in montagna con i migranti che tentano il difficile passaggio tra Italia e Francia

in montagna con i migranti che tentano il difficile passaggio tra Italia e Francia

Pubblicato

Aggiornamento


Durata del video:
4 minuti

Francia 2

Articolo scritto da

Francia 2 – O. Longueval, L. Krikorian, Y. Kadouch

Televisioni francesi

La sorveglianza del confine italiano è stata rafforzata ma è difficile rendere ermetico un Paese.

Per alcuni esuli arrivati ​​in Italia, raggiungere la Francia è la tappa finale di un lungo viaggio. Percorrono chilometri, spesso di notte, per evitare la polizia. Vicino al confine, un rifugio italiano è l’unico punto di ristoro. Ogni giorno arrivano qui 150 persone. La partenza è dal villaggio italiano di Tastiera. Questo è il terzo tentativo per un gruppo di guineani.

Inizia per loro una lunga passeggiata nella nebbia. Ci sono 5°C e l’unica guida è il GPS. Dopo tre ore di cammino, videro in lontananza le luci di Montgenèvre (Hautes-Alpes). Questo è il passaggio più rischioso a causa della presenza di soldati francesi. Gli agenti di polizia e i gendarmi pattugliano il villaggio e hanno l’ordine di non lasciar passare nessun migrante.

Circa 260 sono stati rimpatriati in Italia la settimana scorsa. Ma la polizia di frontiera non riesce ad intercettare il gruppo che arriva Briançon (Hautes-Alpes) dopo sei ore di cammino. Ogni giorno, una cinquantina di persone in questa città, ma un rifugio ha dovuto chiudere i battenti. “Abbiamo avuto 2.000 arrivi in ​​agosto. Normalmente, questo è il numero di arrivi per sei mesi”, sottolinea Jean Gaboriau, amministratore dell’associazione Refuges solidaires di Briançon (Hautes-Alpes). Molti esuli ora chiederanno asilo. “Vado a Lione [Rhône]e poi sono pronto a lavorare ovunque”confida un giovane.

READ  spogliata di un famoso dipinto di Ligabue, un proprietario trova il suo dipinto in una mostra, 31 anni dopo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *