Kimberly Robinson, BE’98: La nuova era spaziale

Per gentile concessione di Kimberly Robinson

Da studentessa delle superiori che eccelleva in matematica e scienze, Kimberly Robinson ha pensato di diventare un’insegnante. Poi, nel suo ultimo anno, ha ricevuto un premio dalla Society of Women Engineers. Ha cambiato la sua vita.

“Non sapevo nemmeno che le donne potessero diventare ingegneri”, dice. “Hanno viaggiato a bordo di un astronauta della NASA che mi ha dato il premio. Volevo essere proprio come lei, e lei era un’ingegnere”.

Robinson, nominata nel febbraio 2021 CEO e CEO dello US Space and Rocket Center di Huntsville, in Alabama, ricorda di aver trovato molte freddezze quando ha fatto domanda per borse di studio per programmi di ingegneria universitaria, ma è stata accolta calorosamente a Vanderbilt. “Ho adorato il mio tempo alla Vanderbilt”, dice. “Ho avuto una grande educazione e mi hai sfidato fino in fondo. Ho imparato a fare meglio, a fare del mio meglio e a pensare più profondamente. È stato un ottimo allenamento che uso ancora nella mia carriera”.

Ha conseguito la laurea in ingegneria meccanica nel 1989, poi ha licenziato quello che sarebbe stato un mandato di 31 anni dalla NASA. Ho conseguito il master e il dottorato. Ha conseguito il dottorato di ricerca presso l’Università dell’Alabama a Huntsville durante i primi anni della sua carriera.

Robinson è costantemente salito al rango di Project Engineer della NASA, Astronaut Trainer, Executive Trainee, Project Integration Manager per Ares 1-X, NASA Fellow e altro ancora. Ha ricevuto numerosi premi per le prestazioni dalla NASA, tra cui il prestigioso Silver Snoopy Award assegnato ai dipendenti che garantiscono la sicurezza del volo e il successo delle missioni. Durante il volo spaziale umano – solo sei anni della sua carriera, più la medaglia per l’eccezionale risultato per l’innovazione e l’impatto.

READ  Gli astronomi si stanno preparando per un annuncio "rivoluzionario" sulla Via Lattea

Più di recente, ha ricoperto posizioni di leadership con il programma Artemis, la cui missione è far sbarcare la prima donna e la prima persona di colore sulla Luna con l’obiettivo finale di inviare astronauti su Marte.

Quando Robinson ha rilevato lo Space and Rocket Center, il paese era ancora sotto mandato di maschera per COVID-19 e il lancio del vaccino era appena iniziato. L’epidemia ha colpito duramente il centro. I popolari e redditizi programmi Space Camp sono stati chiusi per mesi e rischiano di essere chiusi. Nell’estate del 2020 è stata lanciata una speciale campagna di raccolta fondi che ha tenuto aperte le porte del centro. Nei suoi primi giorni, Robinson ha lanciato il processo di pianificazione strategica per posizionare un centro per il successo in questo nuovo ambiente.

Robinson crede che la nazione sia sull’orlo di un’altra eccitante era spaziale, simile a quella degli anni ’60 e ai programmi innovativi Mercury, Gemini e Apollo.

“I progressi che abbiamo fatto negli anni ’60 hanno portato a enormi passi avanti nella tecnologia”, afferma. “Penso che siamo di nuovo sull’orlo di questo, e saremo in grado di mettere ciò che è stato scoperto nello spazio e usarlo sulla Terra. Inoltre, ci sono Virgin Atlantic, SpaceX e Blue Origin che mostrano che chiunque è sarà in grado di andare nello spazio, non solo la piccola manciata che entra nel programma astronauti della NASA.

“Questi sono tempi entusiasmanti e noi siamo qui per migliorare e aumentare quell’eccitazione”.

-Jean che legge

/Rilascio generale. Questo materiale proviene dall’istituzione originale e può essere di natura temporale ed è modificato per chiarezza, stile e lunghezza. vista completa quaggiù.

READ  La NASA invierà due missioni su Venere per la prima volta in più di 30 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.