La stagione turistica estiva è ancora lontana dalla stagione pre-crisi

turismo


2 minuti

Questa estate, si prevede che i tassi di pernottamenti e presenze in Svizzera si avvicinino ai risultati del 2020. Ma i numeri dovrebbero essere inferiori del 40% rispetto alla stagione 2019.

I padroni di casa svizzeri, come l’anno scorso, sono stati “la colonna portante della stagione turistica estiva”, viaggiando in un’area linguistica diversa dalla propria.

Credito: Keystone

Il rapporto sul turismo di quest’estate promette di essere ben al di sotto dei livelli precedenti la crisi del coronavirus, secondo un rapporto preliminare dell’Ufficio svizzero del turismo (ST), che prevede “i risultati complessivi diminuiranno di circa il 40% rispetto all’estate 2019, un anno record per la Svizzera. turismo.” L’organizzazione, che ha consultato gli operatori del settore al termine delle vacanze scolastiche, ha chiarito martedì che gli alloggi prevedono, in media, una riduzione dell’1% nel corso di un anno per il periodo di vacanza.

I padroni di casa svizzeri, come l’anno scorso, sono stati “la colonna portante della stagione turistica estiva”, viaggiando in un’area linguistica diversa dalla propria. Così le ferrovie Regis hanno visto “un’alta percentuale di ospiti della Svizzera romanda”. Ma la concorrenza delle destinazioni estere è stata maggiore rispetto al 2020, poiché i confini stanno diventando più aperti.

Gli stranieri provenivano principalmente dalla Germania, dal Benelux, dalla Francia, dall’Italia e dal resto d’Europa. Ma i professionisti continuano a deplorare l’assenza quasi totale di turisti provenienti da paesi lontani, soprattutto dall’Asia, a causa dell’epidemia.

Anche questa stagione, pioggia e freddo hanno avuto il loro peso. Quasi due terzi delle strutture ricettive intervistate hanno indicato che il tempo ha causato l’annullamento delle vacanze. Anche il numero delle prenotazioni last minute è stato ridotto.

Secondo l’Ente svizzero per il turismo, le prospettive per questo autunno sono “abbastanza ottimistiche”. Si prevede un aumento del numero di seminari e banchetti, a condizione che la situazione epidemiologica non peggiori nuovamente. Albergatori e altri albergatori prevedono pernottamenti del 2% rispetto all’autunno 2020. Negli affitti di appartamenti per le vacanze, Interhome registra un aumento delle prenotazioni del 36% anno su anno per settembre e ottobre.

Nel 2019, durante la stagione estiva tra maggio e ottobre, l’Ufficio federale di statistica ha registrato 22,6 milioni di pernottamenti. L’anno scorso, quel numero è diminuito di oltre il 40%. Gli svizzeri preferivano vivere in montagna, quando le città soffrivano della mancanza di clienti stranieri.

READ  Catastrofici incendi in Sardegna - La Grecia manda due canard

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *