La NASA sta per lanciare uno spettacolo laser che potrebbe rivoluzionare le comunicazioni spaziali

L’imminente dimostrazione del relè di comunicazione laser della NASA potrebbe rivoluzionare il modo in cui l’agenzia comunica con le future missioni nel sistema solare.

Questi laser potrebbero portare a più video e foto ad alta risoluzione dallo spazio che mai, secondo l’agenzia.

La missione è prevista per il lancio come carico utile a bordo del satellite Space Test Program 6 del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti il ​​5 dicembre da Cape Canaveral, in Florida. La finestra di lancio rimarrà aperta dalle 4:04 alle 6:04 ET e l’agenzia condividerà la copertura in diretta del lancio su NASA Television e le sue trasmissioni televisive. sito web.

Dal 1958, la NASA utilizza le onde radio per comunicare con gli astronauti e le missioni spaziali. Sebbene le onde radio abbiano una comprovata esperienza, le missioni spaziali stanno diventando più complesse e raccolgono più dati rispetto a prima.

Pensa a un laser a infrarossi come a una connessione ottica a Internet ad alta velocità, piuttosto che a una connessione remota frustrante e lenta. Le comunicazioni laser invieranno i dati alla Terra dall’orbita geosincrona, a 22.000 miglia (35.406 chilometri) sopra la superficie terrestre a 1,2 gigabit al secondo, che è come scaricare un intero film in meno di un minuto.

Ciò migliorerà le velocità di trasmissione dei dati da 10 a 100 volte meglio delle onde radio. I laser a infrarossi, invisibili ai nostri occhi, hanno lunghezze d’onda più corte delle onde radio, quindi possono trasmettere più dati contemporaneamente.

Con l’attuale sistema di onde radio, ci vorrebbero nove settimane per inviare una mappa completa di Marte, ma un laser potrebbe farlo in nove giorni.

Il Laser Communications Relay Show è il primo sistema di relè laser end-to-end della NASA che trasmetterà e riceverà dati dallo spazio a due stazioni ottiche di terra a Table Mountain, in California, e Haleakala, nelle Hawaii. Queste stazioni contengono telescopi in grado di ricevere la luce dal laser e tradurla in dati digitali. A differenza delle antenne radio, i ricevitori di comunicazione laser possono essere fino a 44 volte più piccoli. Poiché il satellite può inviare e ricevere dati, è un vero sistema a due vie.

READ  La fotocamera Dark Energy cattura Messier 83 in grande dettaglio | Astronomia

L’unico ritaglio per i ricevitori laser a terra Sono disturbi atmosferici, come nuvole e turbolenze, che possono interferire con i segnali laser trasmessi attraverso l’atmosfera. I siti remoti dei due ricevitori sono stati scelti con questo in mente poiché entrambi hanno condizioni climatiche chiare ad alta quota.

Una volta che la missione sarà in orbita, il team del centro operativo di Las Cruces, nel New Mexico, attiverà la dimostrazione delle comunicazioni laser e la preparerà per inviare i test alle stazioni di terra.

Il telescopio più potente mai costruito sta per cambiare il modo in cui vediamo l'universo

Si prevede che la missione impiegherà due anni per condurre test ed esperimenti prima di iniziare a supportare le missioni spaziali, inclusa una stazione ottica che sarà installata sulla Stazione Spaziale Internazionale in futuro. Sarà in grado di inviare i dati degli esperimenti scientifici sulla stazione spaziale al satellite, che li restituirà sulla Terra.

Il display funge da satellite relè, eliminando la necessità per le missioni future di avere antenne a vista direttamente a terra. Il satellite potrebbe aiutare a ridurre le dimensioni, il peso e i requisiti di alimentazione per le comunicazioni sui futuri veicoli spaziali, sebbene questa missione abbia all’incirca le dimensioni dell’ordine di un re.

Ciò significa che il lancio di missioni future potrebbe essere meno costoso e ci sarà spazio per più strumenti scientifici.

Altre missioni attualmente in fase di sviluppo che possono testare le capacità di comunicazione laser includono il sistema di comunicazione ottica Orion Artemis II, che consentirà un feed video ad altissima risoluzione tra la NASA e gli astronauti Artemis lunari.

La missione Psyche, che verrà lanciata nel 2022, raggiungerà la destinazione dell’asteroide nel 2026. La missione studierà un asteroide metallico lungo più di 150 milioni di miglia (241 milioni di km). via e testare un laser di comunicazione ottica nello spazio profondo per inviare i dati sulla Terra.

READ  Le misurazioni a ultrasuoni di atomi vibranti nelle nanostrutture annunciano una nuova classe di tecnologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *