Italia: Mario Draghi impone con la forza le sue riforme europeiste

Dobbiamo rispolverare il paese e in fretta. Il presidente del Consiglio Mario Draghi non esita a imporre le riforme strutturali che Bruxelles chiede da tempo, anche se ciò significa sconvolgere parte della sua eterogenea coalizione al potere.

L’ex capo della Banca centrale europea è stato convocato a febbraio al fianco dell’Italia dal presidente Sergio Mattarella per tirare fuori il Paese dalla crisi politica ed economica e avviare le riforme a lungo ritardate.

“Il governo va avanti, il lavoro del governo non può seguire il calendario elettorale”, ha detto mercoledì in un discorso del leader della Lega (estrema destra) Matteo Salvini.

Sulla scia del fallimento del suo partito nelle elezioni municipali, il leader populista ha incoraggiato i suoi aiutanti a boicottare il governo per esprimere la sua disapprovazione per la riforma del registro fondiario, temendo un aumento delle tasse sulla proprietà.

È indiscutibile “dare assegno in bianco” al governo, perché “tra un anno non ci sarà Draghi come presidente del Consiglio” e potrebbe esserci “qualcuno che tasserà anche l’aria che respiriamo”, ha detto, lasciando vattene per un po’ la paura che la Lega abbia rinunciato all’alleanza.

Tuttavia, questa crisi di mini-governo non durerà a lungo: l’ora di stallo di giovedì sera consentirà a Mario Draghi di raffreddare l’entusiasmo di Salvini ribadendo il suo impegno a “evitare qualsiasi aumento delle pressioni finanziarie”.

– Un milione di case fantasma –

La riforma penale, adottata senza il voto della Lega, mira a sistemare i possedimenti mai iscritti al catasto, le cosiddette “case fantasma”, che si stima superino il milione.

Nuovo quartiere mafioso abusivamente costruito vicino al porto di Napoli a Casalnuovo il 5 febbraio 2007 (AFP – Francesco Pischetola)
READ  Grecia, Francia, Italia e Cipro rafforzano l'"Alleanza Mediterranea"

Questa radicale riforma è stata sollecitata dalla Commissione europea, che nel 2019 ha stabilito che “i valori catastali, utilizzati come base per il calcolo dell’imposta sugli immobili, sono in gran parte obsoleti”.

Ma questa riforma non vedrà la luce fino al 2026, e per allora non cambierà le tasse sulla proprietà: in attesa che “nessuno pagherà di più, nessuno pagherà di meno”, ha promesso Mario Draghi.

L’obiettivo dichiarato è rafforzare la lotta all’evasione fiscale, che costa all’Italia circa 100 miliardi di euro l’anno.

Un’altra parte della riforma fiscale, i tagli alle imposte sul reddito, in particolare per le classi medie, potrebbero essere attuati dal 2022.

Mario Draghi ha insistito sul fatto che “dobbiamo seguire il calendario delle riforme negoziato con la Commissione europea per il piano di rilancio”.

– oltre le feste –

L’Italia non ha margini di errore: come primo beneficiario del piano di rilancio europeo, raccoglierà complessivamente 191,5 miliardi di euro in sei anni, a patto di raggiungere determinati obiettivi.

“Il presidente del Consiglio è determinato ad andare avanti senza essere legato a nessuno”, ha commentato Wolfango Piccoli, copresidente di Teneo Advisory.

Giovedì, mentre si trovava a Roma per una visita d’addio, il cancelliere tedesco uscente Angela Merkel ha dato soddisfazione a Mario Draghi, dicendosi fiduciosa che “l’Italia spenderà i soldi con saggezza”.

Questa riforma fiscale si aggiunge alla riforma della giustizia italiana, una delle meno efficaci in Europa, adottata a settembre per accelerare le infinite procedure e svincolare i tribunali.

Il senatore italiano Matteo Salvini, leader dell'estrema destra italiana, a Catania in Sicilia, 3 ottobre 2020. (AFP/Archivi - Alberto PIZZOLI)

Il senatore italiano Matteo Salvini, leader dell’estrema destra italiana, a Catania in Sicilia, 3 ottobre 2020. (AFP/Archivi – Alberto PIZZOLI)
READ  Perché il progetto della linea Lione - Torino è stato ritardato?

Un’altra riforma, la concorrenza, dovrebbe in particolare semplificare le norme applicabili agli appalti pubblici.

Il governo dovrà affrontare la riforma delle pensioni perché l’ultima, denominata “quota 100” e introdotta nel 2019 in via sperimentale, scade a fine anno.

Un fondamentale provvedimento associativo, poi governato insieme al Movimento 5 Stelle, ha consentito di partire dall’età di 62 anni dopo aver contribuito per 38 anni, rispetto ai 67 anni prima.

Se Mario Draghi riesce a portare Matteo Salvini in Europa, che descrive ancora nel 2020 come Bruxelles “un nido di serpenti e sciacalli”, allora abbandonare questo dispositivo promette una nuova prova di forza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *