La Séauve-sur-Semène: 4231 km in bicicletta in tre mesi in Corsica e in Italia per Laura Garcia

Laura Garcia è partita per tre mesi in bicicletta da La Séauve-sur-Semène. Il piano era di arrivare fino alla Roma, ma il 28enne alla fine è andato ben oltre. Andò in Sardegna poi in Corsica e di nuovo in Italia. Da sola, con una bicicletta che pesava una trentina di chili, ha trascorso 96 giorni su strada e ha percorso 4.231 km sotto un sole cocente. Racconta la sua avventura.

Laura Garcia, 28 anni, vive a La Séauve dal 2019. L’idea di un viaggio in bicicletta era nella sua testa da tempo, ma il Covid, la paura e la mancanza di tempo l’hanno fatta non aver fatto il salto. E poi venne la primavera. Essendo attualmente disoccupata, ha pensato che fosse il momento perfetto per osare questo viaggio.

Libero, una bici diventata amica

“Così mi sono attrezzato, ho comprato le borse laterali e fatto tagliandare la mia bicicletta e mi sono buttato in acqua senza essere davvero pronto fisicamente. E poi non ero affatto pronto. Il piano era di andare a Roma, ma sembrava così lontana che pensavo che se fossi arrivata al confine italiano sarebbe stato grandioso. La voglia di scoprire me stessa, di conoscere meglio me stessa e di vedere fin dove potevo spingermi mi ha spinto a fare questo viaggio”.

Il 2 maggio sale in bicicletta e parte all’avventura con Libero, il piccolo nome dato alla sua bicicletta, carica come un mulo, una trentina di chili da trascinare, una tenda di tela, un caldissimo piumone, ciotole e un piccolo fornello per il cibo. E ovviamente il suo treppiede fotografico! “Il mio obiettivo era trovare un pezzo di giardino nelle case delle persone ogni notte per piantare la mia tenda. Un modo sicuro per dormire, io e la mia bicicletta, e un ottimo modo per incontrare le persone!”

READ  L'Italia raggiunge la finale dell'Europeo dopo aver penalizzato il thriller

La bontà del mondo

E un modo per viaggiare a un costo inferiore. All’inizio non è facile, devi osare. Ma i suoi interlocutori sono rimasti sorpresi dalla richiesta. Non capita tutti i giorni di bussare alla porta per chiedere un pezzo di giardino! “Ho ricevuto molto amore e gentilezza da tutte le persone che mi hanno accolto, che mi hanno accolto con gioia nel loro giardino. Invitati a cena quasi sistematicamente, a volte una doccia e quando ne avevano la possibilità mi offrivano una stanza! Sono andato tutto questo viaggio del genere, incontrato un sacco di persone premurose, pronte a darmi tutto ciò di cui avevo bisogno, e la maggior parte delle volte molto di più”.

Dopo questi due anni di covid, e tutte queste brutte notizie che sentiamo ogni giorno, la giovane Séauvoise ha trovato molta speranza nell’Umanità. “Quando tagli tutto e vai incontro all’altro, ti rendi subito conto che l’essere umano è buono, molto buono.”

332 ore di pedalata

Con i giorni, i passaggi, le difficoltà, è diventata più forte sulla bici. “Me ne sono innamorato così tanto che a Roma non volevo più fermarmi. Ho deciso di rendere per ultima la magia che stavo vivendo. Mi sono letteralmente innamorato della mia bici. Per me è diventata molto più di una bici , come un essere vivente, il mio migliore amico. Abbiamo pianto, riso, sofferto, gridato insieme. Ho provato ogni tipo di emozione. La temperatura è diventata sempre più calda con il passare dei giorni, c’è anche un giorno in cui ha raggiunto i 49 gradi . Arrampicare passi con queste temperature non è sempre un gioco da ragazzi, ma la soddisfazione è tale quando si arriva in cima”.

READ  Giovani italiani, il futuro è vostro: Filippo Melegoni

Dall’Alta Loira, all’Ardèche, poi al Gard, passando per il Verdon, le Alpi Marittime, la costa italiana, da Ventimiglia alle cinque terre, poi Toscana, Roma, Sardegna, da Cagliari a Santa Teresa, e poi la Corsica , da Bonifacio a Bastia passando per il centro della Corsica. E un ritorno in Italia, a Livorno, Pisa, Firenze, Modena, Verona e infine Torino, poi Lione e ritorno a casa. Una bellissima epopea di 4.231 km, 96 giorni, 332 ore trascorse a pedalare.

Un primo viaggio che chiama altri

“Torno più forte che mai, super orgoglioso del mio viaggio, con tutte queste belle immagini in mente, tutti questi incontri, uno più bello dell’altro, tutti questi paesaggi, solo con la forza delle gambe. Avventura straordinaria, magica, che supera di gran lunga qualsiasi cosa potessi immaginare. Un primo viaggio in bicicletta, da solo, e qualcosa mi dice che non sarà l’ultimo. Ci siamo divertiti in ogni modo del termine, l’esperienza più bella della mia vita, ricchissima di emozioni.

Laura è arrivata a La Séauve il 5 agosto, sotto un bel temporale, completamente inzuppata, esausta ma felice!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.