La scoperta dei piani architettonici più antichi della storia incisa nella pietra 9.000 anni fa

La scoperta dei piani architettonici più antichi della storia incisa nella pietra 9.000 anni fa

Scoperte per la prima volta dai piloti di aeroplani negli anni ’20, queste lunghe file di pietre sono state soprannominate aquiloni del deserto o “aquiloni del deserto” in riferimento alla loro forma. A lungo ignorate per la loro apparente insignificanza dalla Terra, queste linee di ciottoli sono state cancellate grazie alla democratizzazione e allo sviluppo delle immagini satellitari. Fin qui, preciso Giornale del CNRSPiù di 6.600 aquiloni del deserto sono stati trovati tra il Kazakistan e l’Arabia.

L’archeologo Wael Abu Aziza, coautore della pubblicazione, nota un buco scavato dall’aquilone del deserto giordano. SEBAP & O. Barge/CNRS

Nell’ambito del progetto “Globalkites” guidato dal francese Remy Crassard dal 2013, gli archeologi hanno effettuato la straordinaria scoperta di due unità interconnesse che rappresentano le piante architettoniche di questi “aquiloni” del deserto. Uno di loro è stato trovato nella parte settentrionale di An Nafud nella penisola arabica nel marzo 2015 e l’altro nel sud-est della Giordania nel giugno 2015. Entrambi sono contrassegnati da “Notevole massima precisione“.

Queste due iscrizioni sono le più antiche rappresentazioni di misurazioni planetarie conosciute fino ad oggi.

grafici

Monolite dal sito giordano / La pianta inscritta sul monolite presenta dettagli fini, incisi in altorilievo da 0,5 a 1 cm di profondità con sottili tacche, graffi e bargigli. /SEBAP & Crassard et al. 2023 più uno

Scoperto in Giordania, questo monolite di 92 kg e 80 cm presenta il piano architettonico più antico mai scoperto! Secondo gli esperti, è stato scolpito circa 9.000 anni fa con uno strumento di pietra (scalpello o scheggia di selce).

Modellazione 3D del monolite Jordan / SEBAP & Crassard et al. 2023 più uno

Gli aquiloni sono progettati per cacciare animali selvatici. Come mostra chiaramente questa rappresentazione 3D del monolite, era generalmente dotato di un corridoio (uno stretto passaggio rappresentato in basso a sinistra), un ampio recinto e diverse fosse (rappresentate da cerchi) in cui venivano intrappolati gli animali.

grafici

Un blocco di arenaria è stato trovato in Arabia / Crassard et al. 2023 più uno

Questo altro grande blocco, lungo circa 4 metri, ha lo stesso tipo di sagoma. È stato scoperto nel marzo 2015 nella penisola arabica e si dice che abbia circa 8.000 anni.

READ  Studenti che falliscono nelle scuole di matematica e intelligenza artificiale: cosa accadrà loro?

Queste planimetrie testimoniano una capacità inaspettata di rappresentare lo spazio fin dalla preistoria.

Secondo l’archeologo Wael Abu AzizForse queste iscrizioni hanno permesso di trasmettere e condividere informazioni con più persone per organizzare la ricerca.

Secondo le conclusioni del rapporto, dimostrano che gli esseri umani del Neolitico erano in grado di disegnare un piano su larga scala, che implicava la padronanza delle proporzioni, e di rappresentare strutture colossali nello spazio anche quando la scrittura e la matematica non esistevano ancora.

“[Ces représentations] Rivelano una padronanza mentale molto sottovalutata della percezione spaziale, mai osservata prima a questo livello di sottigliezza in un contesto così antico. Hanno gettato nuova luce sullo sviluppo del riconoscimento umano dello spazio, della comunicazione e delle attività sociali nell’antichità.Spiegano gli autori dello studio.

fonti: Più uno / CNRS

>> Leggi anche: Secondo un nuovo studio, gli esseri umani hanno addomesticato il fuoco in Europa almeno 50.000 anni prima del previsto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *