Italia sacra, il trionfo delle idee

Appena un mese fa, all’apertura della competizione, l’Europa del calcio si è svegliata con bei ricordi. L’Italia aveva ottenuto una convincente vittoria il giorno prima nella gara d’esordio davanti al pubblico di casa a Roma, contro la Turchia (3-0). Lungi dall’essere favorita sulla carta, mentre si presentavano Belgio, Francia, Portogallo o Germania, la Squadra Azzurra ha rivelato ai suoi diretti concorrenti il ​​suo collettivo accuratamente oliato, il suo piano di gioco ben definito e una buona faccia.’outsider per la vittoria finale.

È stata una lunga strada ma un mese dopo Roberto Mancini ei suoi giocatori sono riusciti a vincere il secondo Euro della storia italiana dopo il 1968 dopo la vittoria nella finale contro l’Inghilterra di domenica sera (1-1, tab 3-2). Occorreva poi vedere la reazione dei giocatori, tutti impigliati nel loro eroe Gianluigi Donnarumma, e le lacrime del tecnico, per capire fino a che punto sia arrivata questa selezione dal 2018 e il trauma di un’assenza dal Mondiale.

Fin dalla sua nomina nel maggio 2018, Mancini ha cercato di rendere il collettivo la vera star di questa squadra. Durante questo Europeo, l’Italia ha tenuto fede ad un piano di gioco ben preciso che ha funzionato ormai da tre anni: un gioco luccicante, rivolto all’offensiva e un pressing alto con l’obiettivo di spingere l’avversario al limite.

Anche contro l’Inghilterra in finale, nel suo stadio di Wembley e davanti a 65.000 tifosi di Tre leoni pronto a festeggiare la prima vittoria della propria squadra all’Europeo, Mancini ha voluto rispettare questi principi, come ha spiegato sabato in conferenza stampa pre-partita: “Cercheremo di fare quello che abbiamo fatto finora e quello che ci ha portato qui. Non possiamo cambiare ora”.

Questa squadra italiana che vince l’Euro è anche un tremendo affronto a tutti questi allenatori e osservatori che deplorano il fatto che nella selezione non ci sia abbastanza tempo per lavorare. Le azzurre non hanno avuto più tempo delle altre squadre presenti a questo Europeo per ripetere i loro automatismi ma hanno mostrato più costanza.

READ  Europa League - 16 ° - Europa League: l'Italia sorride, Kiev e Olympiakos sul filo

Mentre in alcuni tornei le individualità hanno prevalso sul collettivo, l’Italia ha dimostrato il contrario per quattro settimane e resta imbattuta dopo 34 partite consecutive senza sconfitte. L’Italia ha quindi basato il suo successo su un centrocampista solido, con prestazioni di altissimo livello da Jorginho e Marco Verratti.

E indipendentemente dal fatto che Ciro Immobile abbia deluso per tutta la competizione, è stato assistito da Lorenzo Insigne all’inizio del torneo e Federico Chiesa alla fine dell’Euro. La coppia di centri composta da Giorgio Chiellini e Leonardo Bonucci ha impressionato, soprattutto nei momenti in cui l’Italia ha sofferto, ancora da squadra.

I giocatori della Squadra Azzurra dopo la vittoria della finale di Euro contro l'Inghilterra dell'11 luglio (ANDY RAIN/AFP)

Perché la Squadra Azzurra, che quindi aveva le sue idee di gioco, ha potuto contare sulle sue qualità difensive anche quando era in difficoltà e il risultato era in fondo al tunnel. Così è stato contro il Belgio nel secondo periodo nei quarti di finale, poi contro la Spagna in semifinale. Un segno che l’Italia ha saputo adeguarsi, per non parlare delle sue idee in fondo alla sua mente.

In questo Euro, l’Italia ha avuto il piano di gioco più coerente. Nel 2016 anche Antonio Conte ha avuto delle idee durante l’Euro francese, ma un piano più restrittivo. Questo non ha permesso il nazionale per andare oltre la fase dei quarti di finale, con un’eliminazione contro la Germania (1-1, tab 6-5). Questa volta il risultato si è rivelato più felice. Questa volta l’Italia è sul tetto d’Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *