L’economia europea torna ai livelli pre-crisi nel 2022 – EURACTIV.com

L’economia dell’UE dovrebbe tornare ai suoi risultati pre-crisi prima del previsto, nel 2022, ritiene la Commissione europea. Ma la ripresa avrà tassi diversi a seconda del Paese. Articolo diEuractiv Italia.

“Siamo ancora nella morsa angosciosa della pandemia e le sue conseguenze sociali ed economiche sono molto chiare. Tuttavia, finalmente c’è una luce alla fine del tunnel”.Lo ha detto giovedì 11 febbraio il commissario all’Economia Paolo Gentiloni, che ha fornito le previsioni macroeconomiche per l’inverno.

La Commissione europea stima che l’economia della zona euro crescerà del 3,8% nel 2021 e 2022, mentre l’economia dell’UE crescerà del 3,7% nel 2021 e del 3,9% nel 2022. Dopo la forte crescita nel terzo trimestre del 2020, l’attività economica si è nuovamente contratta Nel quarto trimestre, poiché la seconda ondata di epidemia ha portato a maggiori misure di contenimento.

Poiché queste misure continuano ad essere attuate, le economie dell’Unione Europea e dell’Eurozona dovrebbero contrarsi nel primo trimestre del 2021. La crescita economica dovrebbe aumentare in primavera e intensificarsi in estate, con l’avanzare dei programmi di vaccinazione. Le misure restrittive continueranno a essere confortevoli.

Tuttavia, l’impatto economico della pandemia rimane disomogeneo tra gli Stati membri e si prevede che anche la velocità della ripresa varierà ampiamente. Alcuni paesi raggiungeranno i livelli di produzione pre-crisi entro la fine del 2021, come la Germania, che dovrebbe crescere del 3,2% nel 2021 e del 3,1% nel 2022. Il prodotto interno lordo (PIL) della Francia dovrebbe crescere del 5,5%. Quest’anno, il 4,4% l’anno prossimo. D’altra parte, ci vorrà più tempo per l’Italia e la Spagna.

La situazione in Italia

Il PIL italiano – che è diminuito meno bruscamente del previsto, raggiungendo il -8,8% nel 2020 – dovrebbe crescere del 3,4% nel 2021. “A causa del rinvio negativo del quarto trimestre del 2020 e del debole inizio di quest’anno”.Secondo le aspettative della Commissione Europea. Un ritmo simile [est attendu] Nel 2022 (+ 3,5%) sulla base dello slancio acquisito durante la seconda metà dell’anno e della continua ripresa del settore dei servizi “, Ma lo pib “Non tornerà ai livelli del 2019 entro il 2022.”. Tuttavia, le stime non includono gli effetti del piano di stimolo.

READ  Anche a 300 euro, la multa maschera in Grecia è tra le più alte d'Europa

Inflazione

L’inflazione nell’area dell’euro dovrebbe diminuire dallo 0,3% nel 2020 all’1,4% nel 2021, per poi stabilizzarsi all’1,3% nel 2022. Le previsioni di inflazione nell’area dell’euro e nell’Unione europea sono state leggermente riviste al rialzo per il 2021 dopo il calo. , dovrebbe rimanere moderato. La ripresa tardiva dovrebbe continuare a disinnescare la pressione della domanda aggregata sui prezzi. Nel 2021, sarà temporaneamente respinto a causa degli effetti positivi sottostanti dell’inflazione energetica, degli aggiustamenti fiscali – soprattutto in Germania – e dell’effetto della domanda repressa. Nel 2022, quando l’offerta verrà aggiustata e gli effetti sottostanti svaniranno, l’inflazione dovrà nuovamente scendere.

Estrema incertezza

I rischi intorno alla previsione sono più equilibrati che in autunno, anche se ancora elevati. È principalmente legato allo sviluppo dell’epidemia e al successo delle campagne di vaccinazione. L’epidemia potrebbe essere più persistente o più grave a breve termine di quanto queste stime prevedano, o potrebbero esserci ritardi nell’introduzione dei programmi di vaccinazione. In tal caso, l’allentamento delle misure restrittive potrebbe essere ritardato, il che a sua volta influenzerà il ritmo e la forza della ripresa attesa.

È probabile che la crisi lasci cicatrici più profonde nel tessuto economico e sociale dell’Unione europea. È una situazione che danneggerebbe anche il settore finanziario, il che potrebbe portare a un aumento della disoccupazione di lunga durata e ad esacerbare la disuguaglianza. Al contrario, il piano di stimolo “Next Generation European Union” potrebbe alimentare una crescita più forte del previsto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *