Missègle, le sue giacche “senza tempo” e i “calzini rigidi”, beneficiano dell’interesse per il “Made in France”

Inserito da Karen Morant « 500 lattine, ieri ». Presto sarà « 1000 al giorno ». Questo ex cassiere dell’ufficio postale di Castres è responsabile dell’invio degli ordini Missègle. Dal magazzino accanto all’officina Tarn SME, il ritmo aumenta il 4 novembre, in vista del picco previsto delle vendite natalizie. Promette di essere forte.

Perché Missègle, marchio di giacche, calze e coperte fabbricato a Burlats (Tarn) sin dalla sua nascita nel 1994, è uno dei produttori francesi più venduti. Tanto che, quest’anno, dopo otto anni di assenza, le PMI tornano a MIF Expo, la fiera parigina del “Made in France”, in programma fino al 14 novembre, dove produttori di shampoo e stivali di gomma si confrontano con i cioccolatieri. L’evento, cancellato nel 2020 a causa del Covid, ha battuto i record di presenze: 100.000 visitatori in quattro giorni. Vendita di moda “Made in France”. ancora. « Continuerà. Questo è il senso della storia., vuoi credere a Myriam Jolie, che ha fondato questo marchio.

Leggi il sondaggio: Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Saldi prefabbricazione: in pre-ordine cambia moda

« Io ho canottaggio per venticinque anni, fino al 2008”, Lei ricorda. Da allora, le vendite sono cresciute del 10% annuo. E nel 2020, grazie all’aumento delle vendite online e al rinnovato interesse dei consumatori per l’abbigliamento Made in France, il fatturato ha raggiunto gli 8,5 milioni di euro. Per quanto riguarda il suo margine netto, ha manipolato al 15%. Non ne aveva mai visto uno come lui.

ingegno dei “contadini”

Il marchio ha appena firmato un’estensione, la decima da quando è stata installata in un ex laboratorio di granito. NSio Jolie ha incaricato la designer Matali Crasset di progettare questo edificio in legno. Dispone di 900 mq di terreno e domina la vallata del Missègle e l’azienda agricola, dove per dieci anni fino al 1994, è stato il sig.io Julie ha allevato capre d’angora per il mohair.

READ  La Grecia ha ceduto la gestione di Irene all'Italia

Il risultato riflette l’ingegno « contadino » Le convinzioni dell’imprenditore: il legno è pino Douglas delle segherie del Tarn, il granito per i pavimenti esterni proviene dall’altopiano di Sidobri, una montagna locale, i pannelli fotovoltaici sul tetto coprono il 60% del fabbisogno elettrico dell’officina ed è stata allestita una palestra per 60 dipendenti dell’azienda. Il tutto – l’investimento è stato di un milione di euro – è stato aperto ad ottobre.

Sotto referenze libere da ogni fantasia, l’azienda vende calde giacche “senza tempo” e “calze rigide”

Ulteriori miglioramenti in corso. Con due dei suoi tre figli, Gaëtan e Olivier Billant, co-gestori di Missègle da dieci anni, l’imprenditrice 63enne ha deciso di ampliare il suo parco macchine. Recentemente, le calze sono realizzate con il vapore su una macchina automatica, senza ricorrere a lavaggi che consumano acqua. Un altro finanziamento da 1 milione di euro, con l’aiuto della regione Occitania, è per l’installazione di telai automatici per maglieria, lineari e tubolari, per la produzione di giacche dritte e calze, riducendo la manodopera solo per le operazioni di rifinitura e taglio del filo. Le fibre sono naturali: mohair, camel down, merino australiano o yak mongolo. Pochi fornitori di lana sono francesi. « Quantità e qualità insufficienti »Pelant precisa che l’azienda acquista i suoi filati di lana principalmente in Italia.

Hai il 34,53% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *