La Francia è lontana dall'”invasione”, anche se l’immigrazione sta progredendo

analizzare. All’inizio della campagna presidenziale, i discorsi dei candidati di destra e di estrema destra danno la sensazione che un Paese sia aperto ai quattro venti, che subisce flussi migratori senza alcun tipo di forza nei loro confronti. Questo è ciò che vuole Valerie Pecres “Stop all’immigrazione incontrollata” e ci crede“Ci sono molti immigrati in Francia” ; Michel Barnier difende l’idea di a “dotazione”, Quando Xavier Bertrand vuole “Controllare la nostra politica sull’immigrazione” E che Marine Le Pen intende presentare a Piano completo di controllo dell’immigrazione..

Leggi anche Immigrazione: tre numeri citati da Eric Zemmour e Jordan Bardella da considerare con cautela

La Francia ne è sopraffatta? Oggi gli immigrati sono 6,8 milioni contro 67,3 milioni di abitanti, ovvero il 10,2% della popolazione (dal 10,5% al ​​12% di cui dai 300.000 ai 600.000 clandestini), rispetto al 7,4% del 1975 e al 5% del 1946. Per definire l’Istituto Nazionale Per le statistiche e gli studi economici, le persone nate all’estero, il che significa che tra loro ci sono persone che sono diventate francesi (36%). Per facilitare i confronti internazionali, spesso preferiamo utilizzare il numero di residenti nati all’estero in Francia. Nel 2020 rappresentano il 12,7% della popolazione.

Cosa diciamo a questi numeri? Nel suo lavoro Parliamo di immigrazione in 30 domande (La Documentation française, 110 pagine, € 5,90), François Hernán spiega che questo tasso è molto più basso che nei paesi del Golfo, raggiungendo il 70%, ma, al contrario, molto più alto del tasso di “giganti demografici” Che è Cina, India o Brasile dove non arriva all’1%. “È impossibile dedurre una proporzione ideale di immigrati, lui sta scrivendo. Questo concetto non è scientifico ma politico. “

infertilità

Tuttavia, si può notare che la quota di immigrati in Francia è inferiore alla media dei paesi OCSE (13,6%) e per paesi come la Spagna (13,3%), i Paesi Bassi (13,5%), il Regno Unito (13,7% ), Germania (16,2) %), Belgio (17,3%) o addirittura Canada (20,3%). Quantitativamente, la Francia è più vicina alla Lettonia o all’Italia. “C’è un’illusione sull’importanza dell’immigrazione, afferma Jean-Christophe Dumont, capo della Divisione Migrazione internazionale presso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. È aumentato di recente con lo slancio delle crisi umanitarie e della migrazione familiare e lavorativa, ma i numeri sono il risultato dei flussi degli ultimi decenni e la migrazione è diminuita drasticamente dagli anni ’80 agli anni 2000″.

Hai il 57,81% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

READ  La pandemia ha esacerbato la disuguaglianza della ricchezza, ma non in Francia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *