Joe Biden aumenta gli aiuti all’Ucraina, afferma che Mosca “non riuscirà mai” ad occupare il Paese – rts.ch

Gli ultimi combattenti ucraini a Mariupol si rifiutano di arrendersi, ma giovedì hanno chiesto “garanzie di sicurezza” alla comunità internazionale.

“Siamo pronti a lasciare Mariupol con l’aiuto di una terza parte ‘armata’ per salvare le persone a noi affidate”, ha osservato Svyatoslav Balamar, vice comandante del battaglione Azov. cavo.

Diverse centinaia di civili, privi di cibo e acqua, sono rintanati presso l’Azovstal Steel and Metal Plant con il 36° battaglione dell’esercito ucraino e il battaglione Azov, le ultime due unità di combattimento a Mariupol, secondo le autorità ucraine.

Un carro armato di forze filo-russe pattuglia le strade di Mariupol, 19 aprile 2022. [Alexander Ermochenko – Reuters]

Ha chiesto un cessate il fuoco

Svyatoslav Palamar ha invitato il “mondo civile” a fornire “garanzie di sicurezza”, sottolineando che i due battaglioni non hanno accettato “le condizioni della Federazione Russa sulla consegna delle armi e sulla cattura dei nostri difensori”.

I civili intrappolati all’interno della fabbrica, il cui numero non può essere confermato in modo indipendente, “sono spaventati dai continui bombardamenti”, aggiunge il comandante Palamar, chiedendo un cessate il fuoco.

In precedenza, kiev ha fatto una proposta. “Siamo pronti a tenere + sessione speciale di negoziazione + a Mariupol. Per salvare i nostri uomini, (battaglione) Azov, soldati, civili, bambini, vivi e feriti. Tutti”, ha appellato mercoledì sera su Twitter Michalo Podolak, consigliere della presidenza ucraina e uno dei negoziatori con la Russia.

READ  Mykonos: l'imprenditore rumeno ha lasciato la villa per 85mila euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.