Le politiche israeliane sono una “copia carbone” dell’era dell’apartheid, dice un leader della chiesa

Le politiche israeliane sono una “copia carbone” dell’era dell’apartheid, dice un leader della chiesa

Fonte immagine: Amnesty International – Immagine: 2023

Scritto da Lisa Vives, Rete mondiale dell’informazione

Nuova York | 10 ottobre 2023 (IDN) – L’arcivescovo anglicano Thabo Makgoba ha arruffato alcune piume quando ha emesso una risoluzione approvata dall’organo di governo della chiesa in Sud Africa che dichiarava Israele uno stato di apartheid.

La risoluzione recita in parte: “Come persone di fede che sono angosciate dal dolore dell’occupazione della Cisgiordania e della Striscia di Gaza – e che desiderano la sicurezza e una pace giusta sia per la Palestina che per Israele – non possiamo più ignorare i fatti per terra.” la terra.”

“Non ci opponiamo al popolo ebraico, ma piuttosto ci opponiamo alle politiche dei governi israeliani, che sono diventate più estreme che mai. Makgoba ha affermato che i sudafricani devono riconoscere che le politiche israeliane nei confronti dei palestinesi sono una copia carbone delle politiche dell’era dell’apartheid in Sud Africa, altrimenti rischiano di complicità nella riduzione in schiavitù dei palestinesi.

La risoluzione approvata dal Comitato regionale permanente su Israele/Palestina il mese scorso è stata pubblicata sul sito web della chiesa.

Makgoba ha continuato: “Il nostro cuore soffre per i nostri fratelli e sorelle cristiani in Palestina… Le persone di tutte le fedi in Sud Africa comprendono profondamente cosa significa vivere sotto persecuzione”.

“Quando i neri sudafricani che vivevano sotto l’apartheid visitano Israele, è impossibile ignorare le somiglianze con quel sistema. “Se restiamo a guardare e rimaniamo in silenzio, saremo complici dell’attuale oppressione dei palestinesi”, ha aggiunto Makgoba.

Mentre l’Organizzazione Sionista del Sud Africa ha criticato la decisione, con il suo presidente che l’ha definita “spaventosa” e “antisemita”, altri gruppi, tra cui il Comitato per la Solidarietà con la Palestina e la Coalizione per il Boicottaggio, il Disinvestimento e le Sanzioni in Sud Africa, hanno accolto con favore la decisione.

READ  Tensiones en el Mar Rojo: atacaron a un carguero iraní señalado como foundation de la Guardia Revolucionaria

La coalizione BDS ha elogiato la Chiesa anglicana non solo per aver invocato l’apartheid israeliano, ma anche per aver agito. Il gruppo ha affermato: “La Chiesa si unirà a milioni di persone in tutto il mondo in un movimento globale anti-apartheid e parteciperà alla Conferenza internazionale anti-apartheid per la Palestina che si terrà in Sud Africa, prevista per maggio 2024”.

Non tutti i gruppi ecclesiali sono d’accordo nel collegare Israele all’apartheid. Il Consiglio Mondiale delle Chiese con sede in Svizzera ha respinto l’uso del termine “apartheid”, e alcuni membri hanno definito la descrizione “inappropriata, inutile e dannosa”.H

Un cammino di giustizia e di paceH

Allo stesso tempo, le Chiese membri del CEC sono chiamate a “continuare la lotta” con il rapporto tra Israele e palestinesi e a lavorare insieme nel cammino della giustizia e della pace.

Anche il Partito laburista britannico respinge l’espressione “apartheid israeliano” nella letteratura preparata per la sua prossima conferenza del 10 ottobre. È previsto un incontro marginale dal titolo “Giustizia per la Palestina: porre fine all’apartheid”.

L’anno scorso, il governo sudafricano ha espresso preoccupazione per il fatto che la continua occupazione da parte di Israele di “gran parte della Cisgiordania” e lo sviluppo di nuovi insediamenti lì “sono esempi lampanti di violazioni del diritto internazionale” mentre continua il lungo conflitto israelo-palestinese. .

Naledi Pandor, Ministro delle Relazioni Internazionali e della Cooperazione del Sud Africa, ha dichiarato al secondo incontro dei capi missione palestinesi in Africa: “La narrativa palestinese riporta alla mente le esperienze della storia di apartheid e oppressione del Sud Africa”.

“Le autorità israeliane devono essere ritenute responsabili per aver commesso il crimine di apartheid contro i palestinesi”, ha scritto Amnesty International in un rapporto di 278 pagine compilato in quattro anni. “(La nostra indagine) descrive in dettaglio come Israele impone un regime di oppressione e dominio contro il popolo palestinese ovunque ne controlli i diritti”.

READ  Huber Carlos Rodrigues | Brasil | No hubo milagro: pastor dijo que resucitaría, pero dejó esperando a fieles | Historias EC | MUNDO

L’organizzazione per i diritti umani con sede a Londra si unisce a Human Rights Watch e all’organizzazione israeliana per i diritti umani B’Tselem nel collegare Israele all’apartheid all’interno dei suoi confini e nei territori occupati.

Amnesty International ha aggiunto che il rapporto, intitolato “Apartheid israeliano contro i palestinesi: un sistema di controllo crudele e un crimine contro l’umanità”, rivela la reale portata del sistema di apartheid israeliano. “Sia che vivano a Gaza, a Gerusalemme Est, nel resto della Cisgiordania, o nello stesso Israele, i palestinesi sono trattati come un gruppo razzialmente inferiore e i loro diritti vengono sistematicamente negati”.

Concludono: “Troviamo che le dure politiche di segregazione, espropriazione ed esclusione di Israele in tutti i territori sotto il suo controllo equivalgono chiaramente ad apartheid. La comunità internazionale ha l’obbligo di agire”, ha affermato Agnes Callamard, segretaria generale di Amnesty International.

Le loro scoperte cercano di ridefinire il conflitto israelo-palestinese come una lotta per la parità di diritti piuttosto che come una disputa territoriale. [IDN-InDepthNews]

Fonte immagine: Amnesty International

IDN è l’agenzia leader per le organizzazioni no-profit Sindacato internazionale della stampa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *