L’Europa sta uscendo dall’era dei tassi di interesse negativi

Questo fenomeno è lento e graduale, ma sta cominciando a indicare una profonda trasformazione economica. Dopo diciotto mesi in territorio quasi sempre negativo, i tassi di interesse presi a prestito dai paesi europei sono tornati sopra lo zero. L’obbligazione francese a 10 anni, che ha toccato un minimo del -0,38% a metà dicembre 2020, si avvicina ora allo 0,2%. I Paesi Bassi sono passati dal -0,5% allo 0%. Anche l’Italia guadagna mezzo punto, allo 0,9%. Solo la Germania, che i mercati considerano il Paese meno rischioso, resta in territorio negativo, a -0,2%. La mossa segue gli Stati Uniti, i più avanzati, con il tasso di indebitamento a 10 anni che ha preso 1,1 punti in quasi un anno, salendo all’1,6%.

Questo sviluppo non è privo di rischi in un contesto post-pandemico, in cui i paesi sono diventati fortemente indebitati. Tra il 2019 e il 2020, il debito pubblico francese è aumentato dal 97% del PIL al 115,7%, un balzo storico. Nell’Eurozona, questo è passato dall’85% al ​​102%. In questo contesto, la minima variazione dei tassi di interesse diventa molto sensibile alla sostenibilità del debito. Sorge anche il rischio di scoppio di una bolla finanziaria: per anni i bassi tassi di interesse hanno costretto il capitale a fuggire verso mercati più rischiosi, come i mercati azionari, che producono maggiori rendimenti; Lo spostamento può causare lo svuotamento improvviso.

  • Perché i prezzi stanno aumentando?

“L’anomalia sono i tassi negativiRicorda Francois Ikal, presidente di Fipeco. Di per sé, un aumento è un buon segno. Ciò significa che gli investitori si aspettano più inflazione e crescita. “ Eric Dor, Direttore degli studi economici presso Iéseg Business School, condivide la stessa opinione: Se i tassi rimangono negativi, sarà un segno della recessione dell’economia. “

Leggi l’analisi: L’economia globale è minacciata da un’overdose di denaro gratuito

L’aumento dei tassi riflette la graduale ripresa delle economie con la vaccinazione delle popolazioni e l’eliminazione delle restrizioni sanitarie. Allo stesso tempo, l’inflazione sta iniziando a tornare. Nell’Eurozona il livello rimane ragionevole, raggiungendo l’1,6% su dodici mesi ad aprile. Negli Usa è scattato l’allarme: gli aumenti dei prezzi hanno raggiunto il 4,2% in un anno.

READ  Europa: il virus Covid provocherà una nuova crisi economica?

Deriva da una combinazione di due fattori: un improvviso aumento della domanda, con dislocazione, e colli di bottiglia della produzione, poiché le catene di approvvigionamento globali sono interrotte dall’epidemia, causando carenze: dal legno ai semiconduttori. , In bicicletta. Crescita e inflazione da dividendi: i tassi dovevano essere aumentati.

Hai ancora il 77,11% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *