M5s, Crimi all’Assemblea dei Parlamentari presenta i 3 possibili scenari: dal voto online per la leadership al percorso degli Stati Generali

L’assemblea dei parlamentari di Movimento a 5 stelle aperto con l’intervento di Vito Crimi: il deputato politico anziano apre i lavori della riunione congiunta spiegando i tre possibili scenari per i futuri M5. “Su questi vi chiedo di riflettere”, ha esordito secondo l’agenzia Adnkronos. La prima delle possibilità, illustrata con numerose diapositive, prevede un voto immediato su Rousseau sul nuovo leader politico. L’alternativa è scegliere un organo collegiale, una sorta di segreteria politica: questa opzione passerebbe anche attraverso una votazione sulla piattaforma M5s. Il terzo scenario: raggiungere il Stati Generali, guidato da una commissione composta da parlamentari, eurodeputati, consiglieri regionali e portavoce comunali (sindaci o amministratori). Per il momento manca il voto dell’assemblea sulle tre ipotesi proposte dal leader politico.

Il discorso di Crimi – “Stavi chiedendo una discesa ed è quello che succede. Non vedi un post sul blog diretto con una decisione. L’idea è che siano i portavoce a scegliere autonomamente i singoli soggetti della commissione (per gli Stati Generali, ndr). Non avrai un uomo che dia la soluzione ”. “Gli Stati Generali sono una strada. Esistono due livelli di governance, uno più urgente. Abbiamo bisogno della start-up per alimentare il percorso e lasciare la discussione sulle questioni più profonde “, ha sottolineato.

Il dibattito in assemblea, Di Nicola: “Diamo tempo a noi stessi per parlare alla nostra gente” – Subito dopo il discorso di Crimi, è iniziato il dibattito. I primi interventi (come quelli del senatore Emanuele Dessì o il vice Dalila Nesci) sono tutti contrari all’ipotesi di un voto su Rousseau, senza corso al Congresso, della nuova dirigenza, sia essa collegiale o monocromatica. “Ora non è il momento di combattere … abbiamo tempo per parlare con la nostra gente, il contenuto ha bisogno di mesi”, ha detto il senatore. Primo Di Nicola. Uno dei primi a lasciare l’assemblea è stato il parlamentare Carla Ruocco.

READ  Topo # 1 - Primato | Mister Brexit | 3 percento

Il malcontento e le tensioni delle ultime settimane, Buffagni: “Basta con gli struzzi” – L’assemblea è arrivata un periodo molto difficile per il movimento, dopo la sconfitta alle elezioni regionali e in attesa di capire come verrà scelto il nuovo leader politico. Il rischio è che le dinamiche interne si riducano, come già sottolineato da molti big, a una vera e propria guerra tra bande. Oggi l’ha ribadito Roberto Fico: “Basta battaglie interne, abbiamo bisogno di più collegialità, perché alcuni problemi ancora vivi nel M5S derivano da un eccessivo verticalismo verificatosi ”. E queste parole, in molti, le leggono come un attacco all’ex leader politico (ancora molto presente) Luigi Di Maio. Un’altra riflessione che ha generato oggi molte discussioni è quella di Stefano Buffagni, Vice Ministro M5s: “Continuo la mia lotta”, ha scritto su Facebook, “anche se spesso è estenuante e demotivante: l’inadeguatezza di certe scelte, di certe persone, e dei toni nel Movimento 5 Stelle è alla base della situazione che stiamo affrontando. Spero che finiremo di fare gli struzzi, capendo nel modo giusto e nei posti giusti come cambiare, oltre a dare la caccia “ai mercanti del tempio”.

Conte: “Sono io il leader di M5?” L’impegno del governo sta assorbendo ”. E Zingaretti spera in una soluzione – In questi delicati equilibri interni, la figura di Giuseppe Conte. Che oggi, intervistato da La Stampa, ha risposto a una domanda sulla possibilità che lui guida il Movimento. “Parla di un’esperienza incredibile che ha profondamente innovato la politica italiana e che ora è chiamato a fare un salto che, spero, avverrà in seguito a un confronto franco e sereno tra le diverse anime. Per quanto mi riguarda l’impegno del governo è assorbente e richiede la mia massima concentrazione ”. Insomma, diventare un leader del Movimento non è nei suoi progetti futuri, ma ciò non esclude categoricamente la possibilità di avere un ruolo (anche in vista della prossima legislatura).

READ  L'Italia sigilla il nord

Sulla dinamica interna del Movimento è intervenuto anche il Segretario Pd Nicola Zingaretti: “Non voglio sfuggire alle domande”, ha detto, “ma non è corretto da parte mia parlare, c’è un dibattito nel Movimento e si conferma che i M5 sono compositi, non è un monolite da dare alla legge di Salvini. Mi auguro che il risultato del confronto interno permetta di capire che ora abbiamo una missione comune, abbiamo salvato l’Italia, ora abbiamo la missione di rilanciare l’economia, di rimettere in piedi un progetto, di creare lavoro e lotta alle disuguaglianze ”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia, noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, stiamo svolgendo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, informazioni esclusive, interviste ad esperti, sondaggi, video e tanto altro. Tuttavia, tutto questo lavoro ha un costo economico elevato. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con la rampa di accesso. Ecco perché chiedo a coloro che leggono queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente dell’assistenza clicca qui.

grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire ogni giorno centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una somma modesta ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente dell’assistenza!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Mattarella risponde a Boris Johnson: “Anche noi italiani amiamo la libertà, ma ci teniamo anche alla serietà”

seguente


Articolo successivo

Regionali Campania: la vittoria di De Luca la dice lunga. E Zingaretti dovrebbe stare attento

seguente


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *