L’estrazione di terre rare in Birmania: “duro esempio di devastazione su larga scala”

L’estrazione di terre rare in Birmania: “duro esempio di devastazione su larga scala”

Ah Prang, un lavoratore birmano (il suo nome è stato cambiato), trasporta sacchi di acido ossalico in un bacino di raccolta in una miniera nello stato di Kachin, nel nord della Birmania. Quindi mescola questa sostanza chimica con acqua usando un bastoncino, protetto solo da un impermeabile e guanti. “Anche se indossi una maschera, ti brucia la gola e tossisci molto. È come se stessi mangiando [ce produit]Ha un sapore acido e piccante “, egli descrive.

Questa testimonianza è stata raccolta dalla ONG Global Witness. Mentre si terrà il 17 a ParigiH Edizione di Forum sulle catene di approvvigionamento responsabili dei mineraliSotto gli auspici dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), Global Witness pubblica giovedì 23 maggio un nuovo studio che mette in guardia sull'impatto disastroso dell'estrazione pesante di terre rare in Birmania.

Specializzato nella lotta al saccheggio delle risorse naturali nei paesi in via di sviluppo, La ONG lo ha già rivelatoNel 2022, l’entità dell’attività mineraria in Birmania, vicino al confine con la Cina, e il suo impatto sull’ambiente e sulla popolazione. Il disprosio e il terbio (due dei 17 metalli che compongono il gruppo delle terre rare) sono essenziali per realizzare magneti per auto elettriche e turbine eoliche, e sono utili per la conversione del sistema energetico e quindi per la produzione fossile.

“Conseguenze serie”

“Due anni dopo il nostro ultimo rapporto, abbiamo rivisitato il panorama minerario tossico in questa regione della Birmania settentrionale, Spiegazione degli autori dello studio. Nuovi dati commerciali, immagini satellitari e testimonianze oculari mostrano che la dipendenza del mondo da questa remota regione è aumentata, così come le conseguenze per le persone che vivono lì. »

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Oltre all’estrazione di minerali per sviluppare energie “verdi”, il loro controllo comporta un enorme costo ambientale

READ  Mercoledì contenuto del test noto

Nel 2015, in questa regione montuosa della Birmania operavano solo poche miniere pesanti di terre rare. Nel 2021, si estendeva su un’area vasta quanto Singapore e sono stati registrati quasi 2.700 bacini di raccolta in 300 località diverse. Negli ultimi due anni, la produzione è nuovamente raddoppiata, passando da 19.500 tonnellate di ossidi di terre rare pesanti nel 2021 a quasi 42.000 tonnellate nel 2023.

Nella “Zona Speciale 1” dello Stato Kachin, controllato dalle milizie fedeli alla giunta, il numero delle mine è aumentato di oltre il 40%, la stragrande maggioranza delle quali sono illegali. L'attività si è estesa anche a sud, nel territorio controllato dall'Organizzazione per l'Indipendenza Kachin, in conflitto con l'esercito. In Il suo ultimo rapporto sui minerali criticiIn un rapporto pubblicato dall’Agenzia internazionale per l’energia il 17 maggio, l’IEA conferma che la Birmania è la regione in cui l’estrazione di elementi di terre rare associati ai magneti ha registrato il maggiore aumento dal 2015, con una quota della produzione globale salita dallo 0,2% allo 0,2%. 14%.

Ti resta il 52,05% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *