Lamborghini ha svelato la SC63, la sua supercar ibrida per la stagione endurance 2024

Lamborghini ha svelato la SC63, la sua supercar ibrida per la stagione endurance 2024

Vincitrice della 24 Ore di Le Mans nel 2023, la Ferrari non sarà l’unico costruttore italiano per la stagione 2024 del World Endurance Championship. La Lamborghini SC63 entrerà nella classe LMDh ed è la prima ibrida plug-in ad essere svelata al Goodwood Festival of Speed.

di

Gaten Hugo Reposo

pubblicato in aggiornato

Riflettori puntati sulla Lamborghini SC63 che gareggerà nella stagione endurance 2024 nella classe LMDh.

Lamborghini


Dopo l’Alpine e l’A424, tocca a Lamborghini incarnarla Torna alle gare di durata con il prototipo di auto da corsa SC63, che entrerà nella classe LMDh nel corso della stagione 2024. Una vettura che avrà molto da fare partecipando a due competizioni: il FIA World Endurance Championship, inclusa la 24 Ore di Le Mans, e l’IMSA WeatherTech Sports Car Championship Endurance Cup (WEC), che comprende in particolare la 24 Ore di Daytona e la 12 Ore di Sebring, sono in programma. Concentrati su questa vettura dal design distintivo e dalle tecnologie ibride senza precedenti per le vetture Lamborghini.

SC63: il primo ibrido endurance di Lamborghini

Per questo ingresso nell’arena del campionato Endurance 2024, leggi: Lamborghini giocherà per la prima volta la carta ibrida, Come previsto dal regolamento della classe LMDh (Le Mans Daytona hybrid) dal 2022. Un ibrido che rientra nella strategia “Direzione Cor Tauri” presentata nel 2021: una roadmap di elettrificazione che porta l’azienda italiana a convertire tutti i modelli in ibridi entro la fine del 2024. Quindi la competizione è un’opportunità per avanzare in questo campo, ha dichiarato Reuven Mohr, direttore tecnico di Lamborghini: “Prenderemo le nostre esperienze di apprendimento dagli sport motoristici e le applicheremo, ove possibile, alle future auto di produzione”.

La SC63 è equipaggiata con un motore V8 a doppia cilindrata progettato appositamente per le corse dagli ingegneri Lamborghini. Questo blocco Nella configurazione “Cool V”, Ciò significa che la turbina è montata all’esterno con un angolo a V rispetto al motore. Una soluzione che migliora il raffreddamento e la manutenibilità riducendo al contempo la massa di un veicolo il cui baricentro è ottimizzato. Secondo le normative LMDH, la potenza combinata del motore e del sistema ibrido è qui limitata a 680 CV (500 kW). Le stesse normative impongono anche cambio, batteria e motore elettrico di serie, oltre a un telaio realizzato da Dallara, Multimatic, Ligier o Oreca. Il produttore italiano ha scelto la francese Ligier per il telaio del suo prototipo. In qualità di primo produttore a scegliere Ligier per il progetto LMDh, Lamborghini afferma di aver avuto ampia libertà di esprimere le proprie esigenze in termini di progettazione e sviluppo della sospensione anteriore, distribuzione complessiva del peso e maneggevolezza e parti sensibili alla manutenzione.

immagine multimediale

immagine

Lamborghini ha svelato la SC63, la sua supercar ibrida per la stagione endurance 2024

Lamborghini afferma che questa partnership con Ligier le ha permesso di migliorare il design delle sospensioni anteriori push-rod, la distribuzione complessiva del peso e la funzionalità delle parti critiche dell’auto.

Lamborghini

Design distintivo e vernice familiare

La SC63 offre un design Lamborghini molto distintivo. Il bordo più basso delle sue linee angolari tradisce la sua origine, Così come l’iconica firma luminosa a forma di Y anteriore e posteriore. La sua carrozzeria è stata progettata dal Centro Stile di Lamborghini, in collaborazione con il suo team di progettazione corse. Lo spiega Mitja Burkert, Head of Lamborghini Design di Centro Style La dimensione della cabina e il personaggio principale dell’auto sono determinati dalle regole matematiche. Ma abbiamo anche applicato i nostri caratteristici spunti di design a tutto il veicolo. Puoi vedere, integrato nel pannello laterale della carrozzeria, il condotto NACA ispirato alla presa d’aria di Countach. Per il passaruota posteriore, abbiamo dato l’impressione di un’accelerazione in avanti. Ciò è legato al linguaggio del design del passaruota di Lamborghini, che può essere visto anche su Revuelto. »

La SC63 si veste del Verde Mantis già visto sulla Huracan GT3. La striscia nera Nero Noctis corre per tutta la lunghezza del veicolo, Dal cofano anteriore all’abitacolo, diffusore in carbonio e spoiler posteriore. Le auto presentano anche il tricolore verde, bianco e rosso italiano e portano il marchio del partner di lunga data di Lamborghini, l’orologiaio svizzero Roger Dubuis.

immagine multimediale

immagine

L'SC63 otterrà un lavoro di verniciatura verde

La SC63 avrà la vernice Verde Mantis precedentemente vista sulla Huracan GT3 e la striscia Nero Noctis nera.

Lamborghini

Il team Iron Lynx ai comandi

Per guidare la SC63, Lamborghini ha chiamato il team Iron Lynx, già partner del Lamborghini Grand Final 2022, l’evento che conclude la stagione sportiva del Super Trofeo del marchio. dal lato del casting, La SC63 sarà quindi guidata da Mirko Bortolotti, Andrea Caldarelli, Roman Grosjean e Daniil Kvyat. Gli ultimi due, attingendo alla loro recente esperienza nelle corse in Formula 1 Hybrid, hanno aiutato gli ingegneri a progettare i comandi al volante per controllare le funzioni specifiche del sistema ibrido. Lamborghini ha anche annunciato che altri piloti saranno confermati in un secondo momento, nel corso del 2023.

A partire dal 2024, due SC63 gareggeranno. Il primo gareggerà nell’intero FIA World Endurance Championship, mentre il secondo gareggerà nelle gare del North American Endurance Championship IMSA Series. Ma, prima, sarà necessario completare l’aggiornamento e la modifica del veicolo durante I test inizieranno tra poche settimane.

tag

READ  Italia: partite, squadre e giocatori da tenere d'occhio ai Mondiali di rugby

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *