L’Unione Europea cercherà di fermare i flussi migratori di massa dall’Afghanistan

Eve Hermann tramite Reuters

Bandiere dell’Unione Europea sventolano fuori dalla sede della Commissione dell’Unione Europea a Bruxelles, Belgio, 14 luglio 2021. REUTERS/Yves Hermann

I paesi dell’Unione europea intendono arginare l’ondata di disordini in Afghanistan dopo che i talebani hanno preso il controllo del paese, secondo una bozza di dichiarazione preparata prima della riunione dei ministri degli interni di martedì.

I governi dell’UE vogliono evitare il ripetersi del caotico afflusso di rifugiati e migranti nel 2015, che ha trovato il blocco impreparato e diviso tra gli Stati membri, alimentando il sostegno ai partiti di estrema destra mentre i centri di migranti in Grecia, Italia e altrove sono stati inondati.

“Sulla base delle lezioni apprese, l’UE e i suoi Stati membri sono determinati a lavorare insieme per prevenire il ripetersi dell’immigrazione illegale su larga scala e incontrollata in passato e per preparare una risposta coordinata e ordinata”, hanno affermato durante il loro incontro. Ministri dell’Interno, secondo una bozza di dichiarazione vista da Reuters.

La bozza degli Stati membri dell’UE arriva dopo che l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati ha avvertito che fino a mezzo milione di afgani potrebbero partire entro la fine dell’anno.

Migliaia di afgani sono fuggiti dal massiccio ponte aereo delle forze occidentali dopo che i talebani hanno catturato la capitale, Kabul, il 15 agosto. Ma all’inizio dell’operazione, molti affrontano un futuro incerto sotto il governo del gruppo militante islamista.

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, ha dichiarato lunedì che una “crisi più grande è appena iniziata” per i 39 milioni di persone in Afghanistan e ha chiesto di lasciare aperti più confini e che più paesi condividano le responsabilità con Iran e Pakistan. Ospita già 2,2 milioni di persone. Afgani.

READ  Fatti e bugie sul riconoscimento del college

Alla riunione di emergenza di martedì a Bruxelles, i ministri dell’UE ribadiranno anche l’impegno del blocco a fornire più denaro all’Afghanistan e ai paesi vicini, anche se gli aiuti sono diventati più complicati da quando i talebani hanno preso il controllo, hanno affermato.

“L’Unione europea deve anche aumentare il suo sostegno ai vicini dell’Afghanistan per garantire che le persone bisognose ricevano un’adeguata protezione nella regione”, hanno affermato i ministri in una bozza di dichiarazione.

La bozza afferma che i ministri si impegneranno anche a fermare le nuove minacce alla sicurezza dall’Afghanistan ai cittadini dell’UE.

Nel frattempo, l’International Rescue Committee ha affermato che l’UE dovrebbe elaborare un nuovo piano per il reinsediamento di almeno 30.000 afgani dalla regione nei prossimi 12 mesi.

“L’Unione europea deve difendere il diritto dei richiedenti asilo di lasciare l’Afghanistan”, ha affermato l’International Rescue Committee in una nota.

Josep Borrell, capo della politica estera dell’Unione europea, ha affermato di voler vedere il blocco creare una forza militare per rispondere rapidamente, intervenire nelle crisi future e aiutare a stabilizzare le fragili democrazie all’estero.

Fonte: Reuters

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *