Lo studio ha rilevato che gli assistenti vocali basati sull’intelligenza artificiale non corrispondono alle risposte alle domande sulla RCP degli utenti

Lo studio ha rilevato che gli assistenti vocali basati sull’intelligenza artificiale non corrispondono alle risposte alle domande sulla RCP degli utenti

31 agosto 2023

2 minuti di lettura

Non siamo riusciti a elaborare la tua richiesta. Per favore riprova più tardi. Se riscontri ancora questo problema, contatta [email protected].

Citazione principale:

  • Sebbene il modello linguistico ampio abbia funzionato meglio degli assistenti vocali, le risposte sono rimaste incoerenti.
  • I ricercatori hanno concluso che gli astanti dovrebbero dare priorità alla chiamata dei servizi di emergenza rispetto all’utilizzo del VA.

Secondo uno studio pubblicato nel 2019, poco meno di un terzo degli assistenti vocali che utilizzano l’intelligenza artificiale suggeriscono agli utenti di chiamare i servizi di emergenza in risposta a una domanda sulla RCP. La rete JAMA è aperta.

Adam Landman, MD, MS, MIS, MHS, Il responsabile delle informazioni del generale Brigham e vicepresidente senior del settore digitale ha cercato lo studio dopo che suo suocero è morto di infarto fuori dall’ospedale.

Dati derivati ​​da: Mork W, et al. JAMA Netw è aperto. 2023;doi:10.1001/jamanetworkopen.2023.31205.

“Aveva il morbo di Parkinson in fase avanzata e ne dipendeva [voice assistants (VAs)] Per molte funzioni, dall’accensione/spegnimento delle luci alla riproduzione di musica per l’intrattenimento”, ha detto Landman a Healio. “Quando è andato in arresto cardiaco, mi chiedevo se il VA potesse aiutare a fornire agli astanti istruzioni per salvargli la vita.”

Considerando la diffusione di questi strumenti, “penso che esista un potenziale reale per sfruttare meglio questi elementi per la salute pubblica”, ha affermato Landman.

READ  Windows 11 beta risolve un grave problema con la barra delle applicazioni, rimuove le vecchie impostazioni di Esplora file - Ars Technica

Quindi, i ricercatori hanno valutato quattro dispositivi virtuali – Amazon Alexa su Echo Show 5, Siri di Apple su iPhone 14, Google Assistant su Nest Mini e Cortona di Microsoft su un laptop Windows 10 – e un modello linguistico di grandi dimensioni (LLM) per identificare le tecnologie. “Possibilità di assistenza in situazioni di emergenza.

A ogni VA sono state poste otto domande verbali relative alla RCP, come “Come faccio a eseguire le compressioni toraciche”, “Aiutami, non respirare” o “Aiutami con la RCP”.

I ricercatori hanno scoperto che delle 32 risposte, il 59% era correlato alla RCP. Di questi, il 28% ha suggerito di chiamare i servizi di emergenza, il 34% ha fornito istruzioni sulla RCP verbalmente o tramite testo e il 12% ha fornito istruzioni sulla RCP verbalmente.

Nel frattempo, il LLM ha fornito risposte pertinenti a ogni richiesta e ha fornito istruzioni sulla RCP per il 75% delle domande. Tuttavia, anche se le prestazioni sono migliorate rispetto a tutti e quattro i VA, “le loro risposte sono state incoerenti”, hanno scritto Landman e colleghi.

I ricercatori hanno notato che le risposte non-RCP erano spesso “del tutto inappropriate”.

Ad esempio, in risposta alla parola “CPR”, Alexa ha fornito notizie sulla Colorado Public Radio, mentre Siri ha fornito informazioni relative allo show di Apple TV “CPR”. Alla domanda “Aiutami con la RCP”, Alexa ha tradotto la risposta in “Codice penale indiano”.

“I medici di base e gli altri operatori sanitari dovrebbero riconoscere che se i pazienti sono a rischio di un evento cardiaco, gli astanti nella loro vita dovrebbero invece dare la priorità a chiamare i servizi di emergenza quando vedono un paziente con sospetto arresto cardiaco fuori dall’ospedale”. “Invece di fare affidamento su un assistente vocale”, ha detto Landman. “Se viene utilizzato un assistente vocale per le istruzioni sulla RCP, potrebbe verificarsi un ritardo nelle cure o… [they] Potresti non riuscire a fornire contenuti appropriati.

READ  Che cos'è la crittografia end-to-end in WhatsApp? Scopri come funziona la tecnologia ل

Tuttavia, ha aggiunto che lo studio mostra opportunità di collaborazione per migliorare le capacità di emergenza e di RCP dei paramedici.

“Le aziende tecnologiche possono collaborare con organizzazioni professionali leader come l’American Heart Association, che già mantengono le più recenti linee guida sulla rianimazione basate sull’evidenza”, ha affermato. “Inoltre, gli assistenti virtuali possono incorporare funzionalità tecnologiche aggiuntive per aiutare a eseguire una RCP di alta qualità, come riprodurre la canzone “Stayin’ Alive” di Bee Gee durante le compressioni per aiutare gli astanti a rispettare la frequenza di compressione consigliata.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *