Il divertente incontro tra uno sciatore e un gallo cedrone in una foresta italiana

Durante una passeggiata sugli sci di fondo nelle Dolomiti, un italiano ha avuto un incontro insolito. Si trovò faccia a faccia con un gallo cedrone che, stando alla coda e alle risatine, non era molto contento di vederlo in giro.

Il video circola da diversi giorni sui social network. Puoi vedere uno sciatore avventurarsi su una pista innevata. All’improvviso la sua attenzione viene attratta dal bordo della pista. In mezzo agli alberi c’è un uccello scuro che taglia la neve immacolata. Con la coda estesa, l’esemplare sembra seguire l’intruso con lo sguardo.

Lo sciatore frena e cade. L’uccello ne approfitta per spingere le ali in avanti e lanciare grida gutturali davanti a sé. Di fronte all’inattività dell’uomo, si china un po ‘più vicino a lui finché non guarda la sua macchina fotografica, sembrando a disagio. Lungi dallo smontare, continua a sfidarlo finché non gli blocca la strada.

La scena ha portato sorrisi a più di un utente di Internet ed è stata condivisa migliaia di volte. Tanto è sorta la confusione su dove è stato girato. Se qualcuno ha ipotizzato che si sia svolto nel Giura, nei Pirenei o nella Repubblica Ceca, è proprio nella regione dell’Alto Cador, nelle Dolomiti italiane, che si sarebbe svolto l’incontro.

L’animale è ben identificato. Questo è un gallo cedrone (o Tetrao urogallus), un uccello appartenente al gruppo delle Gallinaceae. La specie si evolve nelle foreste montane dell’Europa e dell’Asia ed è riconoscibile in particolare dalle sue misurazioni. Con un’apertura alare fino a 125 cm per una massa di circa 4 kg, ha infatti vinto il titolo di galliforme selvatico più grande d’Europa.

Dal lato dell’aspetto, il gallo cedrone presenta un dimorfismo sessuale significativo. Mentre la femmina sfoggia un piumaggio rosso e marrone, barrato di bianco e nero, il maschio mostra tonalità molto più scure, con riflessi blu-verdi. È quindi davvero un maschio che lo sciatore ha dovuto affrontare. Un esemplare chiaramente determinato a intimidire l’uomo.

Un gallo cedrone maschio pronto a dare battaglia. Sighmanb / CC BY 2.0

Il gallo cedrone è noto per la sua spettacolare esibizione di corteggiamento in cui il maschio allarga la coda, alza la testa e il collo e inizia a “cantare”. Un comportamento che gli permette di rendersi molto più imponente per sedurre le femmine. Ma il gallo può anche redigere i suoi attributi di fronte ad avversari o intrusi presenti nel suo territorio.

Nonostante la natura solitamente discreta dell’uccello, possiamo trovare su internet anche altri video che mostrano camminatori, ciclisti o sciatori che attaccano da gallo cedrone che a volte non esitano a passare il becco o le ali. Essere capito. Il famoso presentatore britannico David Attenborough si ritrovò a lottare con un maschio goffo.

In Francia è diffuso anche il gallo cedrone, suddiviso in due sottospecie T. urogallus aquitanicus e T. urogallus major. Si trovano in particolare nei Vosgi, nel Giura e nei Pirenei. D’altra parte, la loro popolazione è diminuita drasticamente in diverse regioni, in particolare in Alta Savoia, nei Vosgi e nelle Alpi dove l’uccello è addirittura scomparso, secondo L’Osservatorio dei Galliformi dei Monti.

Secondo il National Hunting and Wildlife Office (ONCFS), il numero dei galli cedroni è stimato oggi tra i 4.000 ei 5.000 adulti, la maggior parte in evoluzione nei Pirenei. Su scala globale, la specie è minacciata principalmente dalla caccia, dalla modifica e dal degrado del suo habitat, nonché dai disturbi legati alle attività umane.

Leggi anche:

⋙ Il cacatua nero, questo uccello che usa le percussioni per sedurre i suoi partner
⋙ Un raro uccello metà maschio e metà femmina scoperto in Pennsylvania
⋙ Le splendide foto di uccelli premiate dal Bird Photographer of the Year 2020

READ  Corona: l'Italia vuole tenere chiuse le scuole fino a gennaio: proteste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *