L’Unione Europea intende ampliare le sanzioni contro l’Iran in risposta all’attacco a Israele

L’Unione Europea intende ampliare le sanzioni contro l’Iran in risposta all’attacco a Israele

Sulla scia del recente attacco iraniano a Israele, l’Unione Europea si prepara ad ampliare le sanzioni contro Teheran.

Il capo della politica estera dell’Unione Europea, Josep Borrell, ha annunciato martedì che diversi Stati membri hanno proposto di estendere le misure restrittive nei confronti dell’Iran, con l’obiettivo di limitare la fornitura di missili e droni alla Russia e ai suoi delegati in Medio Oriente.

Borrell ha rivelato che durante una videoconferenza d'emergenza dei ministri degli Esteri dell'Unione Europea, si è discusso delle ripercussioni dell'attacco iraniano a Israele. Borrell ha affermato che “alcuni Stati membri hanno proposto… di adottare un'espansione delle misure restrittive contro l'Iran”, riferendosi ad una posizione unitaria tra alcuni paesi dell'Unione Europea.

Le sanzioni proposte si baserebbero sulle misure esistenti volte a ostacolare la fornitura di droni iraniani alla Russia. Borrell ha delineato i piani per espandere il regime di sanzioni per includere la fornitura di missili ed espandere la copertura per includere le consegne effettuate agli agenti in Medio Oriente.

Vale la pena notare che Germania, Francia e altri Stati membri dell'UE hanno espresso pubblicamente il loro sostegno alla proposta, evidenziando la loro determinazione collettiva ad affrontare le azioni destabilizzanti dell'Iran nella regione.

Foto AFP/Tomer Neuberg
Il sistema di difesa aerea israeliano Iron Dome per intercettare i missili provenienti dall'Iran, nel centro di Israele, lanciato il 14 aprile 2024Foto AFP/Tomer Neuberg

Borrell ha affermato il suo sostegno alle sanzioni proposte, sottolineando la necessità di un'azione diplomatica in risposta all'aggressione iraniana. Ha annunciato che il corpo diplomatico dell'Unione europea inizierà a lavorare sull'espansione delle sanzioni e che le discussioni continueranno nella prossima riunione ministeriale in Lussemburgo.

READ  L'ufficio del principe Carlo afferma di aver seguito le regole sulle donazioni di beneficenza

Per quanto riguarda le richieste di includere il Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche iraniane nell’elenco delle sanzioni europee, Borrell ha spiegato che per tale azione sono necessarie prove concrete del coinvolgimento delle Guardie rivoluzionarie islamiche iraniane in atti terroristici in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *