La lista di controllo in 5 punti per diventare membro BRICS: Report – BusinessTech

La lista di controllo in 5 punti per diventare membro BRICS: Report – BusinessTech

Dopo aver aggiunto altri sei paesi al blocco BRICS, il ministro delle Relazioni internazionali Naledi Pandor ha chiarito i criteri utilizzati nella selezione dei nuovi membri. menzionato Orari della domenica.

Giovedì (24 agosto), i leader di Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa hanno concordato di espandere il gruppo BRICS, invitando formalmente Arabia Saudita, Iran, Egitto, Argentina, Etiopia ed Emirati Arabi Uniti, che diventeranno effettivamente al completo membri. 1 gennaio 2024.

Ciò porta il numero dei soci da cinque a 11, con la possibilità di aumentarli ulteriormente in futuro; Come ha affermato il presidente Cyril Ramaphosa: “Abbiamo un consenso sulla prima fase di questo processo di espansione, alle quali seguiranno altre fasi”.

Tuttavia, in un’intervista dopo il vertice, Pandor ha osservato che i partner non avevano discusso la dimensione percepita del blocco, ma che credeva che la crescita “modesta” fosse ideale, quindi il gruppo non sarebbe diventato grande e ingombrante, ha riferito il Sunday Times. .

“Vediamo dove andiamo, vediamo cosa si sviluppa e come affrontiamo il G-77 (più la Cina) e il Movimento dei Paesi Non Allineati, di cui siamo membri. “Penso che sia positivo avere un’espansione modesta piuttosto che diventare troppo grande.”

Criteri di adesione

Alla luce del fatto che 23 paesi hanno chiesto di diventare membri, Bandur ha osservato che sono state necessarie alcune discussioni per finalizzare chi sarebbe diventato membro e quali criteri avrebbero dovuto essere soddisfatti per essere un’aggiunta accettabile al blocco.

“C’erano delle differenze. Alcuni membri erano cauti nei confronti di un’azione troppo rapida o nei confronti della questione di garantire l’equilibrio tra le regioni che diventava troppo grande, ma alla fine penso che siamo tutti soddisfatti delle conclusioni.

READ  "Mangio solo un pasto al giorno": uno studente cinese con una borsa di studio universitaria risponde alle critiche online per un biglietto del concerto da 70 dollari

Bandor ha spiegato che il gruppo si è concentrato su cinque aree principali:

  • Impegno per idee progressiste;
  • Riconoscimento delle Nazioni Unite come “istituzione leader a livello mondiale”;
  • Fede nella pace e rispetto del diritto internazionale;
  • Crediamo nella libertà e nella giustizia; E
  • La ricerca della giustizia e dello sviluppo.

“Questi sono i principi generali di base che abbiamo dettagliato nel documento orientativo”, ha aggiunto.

La nuova moneta

All’inizio del vertice BRICS a Johannesburg la scorsa settimana, si è parlato molto dell’idea di creare una nuova valuta BRICS, con l’obiettivo della “de-dollarizzazione” come modo per contrastare la forza del dollaro USA in l’economia globale. .

Tuttavia, Pandor ha affermato che il termine “de-dollarizzazione” è “in realtà una frase sciocca” e non lo usa.

Secondo il ministro delle Finanze Enoch Godungwana, l’ipotesi che il gruppo BRICS delle potenze dei mercati emergenti crei una propria valuta per ridurre la dipendenza dal dollaro non è e non è stata presa seriamente in considerazione.

Ha detto: “La creazione di una moneta comune richiede la creazione di una banca centrale, e questo richiede la perdita dell’indipendenza per quanto riguarda le politiche monetarie, e non penso che nessun paese sia pronto per questo.”


Leggi: La Cina firma un accordo per aiutare le imprese statali in Sud Africa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *