L’isola di Santorini rischia di esplodere di nuovo? Scopri i risultati di un nuovo studio!

L’isola di Santorini rischia di esplodere di nuovo?  Scopri i risultati di un nuovo studio!
Santorini è una delle isole più belle e romantiche del mondo.
Daniele Injmi Daniele Injmi Meteorite Italia 7 minuti

Santorini è una delle isole più belle e romantiche del mondo. È anche meta di numerosi turisti provenienti da tutto il mondo, che ogni anno la visitano per godere delle meraviglie naturali e paesaggistiche di questo simbolo della Grecia.

Ma L'isola di Santorini rappresenta anche un paradiso per i geologi, poiché quest'isola nasconde ancora i segreti di grandi vulcani sepolti sotto il mare.. Un'attrezzatura scientifica sviluppata da Steffen Kutterolf del Centro di ricerca oceanica GEOMAR Helmholtz di Kiel per scoprire la storia precedente dell'esplosione marina del vulcano non ci fa notare alcun passato storico ser la Sua presenza.

Nell’articolo pubblicato sulla rivista Nature Geoscience, I geologi descrivono depositi di pomice e cenere che indicano una violenta eruzione sottomarina avvenuta nel 726 d.C.

Formazione dell'arcipelago

L'attuale arcipelago si formò dopo una devastante eruzione minoica alla fine dell'età del bronzo, circa 3.600 anni fa. In questo periodo, il vulcano liberò grandi quantità di cenere e pomice e alla fine crollò. Creazione delle famose pareti della caldera di Santorini.

Tuttavia, questo non è stato il primo collasso della caldera nella storia di Santorini.. “Siamo attualmente a conoscenza di almeno cinque eventi simili avvenuti nell'ultimo mezzo milione di anni”, afferma Jonas Prien dell'Università di Amburgo.

Secondo la ricostruzione scientifica di questo team di scienziati, l'isola di Santorini sta attraversando oggi una fase di accumulo di magma, anche se l'ipotesi di un collasso della caldera sembra al momento molto lontana.
Secondo la ricostruzione scientifica di questo team di scienziati, l'isola di Santorini sta attraversando oggi una fase di accumulo di magma, anche se l'ipotesi di un collasso della caldera sembra al momento molto lontana.

“Come altri grandi sistemi vulcanici, L'isola di Santorini attraversa cicli che si alternano tra la formazione di caldere e la nascita di vulcani al suo interno.che esplode man mano che la camera magmatica in profondità si riempie sempre di più.

Quando quest'ultimo è pieno, le esplosioni diventano ancora più impressionanti Una grande eruzione può portare alla formazione di una caldera”. Ciò avviene tipicamente in periodi di decine di migliaia di anni.

READ  Leggere al contrario, contare i peli del naso e assaggiare i sassi

Santorini è attualmente in fase di accumulo?

Secondo la ricostruzione scientifica di questo team di scienziati, Oggi Santorini sarà in fase di accumulo di magma, anche se l'ipotesi di un collasso della caldera sembra al momento molto inverosimile.

Tuttavia, una nuova ricerca mette in discussione questa ipotesi.. Sembra che un'eruzione molto violenta avvenuta all'inizio dell'estate del 726 sia stata scoperta e ricostruita in vari luoghi da carotaggi prelevati all'interno e all'esterno della caldera.

Si è addirittura ipotizzato che l'improvvisa comparsa di rocce galleggianti nel Mar Egeo possa aver spinto l'imperatore Leone III di Costantinopoli, temendo il disfavore divino, a imporre l'iconoclastia, vietando l'esposizione di simboli religiosi. Ma a prescindere da questi resoconti storici, Non ci sono ancora prove concrete di questa esplosione.

Raccogli nuove prove sull'esplosione

La missione, effettuata tramite la nave perforatrice JOIDESsolution, ha evidenziato la presenza di tracce di questa presunta eruzione. Studi precedenti avevano suggerito la presenza di spessi strati di sedimenti sul fondale marino di origine incerta.

Quest'ultimo è stato evidenziato grazie alla realizzazione di deboli terremoti artificiali che permettono di rilevare le onde sismiche indicando il tipo di rocce che le attraversano.

Tuttavia, la nuova ricerca ha perforato fino a 300 metri di profondità nel fondale marino, raccogliendo così le prove della massiccia esplosione sottomarina del 726 d.C.

La perforazione del fondale marino ha rivelato uno strato di pomice grigia e cenere, spesso fino a 40 metri. È inequivocabilmente associato a un'enorme esplosioneè probabile che avvenga nella data sopra indicata.

READ  Mistero del metano sulla luna ghiacciata di Saturno Encelado: potrebbe essere un segno di vita?
Ma una nuova ricerca mette in discussione questa ipotesi.  Sembra che si sia trattato di un'eruzione molto violenta avvenuta all'inizio dell'estate del 726 e ricostruita in vari punti da carotaggi prelevati all'interno e all'esterno della caldera.
Ma una nuova ricerca mette in discussione questa ipotesi. Sembra che si sia trattato di un'eruzione molto violenta avvenuta all'inizio dell'estate del 726 e ricostruita in vari punti da carotaggi prelevati all'interno e all'esterno della caldera.

Questa eruzione deve essere avvenuta in gran parte sott'acqua nella caldera, poiché sulla terraferma non sono stati trovati quasi depositi dell'eruzione.“Ciò è coerente con i resoconti storici dell’epoca”, spiega Jens Carstens, geofisico marino del GEOMAR.

L’isola di Santorini rischia di esplodere?

Jonas Braine sottolinea che anche l'eruzione del vulcano nel 726 d.C. fu trenta volte più debole dell'eruzione del famoso vulcano minoico. Non è stata certamente un’impresa facile e le nuove conoscenze sul comportamento vulcanico di Santorini hanno importanti implicazioni per la valutazione di eventuali nuovi rischi.

La ricerca suggerisce che durante le prime fasi del ciclo della caldera possono verificarsi potenti eruzioni esplosive. Inoltre, i risultati evidenziano la necessità di prestare maggiore attenzione alle esplosioni sottomarine, che, se violente, potrebbero causare violenti tsunami nella regione del Mediterraneo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *