non andare, anzi solleva. E lo farà su sella da un’altra Yamaha, quella di Squadra Petronas.

OMNISPORT | 22-11-2020 19:52

Carattere: Getty Images

More from Teodosio Lettiere

Nyt, ucciso il numero 2 di Al-Qaeda – L’ultima ora

(ANSA) – WASHINGTON, 14 NOV. – Abdullah Ahmed Abdullah, il numero due...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *