Jorginho, destinazione Pallone d’Oro! / Euro 2020 / Italia / SOFOOT.com

Campione d’Europa con Chelsea e Italia, Jorginho si posiziona come un candidato molto serio per vincere il Pallone d’Oro. Nonostante il primo successo continentale di Lionel Messi con l’Argentina questa estate, il centrocampista transalpino merita di essere il primo italiano a vincere il massimo riconoscimento individuale dopo Fabio Cannavaro.

Mentre si incammina tranquillamente verso il puntino bianco in area di rigore, Jorginho ha l’opportunità di regalare alla sua squadra la vittoria contro l’Inghilterra nella finale europea, come contro la Spagna cinque giorni prima. Se il suo famoso salto di capra aveva funzionato a meraviglia contro Unai Simón, la tecnica non tiene contro Jordan Pickford, che devia in maniera bluffante il tentativo del numero 8 azzurro. Un fallimento alla fine senza conseguenze, visto che Gigio Donnarumma si era occupato del resto. L’essenziale è assicurato, anche se vedendo il caposaldo del centrocampista italiano offrire un secondo Euro al La squadra azzurra sarebbe stato un inferno di un simbolo.

Spesso sottovalutato da quando è arrivato al Chelsea nel 2018, Jorginho ha assunto una nuova dimensione in questa stagione nel Blues, ma anche nella selezione. Il risultato ? Una doppia Champions-Euro 2020, che lo colloca tra i favoriti per la conquista del Pallone d’Oro, mentre N’Golo Kanté e Kevin De Bruyne sono stati più facilmente citati prima di uscire prematuramente dalla porta. Se l’idea di vedere il “piccolo Jorg” succedere a Lionel Messi, ultimo vincitore nel 2019, sembrava inimmaginabile un anno prima, non sembra così assurda oggi. I risultati contano, è vero, ma l’importanza del centrocampo nel Chelsea e con l’Italia, due squadre più collettive che indossate dai singoli, ne fa forse il simbolo perfetto di questo divertente 2021.

READ  "Grande Fratello Vip 5", candidati al poker: Guenda, Matilde, Andrea e Maria Teresa

Jorginho, una luce nell’ombra

Gli amanti delle righe statistiche potranno vedere che Jorginho pesa 9 gol e 5 assist in questa stagione in 56 presenze – cosa molto onorevole per un giocatore in questa posizione – altri vedranno l’immenso lavoro svolto nell’ombra dal nativo di Imbituba. Giocatore di campo più utilizzato da Roberto Mancini in questo Europeo (705 minuti), “Jorgi” non è stato nemmeno messo a tacere contro il Galles, mentre l’allenatore aveva operato a grande turnover, la qualificazione era già nelle mie tasche. Fuori dai piani di Antonio Conte e mal sfruttato da Gian Piero Ventura, Jorginho rivive agli ordini di Mancini, che glielo restituisce bene. Di fronte all’Austria agli ottavi, è stato il Chelsea a rimettere in carreggiata i compagni, mentre gli italiani si sono rotti i denti sulla difesa austriaca. “La partita stava andando in un certo modo contro una squadra ben organizzata. Ho visto che ci stavamo innervosendo perché non stava andando come volevamo e quindi ho cercato di aiutare i miei compagni a non perdere la testa” , ha spiegato il principale interessato dopo la qualificazione ai quarti di finale.

Questo aiuto si traduce in un incessante parlare, che lo rende uno dei leader naturali in campo, anche se indossa molto raramente la fascia di capitano al braccio. Soprannominato Radio Jorginho dai compagni, il centrocampista italo-brasiliano riesce a dominare una partita soffocando gli avversari grazie alla pressione costante e tagliando i contropiedi grazie a un’ottima padronanza del gioco.Sforzi non trascurabili che si traducono in cifre: in sette partite in questo Euro, Jorginho ha inghiottito 86,6 chilometri, poco più di 12 terminali a partita. In questo campo solo Pedri fa meglio dell’italiano. Aggiungi a quel 93% di passaggi riusciti durante il torneo e ottieni il cervello della squadra e del Chelsea.

READ  "Al confine franco-italiano, lo Stato commette quotidianamente violazioni dei diritti umani"

Sulle tracce di Cannavaro

Un ruolo che gli si addice perfettamente e apprezzato dai compagni, a cominciare dal compagno di squadra Marco Verratti: “Con Jorginho tutto sembra semplice. È essenziale per questa squadra intoccabile. ” Ma anche il suo allenatore a Londra, Thomas Tuchel: “’Jorgi’ è il nostro stratega, il ragazzo che ci aiuta a costruire e che prende le decisioni giuste. Ci permette di rilasciare la pressione. ” La pressione, il ragazzo non lo sa, o ben poco, che gli permette in particolare di brillare nell’esercizio dei rigori (ne ha sbagliati solo quattro in carriera, su 33 tentativi, rigori esclusi).

Se Argentina e Barça dipendono molto dal talento di Lionel Messi, Italia e Chelsea sono felici di avere un Jorginho tra le loro fila per svolgere il ruolo di punto di equilibrio dei loro ben oliati collettivi. Se gli elettori preferiscono spesso premiare attaccanti, giocatori ultra decisi e soprattutto l’iconico duo Messi-Ronaldo da più di un decennio, quest’anno si presenta come una nuova opportunità per invertire la tendenza e per ricordare che il Pallone d’Oro ha da tempo stato un trofeo che premia il potere di un collettivo in un anno attraverso l’incoronazione di un giocatore importante che simboleggia la sua squadra (s). Potremo davvero assistere a un duello Messi-Jorginho a fine anno? Difficile da immaginare, anche se il nazionale italiano ha il vantaggio di aver concluso la sua stagione con due importanti trofei, mentre Messi e Barca sono rimasti affamati con un terzo posto nella Liga e una pietosa eliminazione. . A quindici anni dalla contestata incoronazione di Fabio Cannavaro, è arrivato il momento per il Pallone d’Oro di riconquistare il suo posto d’Oltralpe con Jorginho. Una meta ideale per ridare significato e simbolismo a un premio storico.

READ  Ganna si ferma, è positivo per il Covid-19: nessun europeo in pista

Di Analie Simon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *