L’alga Posidonia è in pericolo di estinzione

In Tunisia c’è il rischio che scompaia la Posidonia, un’alga da cui dipendono la pesca e il turismo, e un settore importante dell’economia del Paese, per ignoranza del suo ruolo, pesca illegale e inquinamento, che preoccupa gli scienziati. “La Tunisia ha di gran lunga i più grandi stagni di alghe del Mediterraneo”, più di un milione di ettari, conferma Rym Zakama Serib, ricercatore di ambiente marino in Tunisia. Queste foreste sottomarine, profonde fino a 50 metri, offrono riparo a molte specie di pesci. Le foglie “Poseidonia oceanica” Aiutano anche a rompere le onde e quindi a evitare che la costa vada alla deriva.

“L’esistenza di tutte le attività economiche tunisine dipende da Posidonia, che è il più grande fornitore di posti di lavoro nel Paese”.

Yassin Ramzy Saghir, biologo marino

Nell’Agenzia France-Presse

L’esperto cita in particolare i settori della pesca (150.000 posti di lavoro diretti) e del turismo (decine di migliaia).

Un fascio di foglie, rizomi e rizomi, fusti striscianti sepolti nel terreno In generale, la Posidonia cresce molto lentamente, meno di cinque centimetri all’anno. Grazie alle radici, i prati immagazzinano carbonio e producono ossigeno, da qui il nome Posidonia “carbonio blu”spiegare Reem Lo slancio di Sereb, che indica che produce da 14 a 20 litri di ossigeno per metro quadrato. Secondo il ricercatore, la fanerogame, che assorbe tre volte più carbonio della foresta, può fissarne quantità significative nel corso di migliaia di anni. “Nel contesto del cambiamento climatico, abbiamo bisogno di Posidonia per catturare più carbonio possibile”, C’è molto Yassin Ramzy Al-Saghir, un esperto di biologia marina.

La biologa marina tunisina Yassine Ramzi Sghir ispeziona una stazione marina simile a posidonia in Tunisia, 14 marzo 2022 (FETHI BELAID / AFP)

A causa della mancanza di risorse, i ricercatori non possono quantificare la distruzione dei prati negli ultimi anni in Tunisia. Ma indicano molteplici cause in un paese in cui quasi il 70% della popolazione vive su 1.400 chilometri di costa: attività umane, sviluppo costiero, pesca illegale e allevamenti di acquacoltura costruiti sul letto di fanerogame. ignoranza del pubblico in generale e dei decisori, “Posti a sedere” La posidonia depositata sulle spiagge, ad esempio, è spesso considerata un rifiuto. A volte vengono utilizzati bulldozer per ripulirli, rimuovendo molta sabbia e accelerando l’erosione, secondo i ricercatori che affermano di temere che quasi la metà delle spiagge tunisine scompaia.

Anche arenato sulla spiaggia, il “Posti a sedere” La posidonia protegge i fili dal gonfiore. Migliora anche la qualità e la trasparenza dell’acqua, rendendo il nuoto più attraente per i turisti, ricorda Reem sari zakat. In Tunisia, le spiagge sono una componente importante del turismo, un settore che rappresenta fino al 14% del PIL a seconda dell’anno. Tuttavia, il 44% delle spiagge del paese è a rischio di erosione a causa dell’innalzamento del livello del mare. “Aiutiamo a nascondere le spiagge rimuovendo le panchine”Ahmed bin Hamida, direttore delle aree marine e costiere, mette in guardiaAgenzia statale per la protezione e la pianificazione delle coste (Compagno).

Un pescatore esamina una pianta marina, del genere Posidonia, su una spiaggia a Monastir, Tunisia, 21 marzo 2022 (Bachir Tayeb / AFP)

Secondo gli scienziati, quasi il 40% dell’attività di pesca si svolge anche nei letti di fanerogame. Un settore che rappresenta il 13% del PIL tunisino. Uno studio del 2010 ha riportato un calo significativo dei letti di fanerogame nel Golfo di Gabes (sud-est) a causa della pesca illegale (pesca a strascico) e dell’inquinamento. Dagli anni ’70, gli impianti di lavorazione dei fosfati chimici hanno scaricato gesso fosfato lì. Il risultato: meno del 40% delle praterie di Posidonia rimane in questa zona, purtroppo il Giovane Yassin.

Anche se cacciava nel nord, a Monastir (centro-est), Mazen Majidichi pesca tre volte di più rispetto a 25 anni fa. “Ce ne sono sempre meno nelle acque basse dove si trova Posidonia,” Dice il pescatore. Pur consapevole dell’importanza della Posidonia, comprende in particolare i suoi colleghi “I giovani pescatori con sarcasmo significano:”Non cercate gli interessi del mare ma per sfamare i vostri figli e la vostra famiglia”.

“Il mare è distrutto. Le sostanze chimiche giacciono ovunque. Il nostro mare è cambiato.”

Mazen Majdishi è un pescatore

Nell’Agenzia France-Presse

Vuole Ahmed bin Hamida di Abal “Continua a sperare che questo tesoro venga salvato”, soprattutto attraverso “La prospettiva di istituzione di quattro aree marine e costiere protette: Isole Galit (Nord), Zembra (Nordest), Kiryat (Nordest) e Knys (Est)”. Ma avverte: “Se non si fa nulla per proteggere tutta la posidonia, siamo diretti a una vera catastrofe”.

READ  L'enorme pterodattilo è il più grande animale volante mai conosciuto per vivere su questo pianeta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.