L’Europa in “rosso” – Londra di nuovo in quarantena

Europa in

L’allarme è suonato nel più grande paese d’Europa, poco dopo aver chiuso di nuovo le sue economie, di fronte alle nuove dinamiche dell’onda epidemica che impongono condizioni di blocco. Da mercoledì Londra entra nella scala 3, il provvedimento più severo in termini di protezione contro il Coronavirus, dopo lo scoppio di nuovi casi.

Il caso di Londra non è l’unico caso. Un altro paese in condizioni migliori e un altro in condizioni peggiori, una serie di paesi, dalla Germania ai Paesi Bassi e al Belgio, che hanno annunciato nuovi blocchi o prima “arrossiti”. In Germania dopodomani i negozi vengono chiusi e una serie di attività, a Londra ci vogliono giorni prima che venga presa la decisione con il massimo livello di diffusione del virus, e l’Italia adotta subito nuove e rigide restrizioni.

In dettaglio, la capitale britannica, LondraÈ diventato noto che è ancora una volta al livello più alto del sistema a tre livelli in vigore in Inghilterra per limitare la diffusione del virus Corona, dopo un rapido aumento delle infezioni, secondo la BBC.

Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha invitato l’amministrazione Johnson a chiudere prima le scuole superiori e le università e ha esortato gli studenti a passare all’e-learning.

Ma ha avvertito che “se il governo decide di imporre ulteriori restrizioni a Londra questa settimana, l’impatto finanziario sull’attività potrebbe essere disastroso”.

Dall’inizio di dicembre, il governo ha implementato un sistema a tre livelli in Inghilterra con l’obiettivo di controllare la seconda ondata dell’epidemia di Covid-19, dopo un mese di blocco.

In ogni area che rientra nel livello 3 di rischio, si applicano le seguenti regole:

READ  Binance vuole essere legalizzato agli occhi delle autorità e cerca una sede...

Divieto di raduni all’interno, nei giardini privati ​​o nella maggior parte dei luoghi esterni ad eccezione degli alloggi.

– Sono consentite riunioni fino a 6 persone all’aperto come parchi, spiagge o campagna.

Negozi, palestre e servizi di cura personale (come un barbiere) possono essere lasciati aperti

Bar, caffè e ristoranti dovrebbero essere chiusi, fatta eccezione per la consegna e la distribuzione a domicilio.

I fan non possono partecipare agli eventi negli stadi.

I luoghi di intrattenimento al coperto, come le piste da bowling e i cinema, dovrebbero essere chiusi

Si consiglia ai cittadini di non viaggiare da e verso le aree dell’istruzione superiore.

Italia

L’Italia, al quinto posto nella lista nera delle pandemie globali con 64.036 morti e oltre 1,8 milioni di casi, sta valutando misure di austerità per Natale e Capodanno, minacciando di scatenarle. Di casi a gennaio.

Il governo italiano punta a imporre una chiusura della “zona rossa” dal 24 dicembre almeno fino al 2 gennaio, per estendere il coprifuoco notturno, vietare la circolazione e chiudere negozi, bar e ristoranti nei fine settimana e nei giorni festivi, tranne i negozi esterni, beni di prima necessità.

Germania

La Germania entra in blocco per almeno tre settimane da mercoledì, con negozi e scuole chiusi per far fronte al massiccio aumento dei casi e all’altissimo numero di morti prima delle vacanze di fine anno, come ha spiegato Angela Merkel, annunciando le nuove restrizioni che entreranno in vigore fino al 10 gennaio.

“Dobbiamo agire e agire ora”, ha detto il cancelliere tedesco.

Nel corso delle tre settimane di festeggiamenti, lo slogan in tutto il paese è stato “Viviamo a casa”, come ha fatto la scorsa primavera, quando i tedeschi sarebbero stati chiamati a ridurre drasticamente i contatti sociali ed evitare viaggi in patria e all’estero.

READ  Fiscalità delle imprese: dopo lo storico accordo del G7, bisogna trovare un compromesso globale

Queste misure mirano ad evitare la congestione del sistema sanitario, in un momento in cui la carenza di personale e molti ospedali hanno cominciato a sentirsi, mentre le unità di terapia intensiva hanno raggiunto i loro limiti.

Olanda

Il primo ministro Mark Rutte ha detto oggi che una quarantena di cinque settimane entrerà in vigore questa settimana nei Paesi Bassi nel tentativo di frenare la diffusione del Covid-19, le misure più severe che il paese ha adottato dall’inizio della pandemia.

“I Paesi Bassi saranno chiusi per cinque settimane”, ha detto Rutte in un discorso televisivo dal quartier generale del governo dell’Aia, dove si sono riuniti i manifestanti.

Ho sentito voci e fischi durante il sermone di Ruta. Comprendiamo la serietà delle nostre decisioni prima del Natale ”. Ha detto:“ Non stiamo affrontando una semplice influenza come pensano quelli dietro di noi ”, riferendosi strettamente ai manifestanti.

Rutte ha consigliato ai cittadini olandesi di restare a casa e di ricevere un massimo di due persone al giorno, aggiungendo che le procedure proseguiranno fino al 19 gennaio.

Si fa eccezione per circa tre giorni a Natale, quando sono ammessi tre ospiti adulti.

“Meno connessioni, meglio è. Dobbiamo fare del nostro meglio per essere in una situazione migliore. Sì, andrà meglio”, ha detto Mark Rutte.

Tutti i negozi non essenziali, ad eccezione di supermercati, alimentari e farmacie, rimarranno chiusi da domani martedì, mentre le scuole rimarranno chiuse da mercoledì. “Musei, cinema, teatri, palestre e zoo saranno chiusi”, ha detto.

L’annuncio è arrivato quando il numero di feriti è aumentato drasticamente nel paese e il bilancio delle vittime aveva superato i 10.000.

READ  Bezos negli occhi di Biden sulle tasse di Amazon

Il luogo scelto per il discorso di oggi è importante, poiché l’ufficio del primo ministro del Paese viene solitamente utilizzato per gli annunci più importanti. Dall’inizio della crisi sanitaria, la maggior parte delle misure sono state annunciate in una semplice sala per conferenze stampa. Le misure annunciate sono le più severe dall’inizio della pandemia. A marzo, i Paesi Bassi hanno implementato una quarantena che chiudeva le scuole ma apriva negozi.

Svizzera

In Svizzera, un direttore dell’ospedale di Zurigo ha chiesto una “chiusura del Paese” e, secondo SonntagsZeitung, i cinque ospedali universitari di Basilea, Berna, Zurigo, Losanna e Ginevra hanno espresso la loro “profonda preoccupazione”. Al Ministro della Salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *