In Italia, Carlos Fortes si è dimesso dalla Rai di fronte alle pressioni del governo Meloni

In Italia, Carlos Fortes si è dimesso dalla Rai di fronte alle pressioni del governo Meloni
Creative Commons

Creative Commons

L’amministratore delegato di Ray, Carlos Fortes, ha annunciato le sue dimissioni lunedì 8 maggio di fronte alle pressioni del governo di estrema destra del primo ministro italiano Giorgia Meloni. Foto illustrativa scattata a Roma nel giugno 2009.

Italia – I suoi oppositori la vedono come un’acquisizione del Servizio pubblico della cultura da parte dell’amministratore delegato ultraconservatore dell’italiana Giorgia Meloni. Di fronte alle pressioni del governo del Primo Ministro italiano, il capo della RAI, la radio e televisione di stato italiana, ha annunciato lunedì 8 maggio le sue dimissioni, a cui dovrebbero seguire altri due direttori d’opera francesi.

Grazie a un lungo gioco di sedie musicali, il governo Meloni, l’estrema destra che il Paese ha conosciuto dal secondo dopoguerra, cerca di mettere a capo della Rai, oltre che di altro pubblico prestigioso, la fiducia popolare. istituzioni.

Ultimo trofeo fino ad oggi, Carlo Fortes, amministratore delegato di Ray, che lunedì ha giustificato la sua partenza con le pressioni esercitate su di lui dalle sue autorità di vigilanza. In una lettera al Ministero dell’Economia e delle Finanze a cui fa affidamento, Carlo Fortes ha detto di bocciare modifiche alla linea editoriale e alla programmazione che non fa” Non è considerato nell’interesse dell’opinione..

“Un conflitto politico legato alla mia posizione e alla mia personalità”

Nominato dal precedente governo Mario Draghi, ha sottolineato che “ Dall’inizio del 2023 c’è stata una lotta politica legata alla mia posizione e personalità e l’opinione si sta indebolendo.. Fratelli d’Italia (Fdi), il partito di estrema destra di Giorgia Meloni, ha arrestato nel settembre 2022 il vigile dell’audiovisivo contro Carlo Fortes. La formazione politica in particolare ha denunciato la presenza in onda del filosofo francese Bernard-Henri Lévy, che ha criticato la destra italiana ma senza polemica contraddittoria, mentre la campagna elettorale doveva concludersi dopo pochi giorni.

READ  Africa: ANAPI lavora per educare il personale dell'ambasciata della RDC in Tanzania alla diplomazia economica

Prima del suo arrivo alla RAI, Carlos Fortes era a capo del Teatro dell’Opera di Roma, e il governo avrebbe pensato di assegnargli un tesoro d’oro affidandogli la direzione dell’opera napoletana. Giovedì, tuttavia, il Consiglio dei ministri ha adottato diverse decisioni, tra cui una misura immediata che è stata approvata dai media. Articolo Fortes » Questa decisione impone a tutti i direttori di teatro musicale di età superiore ai 70 anni di lasciare le loro posizioni entro il 10 giugno al più tardi.

Manovre per il controllo completo dell’emittenza pubblica

Stephane Leisner, il direttore francese dell’Opera napoletana, si trova in questa situazione e la sua partenza dovrebbe consentire il trasferimento di Carlos Wurz. Secondo fonti del suo entourage citate lunedì dal quotidiano La Repubblica, non dovrebbe però candidarsi. Secondo questo stesso decreto, anche Dominique Mayer, alla guida della Scala di Milano, sarà interessato dal limite di età nel 2025. Interpellati da Agence France-Presse, Stefan Lesnar e Dominique Mayer non hanno voluto rispondere subito.

Sull’autorità del capo di uno dei partiti della sinistra italiana, Nicola Fratoianni. Con le dimissioni di Wurz iniziano le manovre per il controllo totale del pubblico audiovisivo.. “Il governo non ha nemmeno la pazienza di aspettare il normale mandato”Roberto Zaccaria, ex presidente della Rai, professore di diritto costituzionale ed ex deputato di sinistra, denuncia Roberto Zaccaria, in un’intervista ad Agence France-Presse. “Devi rispettare le istituzioni e non manipolarle per soddisfare le tue esigenze politiche e personali”.che raccomanda.

Vedi anche su Huffpost :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *