misure sanitarie più pesanti nei Paesi Bassi e in molti altri paesi europei

Un telespettatore olandese di fronte al discorso del primo ministro Mark Rutte, 15 dicembre 2020 (SABINE JOOSTEN / ANP MAG)

Gli annunci, lunedì 14 in serata, del premier olandese Mark Rutte che ha avuto l’effetto di un colpo di martello. Ha decretato l’istituzione di una reclusione di 5 settimane, con effetto immediato. Semplicemente perché la situazione si sta deteriorando drasticamente nei Paesi Bassi: 10.000 nuovi casi al giorno, il che fa temere un gran numero di ricoveri entro la fine dell’anno. I Paesi Bassi hanno poco più di 10.000 morti, ma principalmente durante la prima ondata in primavera; il paese è rimasto relativamente risparmiato dal 2, e improvvisamente si è assistito a un rallentamento nel rispetto delle misure di barriera. Questa è probabilmente la spiegazione.

Quindi questa volta non si scherza più. Le misure sono rigorose: chiusura dalla mezzanotte di ieri sera di tutti i negozi non essenziali, parrucchieri, musei, cinema, palazzetti dello sport; fine di tutte le lezioni frontali a scuola da domani e questo ha causato una grande sorpresa tra gli insegnanti che non si aspettavano questa decisione, e un fortissimo incentivo al telelavoro. Per le festività natalizie, una leggera esenzione: possiamo ricevere tre familiari a casa, non di più.

Gli olandesi la prendono piuttosto bene anche se si prevede che l’impatto sull’economia sarà significativo. I due olandesi su tre approvano infatti l’azione di Mark Rutte, che cercherà anche un nuovo mandato il prossimo marzo. E sono addirittura il 49% a chiedere un contenimento totale, ancora più severo, per fermare la pandemia. Molti olandesi avrebbero voluto che questi annunci avvenissero prima, poiché la situazione epidemica si è deteriorata entro la fine di novembre.

I Paesi Bassi non sono l’unico paese europeo a rafforzare le misure; gli altri due esempi più eclatanti sono la Germania e il Belgio.

READ  Alexey Navalny rilasciato dall'ospedale di Berlino | Medici: "È possibile il completo recupero"

In Germania le nuove misure sono state annunciate domenica 13 ed entreranno in vigore mercoledì 15 per 4 settimane, fino al 10 gennaio. Con decisioni abbastanza simili a quelle dei Paesi Bassi: chiusura di aziende non essenziali, scuole, asili nido. Forte incentivo al telelavoro. Limitazione del contatto familiare, 5 adulti per nucleo familiare, non di più, avendo contatti limitati al massimo prima delle vacanze.

In Belgio, è anche molto severo. Negozi non essenziali, palazzetti dello sport, luoghi culturali per la maggior parte chiusi. Restano aperti solo musei e piscine. E per le vacanze, attenzione: è ammesso un solo ospite per nucleo familiare. Una nonna, un nonno. E questo è tutto. Anche in Belgio c’è anche il coprifuoco, i cui orari variano a seconda della regione.

Anche in Italia e in Spagna c’è il coprifuoco e le misure variano ancora molto da regione a regione. Va però ricordato che le restrizioni in Italia saranno molto severe durante tutte le festività di fine anno, con in particolare il divieto di spostarsi da una regione all’altra: questo limiterà necessariamente i ricongiungimenti familiari. Ricordiamo che l’Italia, con 65.000 morti, è il Paese con il maggior numero di morti in Europa, insieme al Regno Unito.

Questo inasprimento del confinamento tra molti nostri vicini si sta quindi verificando mentre con noi si sta un po ‘allentando e questo può ovviamente sollevare interrogativi. Ma devi anche essere consapevole di due cose. Le misure, nelle ultime settimane, sono state nel complesso più rigorose in Francia che in Germania o nei Paesi Bassi. E soprattutto, la situazione epidemica, anche se non è sotto controllo in Francia, ha conosciuto recentemente uno sviluppo più preoccupante nei nostri vicini, in particolare qui anche in Germania e nei Paesi Bassi.

READ  Barcellona, ​​Messi: "Sono stanco di essere sempre il problema di tutto"

Infine, va notato che un altro paese, come la Francia, sta piuttosto alleggerendo le sue misure, è il Regno Unito. Boris Johnson ha deciso di limitare le restrizioni per consentire ai britannici di trascorrere le vacanze con le loro famiglie: tre famiglie diverse potranno unirsi. Le attività non essenziali potranno riaprire, sempre con differenze a seconda della regione: è più severo, ad esempio a Birmingham, Manchester o Newcastle, dove il virus rimane molto presente.

Questo allentamento della reclusione è ampiamente criticato dall’altra parte della Manica: diverse riviste mediche specializzate annunciano già che innescherà una terza ondata dopo le vacanze. E il leader dell’opposizione, Lavoro Keir Starmer, questa mattina ha chiamato Boris Johnson per rivedere la sua posizione e ripristinare la stretta reclusione. In breve, i dibattiti e le controversie sull’argomento non sono univoci in Francia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *